News

TEATRO POLIZIANO, STAGIONE 2020-21, SPETTACOLI MOMENTANEAMENTE SOSPESI PER LE NORMATIVE ANTI-COVID

teatro_poliziano_20_21_w.png

Il Teatro Poliziano sospende temporaneamente le attività come previsto dalle nuove normative. Ci si impegna a confermare quanto più possibile gli spettacoli previsti nel calendario della stagione teatrale 2020-21, confidando che si possa tornare in scena al più presto. Siamo comunque grati per la partecipazione dimostrata in questi giorni dal nostro pubblico e dai nostri abbonati che si rallegrano per il nostro lavoro e ci incoraggiano a promuovere la cultura e la socialità.

Teatro, musica e arti sono nella natura dell’essere umano perché le emozioni sono salutari.

Confermando l’impegno civico della Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte per la socialità e il lavoro culturale, avrebbe dovuto aprire il 27 novembre Isabella Ragonese con un testo intimo di Lucia Calamaro, autrice pluripremiata alla quale il cartellone di Montepulciano dedica quest’anno un approfondimento. Dovrebbero poi susseguirsi Massimo Popolizio con il classico novecentesco Furore, una sorprendente interpretazione teatrale del film di Hitchcook 39 scalini e ancora Lucia Mascino che interpreta l’altra pièce di Calamaro in programma, Flavio Insinna che propone lo spettacolo annullato nella scorsa primavera, fino al premio Ubu Lino Musella impegnato in un lavoro contemporaneo di Jan Fabre. Fuori abbonamento la produzione di Carlo Pasquini su pandemia e confinamento.

Gli accessi saranno contingentati e la disponibilità è ridotta.

Sonia Mazzini, presidente della Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte, spiega l’impostazione della stagione poliziana: “Abbiamo definito un calendario di spettacoli per rivendicare il ruolo sociale della cultura, per condividere emozioni, riflessioni e divertimento a teatro, in sicurezza, adottando tutti i protocolli sanitari che abbiamo già attuato la scorsa estate per il Cantiere Internazionale d’Arte."


ragonesevenerdì 27 novembre 20 / SOSPESO
DA LONTANO - Chiusa nel rimpianto
di Lucia Calamaro
ISABELLA RAGONESE
Lucia Calamaro, drammaturga e regista fra le più quotate in Italia, ha scritto il testo pensando espressamente alla sua protagonista e interprete, Isabella Ragonese, attrice di successo di teatro e cinema. Una novità assoluta di questa stagione teatrale. Il teatro di Calamaro mette in scena conversazioni che riproducono il movimento del pensiero, le sue sintesi e i salti logici, l’intuizione, il dubbio. Chiusa sul rimpianto racconta il tentativo irragionevole di una figlia adulta, diventata terapeuta, di aiutare la madre infelice, fragile, l’adulta impreparata al mondo che la accudiva alla bell’e meglio. La figlia, un tempo impotente di fronte al dramma della madre, ora che ne ha i mezzi avverte il sentimento di psicanalizzare quel genitore dolente che ha conosciuto da bambina, darle l’ascolto dovuto e aiutarla senza che se ne accorga.

 

popoliziogiovedì 10 dicembre 20
FURORE
di John Steinbeck
MASSIMO POPOLIZIO
Reduce dallo straordinario successo di Ragazzi di vita e Un nemico del popolo, Massimo Popolizio sceglie di confrontarsi con un capolavoro della narrativa americana: Furore di John Steinbeck, scritto nel 1939 e da subito divenuto un best-seller. Un one man show lirico ed epico. È una straordinaria figura di narratore, un corpo e una voce adeguati alla grandezza letteraria del testo: l’attore e regista traspone sulla scena le infinite risorse poetiche del metodo narrativo di Steinbeck. Raccontando le sventure della famiglia Joad, e i motivi di una delle più epocali migrazioni di contadini della storia moderna, Popolizio interpreta un momento di teatro realista e visionario, sempre sorprendente per la sua attualità.

 

scalini13 gennaio 21
39 SCALINI
MARCO ZORDAN, ALESSANDRO DI SOMMA, DIEGO MIGENI, YASER MOHAMED
Un racconto serrato, incalzante e velocissimo, dalle pennellate noir, che si ispira alla pellicola girata nel 1935 dal maestro del brivido, Hitchcock. Gli elementi tipici del grande Alfred ci sono tutti: l’umorismo graffiante, l’alta tensione e la suspense. Uno spettacolo che è un thriller. Solo 4 attori, abili trasformisti, danno vita a ben 40 personaggi. Un quartetto affiatato – e come potrebbe funzionare altrimenti? - presenta, anche contemporaneamente, buoni, cattivi, uomini, donne e persino oggetti inanimati. Si susseguono sorprendenti intrighi, gag esilaranti, colpi di scena e citazioni cinematografiche. Giù-la-maschera-su-la-maschera con ritmi vertiginosi: una pièce a perdifiato o più probabilmente con il fiato sospeso.

 

mascino6 febbraio 21
SMARRIMENTO
di Lucia Calamaro
LUCIA MASCINO
Smarrimento è un dichiarato elogio degli inizi e del cominciare. Di quel momento in cui la persona, la cosa, il fatto, appare o sbuca, ci incrocia insomma, creando presenza dove prima c’era assenza.
Questo topoi fiorisce attraverso la figura di una scrittrice in crisi, oramai da un po’, che ha dei personaggi iniziali di vari romanzi che non scriverà mai, perché non riesce ad andare avanti. Gli editori, per sfangare l’anticipo, le organizzano reading/conferenze in giro per l’Italia, in modo da tirar su qualche economia mentre lei non produce niente di nuovo e in un colpo solo riuscire a vendere all’uscita degli eventi, qualche copia delle vecchie opere. Quando non si riesce a continuare, non si può che ricominciare.

 

insinna20 febbraio 21
LA MACCHINA DELLA FELICITÀ - Ricreazione
FLAVIO INSINNA
e la sua Piccola Orchestra
Qual è il suono che più di tutti significa gioia fin da quando eravamo bambini? Il campanello della ricreazione, quel suono prolungato e felice che ci faceva tirare i quaderni in aria e ci catapultava nel divertimento. Ed è una vera e propria ricreazione “La macchina della felicità” di Flavio Insinna, uno spettacolo ricco di comicità, di racconti e di canzoni, scandito dalla storia d’amore tra i due protagonisti Laura e Vittorio. “Chi di voi è felice? Chi è felice alzi la mano!”. Da questa provocazione Flavio Insinna, un Pierino cresciutello ma sempre birbone, parte alla ricerca della felicità. È un modo per festeggiare la vita, l’amicizia, la famiglia e le tradizioni, ridendoci su, prendendoci un po’ in giro, ma sempre con lo sguardo innamorato. E quando la campanella suonerà la fine della ricreazione, beh… noi saremo già lontani.

 

musellamercoledì 10 marzo 21
THE NIGHT WRITER. GIORNALE NOTTURNO
di Jan Fabre
LINO MUSELLA
Uno spettacolo pensato in italiano appositamente per l’attore Lino Musella, già acclamato premio UBU. The night writer. Giornale Notturno riunisce alcune pagine dei diari personali di Jan Fabre dando vita a un’autobiografia intima e provocatoria. Lo scrittore notturno riflette sulla sua concezione di arte e di estetica, sul teatro, sulla sua vita personale donando al pubblico riflessioni che attraversano la sua intera vita, centrate sui temi della famiglia e dell’amore, del teatro, dell’arte e della bellezza. Domande poste da Fabre allo spettatore e a se stesso delle quali Musella non può che essere alter ego, corpo e voce.


[Fuori abbonamento]

propizio websabato 20 (h. 21.15) - domenica 21 marzo (h. 17.15) 21
PROPIZIO È SAPERE DOVE RECARSI
Formare Una Compagnia
CARLO PASQUINI
Sei giovani studenti si sono rifugiati in un luogo anonimo mentre in città imperversa una pandemia; una musica proviene dalla finestra, mentre le vicende si susseguono tra conflitti, tenerezze e speranza, finché un essere straordinario accompagna i giovani fuori dall’incubo. L’atto unico è nato durante il lockdown perché, come ha spiegato l’autore, stiamo vivendo un fatto immenso che resterà nella memoria e nella vita di ognuno, un avvenimento colossale e terrificante, tanto da cambiare per sempre, almeno nelle menti più duttili e brillanti, il senso profondo della realtà e del vivere. I brani di Bach entrano nel racconto in maniera miracolosa e in effetti c’è bisogno di una catarsi per superare l’angoscia e tornare al desiderio della vita.

________________
𝗶𝗻𝗳𝗼 𝗲 𝗽𝗿𝗲𝗻𝗼𝘁𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
T. 0578757089 / 757007

ABBONAMENTI
settore 1: 85 euro | settore 2: 70 euro
INGRESSO SINGOLI SPETTACOLI
settore 1: 18 euro | settore 2: 14 euro
FUORI ABBONAMENTO ‘Propizio è sapere dove recarsi’
settore 1: 12 euro | settore 2: 8 euro
PROMOZIONE GIOVANI studenti fino a 25 anni
settore 2 > abbonamento: 45 euro | singoli spettacoli: 10 euro


L'immagine ufficiale della stagione teatrale 2020-21 è di Silvia Menicali

 

 

HOME RECORDING PER MUSICISTI E DOCENTI DI MUSICA CON DAVIDE VANNUCCINI

Davide Vannuccini, musicista e produttore, presenta un ciclo di 5 incontri destinati a musicisti ed insegnanti che vogliano avvicinarsi alla pratica della tecnologia musicale. Un supporto alle attivitá didattiche e al lavoro di strumentisti, una competenza ormai indispendabile che può stimolare nuove idee creative anche per chi vuole mettersi di nuovo in gioco.

Si impara ad usare un software di produzione musicale, registrare e manipolare materiale audio in maniera corretta ed efficiente, con strumenti virtuali e molto altro, lasciando spazio alle domande e alle esigenze personali.

Dove: online su ZOOM
Quando: gli incontri saranno di 2 ore ciascuno dalle 18:00 alle 20:00
Ottobre 16 – 23 – 30
Novembre 6 – 13
Quota di partecipazione: €100 per gli allievi ed insegnanti dell’ Istituto H. W. Henze / €150 per gli esterni.

A tutti gli iscritti sará inviato il link per scaricare la registrazione video delle lezioni insieme alla sintesi dei contenuti che sono stati trattati e dispense per eventuali ulteriori momenti di studio e approfondimento.

Per iscrizioni ed info:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

MASTERCLASS DI MONICA LEONE E MICHELE CAMPANELLA: I MAESTRI DEL PIANOFORTE A MONTEPULCIANO

La scuola di pianoforte di Michele Campanella e Monica Leone, ospite della Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte, inaugurerà i corsi nei giorni 23 e 24 ottobre 2020 presso la sede dell'Istituto di Musica H. W. Henze.

La masterclass avrà una durata di 8 mesi con lezioni mensili che si concluderanno entro maggio 2021. Dopo quelle di ottobre, tutte le lezioni si svolgeranno dalla mattina del sabato al primo pomeriggio della domenica. Le date successive a quelle di ottobre verranno comunicate direttamente dai docenti. Gli studenti ammessi al corso non potranno superare il numero di otto. Il corso verrà aperto se si raggiungerà il numero minimo di cinque studenti. Sarà comunque possibile frequentare il corso in qualità di uditore.

Gli studenti che nell'anno accademico 2020-2021 saranno ritenuti dai docenti essere i più meritivoli, avranno la possibilità di partecipare al Cantiere Internazionale d'Arte 2021 in un appuntamento a loro dedicato.

SEDE
Istituto di Musica H.W.Henze, Via di Voltaia nel Corso 57, 53045 Montepulciano

ISCRIZIONI
Le domande di iscrizione dovranno pervenire entro il 15 ottobre 2020 all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

QUOTE
Iscrizione al corso: 150 euro
Costo mensile delle lezioni con Michele Campanella e Monica Leone: 250 euro
Tariffa giornaliera per uditori: 50 euro

La Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte sarà a disposizione degli studenti per suggerimenti su alloggi e altri servizi in Montepulciano, a condizioni economiche favorevoli.

Informazioni e iscrizioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ISTITUTO DI MUSICA HENZE APERTO PER L'ANNO SCOLASTICO 2020-21: PUOI FIDARTI DELLA MUSICA

L'Istituto di Musica “Hans Werner Henze” è pronto per un nuovo anno scolastico da affrontare in totale sicurezza. Gli ambienti accoglienti, la professionalità degli insegnanti, l'affidabilità organizzativa sono qualità dimostrate anche nel mesi appena trascorsi. Possiamo quindi tornare ad accogliere le nostre allieve e i nostri allievi, con una rinnovata fiducia nella musica. La scuola poliziana è sempre più attiva per chi vuole imparare a suonare uno strumento, in un contesto sereno, creativo e dinamico, in un contesto adeguato alle esigenze dei ragazzi e delle famiglie. Montepulciano, con le sue sedi distaccate di Cetona e Sarteano, è ormai un centro d’eccellenza per tutto il territorio: sono infatti coinvolti nella didattica musicale oltre 1.000 allievi, tra corsi individuali, corsi collettivi e attività nelle scuole pubbliche e private.

I CORSI COLLETTIVI SONO GRATUITI per allievi under 26.

La sede di Via di Voltaia nel Corso 57 (ex Palazzo di Giustizia) è aperta ai diversi corsi di strumento, in totale sicurezza.

ISCRIZIONI
Per le iscrizioni, la segreteria dell'Istituto di Musica H. W. Henze è aperta
dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.30

> Via di Voltaia, 57 - Montepulciano (Si)
> Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
> tel. 0578 758416 | cell. +39 347 7419459

Ecco tutti i dettagli sui corsi, le lezioni e le quote.

CORSI DI STRUMENTO


SEZIONE CLASSICA

Flauto, Flauto dolce, Oboe, Clarinetto, Sassofono, Corno, Tromba, Trombone, Chitarra, Pianoforte, Percussioni, Canto lirico, Violino, Viola, Violoncello, Contrabbasso, Organo, Fisarmonica, Armonia, Composizione, Arpa

SEZIONE MODERNA E JAZZ

Chitarra elettrica, Basso elettrico, Batteria, Pianoforte moderno e jazz, Canto moderno e jazz, Teoria e pratica jazz, Dj-producer e home recording

Corso di chiarina gratuito (in collaborazione con Magistrato delle Contrade)

CORSI COLLETTIVI GRATUITI per allievi under 26
TUTTI GLI ALLIEVI FINO AI 26 ANNI DI ETA' POSSONO FREQUENTARE GRATUITAMENTE TUTTI I CORSI DI TEORIA, RITMICA E PERCEZIONE MUSICALE (TRP), CORO DI VOCI BIANCHE, ORCHESTRA JUNIOR, GIOVANI ARCHI POLIZIANI, ORCHESTRA POLIZIANA, BANDA POLIZIANA, BAND DI PERCUSSIONI, ENSEMBLE DI FIATI, ENSEMBLE DI CHITARRE, ARRANGIAMENTO E ANALISI DEL REPERTORIO MODERNO, MUSICA DA CAMERA, MUSICA D'INSIEME (sezione moderna), STORIA DELLA MUSICA

QUOTE

Quote annuali di iscrizione ed assicurazione:

   

Quota mensile di frequenza ai corsi:

 

Allievi
“under 26”

Allievi
“over 26”

             

Iscritti entro il 31 Gennaio:

€   50.00

 

Corso 1 ora settimanale

 

€ 90,00

€ 100,00

Iscritti dal 1 Febbraio:

€   30.00

 

Corso 1/2 ora settimanale

 

€ 45,00

€ 50,00

Noleggio strumento:

€   50.00

 

Corso 1 ora quindicinale

 

€ 45,00

€ 50,00


PROMOZIONI SPECIALI

FAMILY dal secondo membro dello stesso nucleo familiare si applica la quota mensile di € 80 per corsi di 1 ora e € 40 per corsi di ½ ora (sul corso col minor costo)
TWIN per gli allievi che frequentano due o più corsi si applica la quota mensile di € 80.00 per corsi di 1 ora ed € 40 per corsi di ½ ora (sul corso col minor costo)
ADVANCE per chi paga in un'unica soluzione entro il 31 ottobre 2020 (la promozione si applica solo alle iscrizioni da quattro ore mensili):
- adulti > 720 € (anziché 800 €) 
- ragazzi under 26 > 640 € (anziché 720 €)
 
ISCRIZIONI E INFO
Tariffa d'iscrizione
50,00 euro (Cinquanta) con lo strumento di proprietà dell'alunno
100,00 euro (Cento) Corale Poliziana / 50 euro se già iscritti ad altri corsi
100,00 euro (Cento) con lo strumento di proprietà dell'Istituto di Musica
Validità iscrizioni / Per rendere valide le iscrizioni è necessario:
> versare la quota d'iscrizione
> prendere visione del regolamento (scarica qui .pdf)

> prendere visione del protocollo anticontagio (Covid19 scarica qui .pdf)

Per informazioni e iscrizioni:
Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte
Via Fiorenzuola Vecchia 5 - Montepulciano

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

MARKUS STENZ AL 45° CANTIERE CON L'ORCHESTRA DELLA TOSCANA, IL 30 LUGLIO IN PIAZZA GRANDE

[BIGLIETTI ON-LINE QUI] L'Orchestra della Toscana sarà al 45° Cantiere Internazionale d’Arte con un concerto sinfonico immaginato per la manifestazione di Montepulciano. Giovedì 30 luglio, alle 21.30, in Piazza Grande, guiderà la compagine musicale il maestro Markus Stenz, già guida musicale del Cantiere dove giunse nel 1989 proprio insieme a Detlev Glanert, autore annoverato nell’impaginazione di questo programma che ne presenta una prima esecuzione italiana. Stenz e Glanert furono infatti coinvolti dall’ideatore dell’utopia poliziana, Hans Werner Henze, ritrovandosi tutt’oggi ad alimentare la predilezione del Cantiere Internazionale d’Arte per la creatività contemporanea. Un’espressione estetica che, nell’appuntamento previsto in Piazza Grande, si abbina alla celebrazione della ricorrenza beethoveniana, in virtù della matrice classicista comune alle partiture.

S’intitola Idyllium il brano del 2019 con il quale Detlev Glanert continua la sua serie di riflessioni compositive sulle sinfonie di Johannes Brahms. Le "Metamorfosi tratte da Brahms per orchestra" evocano l’atmosfera della Seconda sinfonia, considerata la sua più lieta, melodiosa. Glanert commenta questo umore idilliaco, utilizzando niente più che microparticelle tratte da Brahms.
Dopo i passaggi drammaturgicamente più commoventi, un finale inatteso pone un punto esclamativo impudente che si esprime come un omaggio diretto alla tessitura di Brahms.
Idyllium è una commissione della Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam.

MARKUS STENZ direttore
Direttore d’orchestra tedesco, 55 anni, è stato direttore principale per Netherlands Radio Philharmonic Orchestra e London Sinfonietta, ospite principale Baltimore Symphony Orchestra, direttore in residence Seoul Philharmonic Orchestra, direttore musicale città di Colonia, direttore artistico Melbourne Symphony Orchestra. Ha lavorato nelle massime istituzioni: Scala, La Monnaie Brussels, English National Opera, San Francisco Opera, Stuttgart Opera, Frankfurt Opera, Glyndebourne Festival Opera, Chicago Lyric Opera Edinburgh Festival. Negli USA è ha diretto a Boston, Chicago, Cincinnatti, Dallas, Houston, San Diego, St. ouis, Los Angeles, Minnesota e Pittsburgh. Le sue esecuzioni sono incise per numerose etichette e trasmesse su radio e tv internazionali.

ORCHESTRA DELLA TOSCANA
L’ORT è interprete duttile di un ampio repertorio e si distingue per l’eccellenza dei musicisti da cui è composta. Tale qualità artistica permette alla formazione di poter eseguire un’ampia letteratura che va dal barocco al classico romantico, fino al Novecento storico, con una particolare attenzione alla musica contemporanea, partecipando a importanti manifestazioni tra cui Biennale Musica di Venezia e al Festival Musica di Strasburgo. L’ORT ha ideato e realizzato il Festival “Play It!” dedicato alla musica italiana del nostro tempo, ottenendo nel 2014 il Premio“Franco Abbiati” quale migliore iniziativa.

CANTIERE REPLAY: TUTTI GLI SPETTACOLI DEL 45° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

BAI 3838

Clicca replay sul 45° Cantiere Internazionale d'Arte: ci sono le foto di scena, le notizie e gli approfondimenti sui protagonisti degli spettacoli!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

23 LUGLIO 2020

Ore 20.30 Sarteano - Castello
META(À)

24 LUGLIO 2020

Ore 18.00 Cortile delle Carceri
SCIENZA ARTE UTOPIE

Ore 20.30 Sarteano - Castello
META(À)

Ore 21.30 Piazza Grande
CONCERTO INAUGURALE

 

25 LUGLIO 2020

Ore 18.00 Piazza Grande
CONCERTO DELLA BANDA POLIZIANA

Ore 20.30 Sarteano - Castello
META(À)

Ore 21.30 Torrita di Siena - Piazza Matteotti
OMAGGIO A GIULIO NERI

Ore 21.30 Cortile delle Carceri
LE VOYAGE DANS LA LUNE
LA GRANDE FESTA

Ore 23.30 Piazza Grande
Leslie Howard - Ludovico Troncanetti 

 

26 LUGLIO 2020

Ore 18.30 Castelmuzio - Piazza della Pieve
SUDDEN RUPTURE

Ore 20.30 Sarteano - Castello
META(À)

Ore 21.30 Cortile di Palazzo Ricci
PROPIZIO SAPERE DOVE RECARSI

Ore 23.30 Cortile delle Carceri
Luigi Piovano - Giulia Rubenni

 

27 LUGLIO 2020

Ore 18.00 Cortile delle Carceri
SetteinsiemeperPiero a Lampedusa

Ore 21.30 Cortile di Palazzo Ricci
HIGHLY THEATRICAL

Ore 23.30 Cortile delle Carceri
Michele Franzini

 

28 LUGLIO 2020

Ore 18.00 Cortile delle Carceri
L’Astrée

Ore 21.30 Chianciano - Piazzetta dei Soldati
Michele Franzini

Ore 21.30 Cortile di Palazzo Ricci
Quartetto Foné

29 LUGLIO 2020

Ore 18.00 Cortile delle Carceri
Giacomo Palazzesi

Ore 21.30 Piazza Grande
TRA CIELO E TERRA

Ore 21.30 Cetona - Piazza della Collegiata
L’Astrée

Ore 23.30 Cortile delle Carceri
Mario Eleno - Massimiliano Cuseri

 

30 LUGLIO 2020

Ore 18.00 Cortile delle Carceri
Zeisig Trio


Ore 21.30 Piazza Grande
CONCERTO SINFONICO

 

31 LUGLIO 2020

Ore 18.00 Cortile delle Carceri
Giacomo Bianchi Giordana Della Rosa

Ore 21.30 San Casciano dei Bagni - Piazza della Repubblica
Concerto finale della Master Class di Ines Salazar

Ore 21.30 Sinalunga - Piazza Biancalana
Cherubini Sax Quartet

Ore 21.30 Piazza Grande
ECHI D'ISTANTI

 

1 AGOSTO 2020

Ore 18.00 Cortile delle Carceri
CELLISSIMO!

Ore 21.30 Celle sul Rigo - Piazzetta delle Macine
Concerto finale della Master Class di Ines Salazar

Ore 21.30 Teatro Poliziano
FUGA A TRE VOCI - Intorno al carteggio Bachmann/Henze

 

2 AGOSTO 2020

Ore 18 Teatro Poliziano
FUGA A TRE VOCI - Intorno al carteggio Bachmann/Henze

Ore 21.30 Piazza Grande
CONCERTO DI CHIUSURA

Ore 23.30 Piazza Grande
PROMETHÉE - LE POÈME DU FEU

ACCESSO CIVICO

L'accesso civico (semplice) è il diritto di chiunque a richiedere i documenti, informazioni o dati per i quali è previsto l'obbligo di pubblicazione.

L'accesso generalizzato, invece, consente all'istante di ottenere documentazione/informazioni/dati detenuti dall’amministrazione ulteriori rispetto a quelli per cui si richiede la pubblicazione obbligatoria prevista nel FOIA (Dlgs. 33/2013 e ss. mm. e iii).

La domanda di accesso civico va presentata al Responsabile della prevenzione della Corruzione e della Trasparenza che si pronuncia sulla richiesta.

L'amministrazione entro 30 giorni dalla richiesta comunica al richiedente il link alla pagina del sito istituzionale in cui è già pubblicato il documento, informazione dato richiesto o provvede alla loro pubblicazione nel sito istituzionale.

Oppure rende disponibile, nel caso di accesso generalizzato, dati, informazioni e/ documentazione richiesta fatti salvi i casi di diniego previsti dalle norme nazionali .

Il riferimento è il responsabile della comunicazione ALESSIO BIANCUCCI tel. 0578757007
e.mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Il potere sostitutivo, in caso di ritardo o mancata risposta, è attribuito a LORENZO BUI tel. 0578757089
e.mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 


SCARICA IL MODELLO PER ISTANZA DI ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO

SCARICA IL MODELLO

REGISTRO ACCESSO CIVICO
Sul registro accesso civico non sono al momento presenti richieste, non essendone pervenute.

I SOLISTI AQUILANI INAUGURANO IL 45° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

Solisti Aquilani 2

 

Dopo essere stati acclamati in contesti internazionali come il Cemal Reşit Rey Konser Salonu di Istanbul e il Centre Culturel Prince Jacques di Beausoleil, oltre che in innumerevoli sale e teatri in Italia, I Solisti Aquilani arrivano in Piazza Grande per inaugurare il 45° Cantiere Internazionale d'Arte.
Il programma del concerto, diretto da Roland Böer, è impaginato con Le Chaos dalla Symphonie nouvelle Les Éléments di Rebel, Le Stagioni di Vivaldi e Sweet Bird di Händel.

Con Daniele Orlando violino, Adina Vilichi soprano
Giampiero Allegro, Gaetano Schipani flauti dolci
Paolo Vaccari flauto

Piazza Grande | 24 luglio 2020
BIGLIETTI QUI

 

IL PROLOGO DEL 45° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE È IL 23 LUGLIO CON META(À), AL CASTELLO DI SARTEANO

meta

META(À) - A volte uno si crede incompleto ed è soltanto giovane 


La Nuova Accademia degli Arrischianti porta in scena al Castello di Sarteano un nuovo allestimento scritto e diretto da Laura Fatini, con musiche di scena appositamente composte dall'autore toscano Giovanni Vannoni ed eseguite dal vivo dagli strumentisti dell'Ensemble degli Intrigati.

Nuova opera di teatro musicale, Meta(à) si articola sul concetto che la completezza nasce dall'essere stati divisi a metà, quando le ferite che abbiamo sul corpo hanno fatto entrare, ed uscire, la luce.

BIGLIETTI DISPONIBILI QUI

IL REGALO DI MATURITÀ DAL 45° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE PER GLI STUDENTI

Un regalo per la maturità arriva dal 45° Cantiere Internazionale d’Arte. Agli studenti che quest'anno hanno conseguito il diploma di maturità presso le scuole di Montepulciano è infatti rivolto l'invito a partecipare a uno degli oltre trenta spettacoli presenti nel cartellone della manifestazione in agenda dal 23 luglio al 2 agosto. L'edizione, ispirata al tema Caos e Creazione - Scienza Arte Utopie, offre un calendario di eventi, tra musica, teatro, danza, canto lirico, cinema, dislocati tra Montepulciano e la Valdichiana.

Dedicando un omaggio ai giovani diplomati in un anno scolastico anomalo, a causa delle complicazioni dovute all'emergenza sanitaria, la Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte conferma la propria riconoscenza per l'impegno del sistema scolastico nei confronti delle nuove generazioni ed esprime tutta la sua sensibilità verso una formazione dell'individuo che tenga conto anche di una crescita culturale e civica. La presidente Sonia Mazzini sottolinea la cooperazione con gli istituti scolastici: “I dirigenti del nostro polo didattico hanno accolto con entusiasmo questa nostra proposta rivolta alle ragazze e ai ragazzi che quest’anno si sono cimentati in un impegno insolito, viste le difficoltà contingenti.”
“L’istruzione e le organizzazioni culturali possono rafforzare la crescita delle nuove generazioni e per questo siamo sempre disponibili a nuove collaborazioni con le istituzioni scolastiche”, conclude Mazzini.

Gli studenti che hanno appena completato i loro percorsi nelle scuole superiori di secondo grado avranno quindi la possibilità di assistere gratuitamente alle esibizioni dei numerosi artisti in programma, tra cui compaiono realtà locali come la Nuova Accademia degli Arrischianti di Sarteano, l'Orchestra Poliziana, il collettivo giovanile Formare una Compagnia diretto da Carlo Pasquini, la Petite École di Cristina Peruzzi, l'Ensemble degli Intrigati, oltre agli ospiti affermati sul panorama internazionale come il Markus Stenz e Ines Salazar, compagini musicali quali I Solisti Aquilani, l'Orchestra della Toscana, il Trio Astrée, il Quartetto Foné, Zeisig Trio, Duo Alterno e Setteinsiemeperpiero a Lampedusa, le prestigiose partecipazioni di Mariangela Vacatello, Francesco D'Orazio, Michele Franzini, Luigi Piovano, Leslie Howard con Ludovico Troncanetti, Giacomo Palazzesi e infine gli interpreti illustri del cinema italiano Alessio Boni e Michela Cescon, impegnati nell'evento teatrale diretto da Marco Tullio Giordana e ispirato al carteggio tra Ingeborg Bachmann e Hans Werner Henze. Le prenotazioni sono attive tramite Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / T. 0578757089; i biglietti online sono invece disponibili su www.vivaticket.it.

RI-SUONA VALDICHIANA, TORNA LA MUSICA DAL VIVO CON CONCERTI SIMULTANEI IN SEI COMUNI

La musica dal vivo si riprende le scene e gli spazi pubblici con l’evento Ri-suona Valdichiana. Un primo concerto simultaneo, dopo l’emergenza sanitaria, coinvolge all’unisono i centri di Cetona, Chianciano Terme, Montepulciano, Sarteano, Sinalunga e Torrita di Siena. Domenica 21 giugno, in occasione della Festa della Musica, a partire dalle ore 17.00, i Comuni e le locali organizzazioni culturali si mobilitano per restituire alle piazze e ai borghi l’energia della musica. L’iniziativa è promossa dalla Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte che ha raccolto l’adesione e la partecipazione delle realtà territoriali operanti nel segmento musicale.

“Abbiamo continuato ad impegnarci - sottolinea Alessio Tiezzi, direttore dell’Istituto di Musica Henze di Montepulciano - in tutto questo periodo, ricordando in ogni momento e in ogni occasione che la musica è lavoro e socialità; ed ecco che alla prima occasione utile vogliamo rinnovare nelle nostre strade e nelle nostre comunità l’energia insostituibile della musica dal vivo”.

Si scandisce quindi un concerto di area che vuole fa risuonare la Valdichiana. A Montepulciano l’appuntamento è in Piazzetta del Poggiolo dove saranno protagonisti gli allievi del locale Istituto di Musica Henze con una sequenza di oltre 30 esibizioni. L’istituzione poliziana, con le sue sedi distaccate, è presente anche a Cetona, in Piazza Garibaldi (sezioni di pianoforte, violino e chitarra) e a Sarteano dove s’incontrano in Piazza XXIV giugno anche Nuova Accademia degli Arrischianti, Filarmonica di Sarteano e Ottoni per Caso, in un consesso culturale caldeggiato dall’amministrazione comunale. A Chianciano Terme sarà il Parco Acquasanta ad accogliere la performance della banda, grazie all’Istituto Musicale Bonaventura Somma, in collaborazione con Terme di Chianciano.  Il Parco della Rimembranza è invece il luogo individuato a Torrita di Siena per il concerto curato dalla scuola di musica La Samba, mentre Sinalunga affida le esecuzioni alle diverse realtà didattiche attive sul proprio territorio.

Tutti gli spettacoli sono ad ingresso gratuito; gli accessi saranno contingentati dagli organizzatori in base alle capienze delle diverse platee.

NUOVE OPERE PER MUSICISTI DISTANZIATI AL 45° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

Il distanziamento interpersonale imposto dalla situazione sanitaria diventa uno stimolo alla creatività musicale per il Cantiere Internazionale d’Arte. La manifestazione, in programma a Montepulciano, nel cuore della Toscana, dal 23 luglio al 2 agosto 2020, ha infatti concepito il progetto Echi d’istanti, un concerto che conferisce un’interpretazione artistica alla distanza sociale dovuta alle condizioni attuali.

Sono state commissionate nuove creazioni musicali pensate proprio per essere eseguire in prima assoluta da musicisti distanziati e dislocati nello spazio in maniera insolita. L’esito è quello di una esclusiva sonorizzazione della Piazza Grande di Montepulciano, scenario rinascimentale dove gli strumentisti dell’Ensemble degli Intrigati saranno ben separati, per portare alle estreme conseguenze musicali il comportamento cui ci si conforma in questo periodo storico. Per realizzare le musiche originali dell’appuntamento in agenda per il 31 luglio 2020, sono stati coinvolti compositori di diversa estrazione.

L'apertura della serata propone la Fanfare della clarté du ciel di Olivier Durendal per tromba e timpani. L’inglese David Graham firma invece una partitura che prevede la disposizione di musicisti sulla terrazza e sulla torre campanaria del Palazzo Comunale di Montepulciano, capolavoro dell’architettura cinquecentesca la cui facciata è attribuita a Michelozzo. Altri componenti strumentali saranno sul palcoscenico posto nella piazza, mentre cinque percussionisti suoneranno dall’esterno della location, fuori dalla visuale del pubblico, fino a un epilogo sorprendente. Graham assimila il suo brano Fortschrittsoptimist (Ottimista di Progresso) a un vaso di Pandora che si apre: “Qualcosa si avvicina, è un virus o è arte? È forse la comunicazione o magari è il nostro destino di prendere ciò che capita e di amplificarne gli effetto su noi stessi.”

Claus Kühnl è invece l’autore tedesco che opta per una collocazione geometrica, immaginando un quintetto d’archi al centro della Piazza Grande, con il pubblico tutto attorno e altri quattro elementi (due sassofonisti e due percussionisti) sistemati agli angoli del quadrilatero. S’intitola "Con suoni e canti" Serenata per nove strumentisti questo brano caratterizzato da un’atmosfera onirica.

Norberto Oldrini delinea l’idea della sua composizione denominata Gravity: “Nel vuoto dello spazio aperto alcuni musicisti gravitano intorno ad altri musicisti. Ciascuno con una cadenza, isolata, che però non può evitare di entrare in un rapporto gravitazionale e musicale con tutti gli altri.”

LA CELEBRAZIONE DI BEETHOVEN AL 45° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE CON ARTISTI PRESTIGIOSI

Nel 2020 si festeggia il 250° compleanno di Ludwig van Beethoven. La celebrazione era particolarmente attesa, ma è stata ridimensionata a causa della crisi sanitaria. Il 45° Cantiere Internazionale d’Arte, in programma a Montepulciano dal 23 luglio al 2 agosto 2020, riesce invece a confermare un ciclo di approfondimento musicale sul compositore, coinvolgendo artisti prestigiosi in una interpretazione originale dell’omaggio beethoveniano. L’intera programmazione del Cantiere Internazionale d’Arte include capolavori sinfonici, musica da camera con dedica a coloro che hanno sofferto per l’epidemia, fino agli estratti dall'unico balletto firmato da Beethoven, “Le creature di Prometeo", basato su una poesia di Goethe.

ORCHESTRA DELLA TOSCANA DIRETTA DA MARKUS STENZ
Un grande concerto sinfonico è stato ideato proprio per evidenziare la drammaturgia musicale di Beethoven, contestualizzata in un’impaginazione originale. Giovedì 30 luglio, saranno eseguite l’Ouverture da Le Creature di Prometeo e la Sinfonia n. 3 Eroica, abbinate al brano Idyllium dell’autore contemporaneo Detlev Glanert che sarà presentato in prima italiana. L’esecuzione è affidata all’Orchestra della Toscana, guidata da Markus Stenz, direttore tedesco tra i più richiesti al mondo. La ricorrenza beethoveniana è così valorizzata in virtù della matrice classicista comune alle tre partiture in programma: il brano di Glanert è infatti un tributo a Brahms, altro compositore tra i più influenti nella storia della musica. La Piazza Grande di Montepulciano, palcoscenico rinascimentale, accoglie questo primo appuntamento, così come il successivo Concerto di Chiusura.

CONCERTO DI CHIUSURA CON ORCHESTRA POLIZIANA, MARIANGELA VACATELLO, FRANCESCO D’ORAZIO
Una proposta integralmente beethoveniano si articola nel Concerto di Chiusura, l’evento più partecipato e popolare della manifestazione, in agenda per il 2 agosto. Saranno eseguiti due estratti da Le Creature di Prometeo, il Concerto per pianoforte e orchestra n.3 e il Concerto per violino e orchestra. Sarà impegnata l’Orchestra Poliziana, composta da giovani talenti di Montepulciano, preparata e arricchita grazie alla partecipazione di professori d’orchestra internazionali, compresi tedeschi, per il progetto speciale di collaborazione e sinergia musicale denominato Side-by-side. Sotto la direzione musicale di Roland Böer, direttore artistico della manifestazione, sono coinvolti solisti affermati tra le massime istituzioni internazionali, ovvero Mariangela Vacatello al pianoforte e Francesco D’Orazio al violino.

APPUNTAMENTI CAMERISTICI
Il Quartetto Foné si distingue nel panorama quartettistico nazionale per il consolidato percorso artistico: al 45° Cantiere presenta dal repertorio di Beethoven la Canzona di ringraziamento di Beethoven, rivolta a coloro che hanno patito e lottato in questo periodo difficile (28 luglio)

Tra le creazioni più apprezzate del compositore tedesco c’è poi il celeberrimo Settimino op.20 proposto venerdì 31 luglio grazie al nuovo progetto SetteinsiemeperPiero a Lampedusa: sette musicisti affermati si riuniscono nel ricordo del musicista Piero Farulli, per una esibizione che sarà poi ripresa nell’isola mediterranea, per un messaggio universale e transeuropeo.

TOSCANA SUMMER MUSIC, I CAMPUS RESIDENZIALI RINVIATI AL 2021

Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte, in accordo con i partner Ricordi Music School e Conservatorio della Svizzera Italiana, rinvia al 2021 i campus residenziali previsti per l'estate 2020. Le attuali normative relative al distanziamento interprersonale, dovute alla situazione sanitaria, non rendono possibile la realizzazione di un'iniziativa didattica caratterizzata proprio dall'esperienza di aggregazione legata alla musica d'insieme. Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte e Istituto di Musica Henze continuano comunque lavoro di formazione e promozione sociale della musica, iniziando già a delineare le date della prossima edizione che si terrà nel 2021. L'appuntamento con Toscana Summer Music è già rinnovato per l'anno prossimo!

 

 

TOMASO MONTANARI E NINO CRISCENTI PRESENTANO IL LIBRO L'ARIA DELLA LIBERTA'

VEDI LA PRESENTAZIONE DEL VOLUME
L'aria della libertà
L'Italia di Piero Calamandrei

{basicyoutube}kmTWxRjt9hY{/basicyoutube}


Nino Criscenti e Tomaso Montanari sono gli autori del volume L'aria della libertà - L'Italia di Piero Calamandrei, pubblicato da Edizioni di Storia e Letteratura. Sono loro a resentare, in un colloquio telematico, l'opera realizzata a partire dallo spettacolo teatrale che aveva debuttato a Montepulciano nel 2017. E a Montepulciano esordisce quindi virtualmente la versione editoriale di questo racconto fotografico che approfondisce un passaggio storico fondamentale, nel quale si immaginava un'Italia finalmente liberata.

Un libro di cui abbiamo bisogno, come scandisce nell'introduzione Salvatore Settis "per ricordare a noi stessi quel che l'Italia fu, quel che ancora ne resta, quel che potrebbe ancora essere".

Le istantanee scattate dalla Rolleiflex di Piero Calamandrei raccontano l'atmosfera - allegra e malinconica - di queste brevi fughe per pievi e abbazie, siti archeologici e luoghi d'elezione di artisti e poeti. Alla ricerca del verso volto della patria, insieme a Calamandrei, alcuni dei più importanti intellettuali antifascisti che, all'indomani della fine della guerra, furono tra i protagonisti della rinascita morale e civile del paese.

In collaborazione con Biblioteca Comunale e Archivio Storico "Piero Calamandrei" Montepulciano, Amici Della Musica Foligno, Accademia Filarmonica Romana, Istituto Luce Cinecittà.

Acquista on-line il volume > qui
Acquista on-line l'ebook > qui

 
arialibertas

 

CAFFÈ SOSPESO, UN CICLO DI INTERVISTE IN STREAMING CON ARTISTI LEGATI AL CANTIERE

Una rassegna di videointerviste pubblicate in streaming è la nuova iniziativa digitale del Cantiere Internazionale d’Arte per produrre contenuti e format originali, nel periodo in cui sono sospesi gli spettacoli dal vivo. Il ciclo di incontri virtuali s’intitola “Caffè sospeso - a chiacchiere con l’artista”

È un’iniziativa che vuole immaginare nuove forme di espressione adeguate a questo periodo dove il tempo sembra appunto sospeso. Ecco il senso di un caffè sospeso con l’artista, un titolo che evoca anche una pratica solidale dalla quale dovremmo prendere esempio, tanto più nei momenti critici. Autorevoli e celebri personalità della cultura e delle arti cercheranno anche di decifrare la momentanea crisi e le nuove prospettive dello spettacolo dal vivo attraverso il punto di vista di artisti e personalità particolarmente accreditate. 


7 maggio 2020
MARKUS STENZ - DETLEV GLANERT
Artisti particolarmente affermati nell'orizzonte musicale internazionale Markus Stenz e Detlev Glanert partecipano all'evento di chiusura della videotournée "Caffè sospeso". Stenz, direttore d'orchestra invitato tra le massime istituzioni mondiali e più volte sui podi di Montepulciano; Glanert, compositore tra i più influenti della contemporaneità, già direttore artistico del Cantiere Internazionale d'Arte. Una conversazione brillante, autentica, preziosa.
{basicyoutube}mlnrjG1x5_I{/basicyoutube}

30 aprile 2020
PIETRO SPERDUTI - GIANNI 'GIACCIO' TRABALZINI
Dietro le quinte ci sono altre professionalità artistiche. Come ad esempio quelle dei disegnatori luci che devono coniugare sensibilità estetica e competenze tecniche. Ne parlano due figure di riferimento per il Cantiere Internazionale d'Arte, ovvero il direttore tecnico Gianni Trabalzini e il grande Pietro Sperduti.
{basicyoutube}HFf_UqTE2gM{/basicyoutube}

27 aprile 2020
GIORGIO ROSSI - FRANCESCA MOMMO
Due protagonisti della danza moderna al Cantiere Internazionale d'Arte, due generazioni creative che si conoscono per la prima volta grazie a questa videointervista. E c'è subito quell'energia e quella capacità visionaria che sanno raccontare soltanto le personalità più interessanti. Un episodio particolarmente stimolante, tra Germania, Africa, Toscana, nevicate, abbracci, contatti e amore, quello incontenibile per la danza.
{basicyoutube}-nvkVOBoQm8{/basicyoutube}

23 aprile 2020
L'ARIA DELLA LIBERTA' - NINO CRISCENTI E TOMASO MONTANARI
edizione speciale Festa della Liberazione
Nino Criscenti e Tomaso Montanari sono gli autori del volume L'aria della libertà - L'Italia di Piero Calamandrei, pubblicato da Edizioni di Storia e Letteratura. Presentano l'opera realizzata a partire dallo spettacolo teatrale che aveva debuttato a Montepulciano nel 2017. E a Montepulciano esordisce quindi virtualmente la versione editoriale di questo racconto fotografico che approfondisce un passaggio storico fondamentale, nel quale si immaginava un'Italia finalmente liberata.
{basicyoutube}kmTWxRjt9hY{/basicyoutube}

20 aprile 2020
FEDERICO E GIULIO MARIGNETTI / CHIARA E IRENE TRANCOSSI
Federico Marignetti, performer affermato, interpreta l'esibizione del musical. Chiara Trancossi, scenografa realizzatrice testimonia il backstage dell'allestimento tecnico. Irene Trancossi, fotografa, rappresenta il lavoro della comunicazione. Giulio Marignetti, contrabbassista, esprime l'ambito dell'esecuzione musicale. Due fratelli poliziani e due sorelle emiliane, da Montepulciano al professionismo.
{basicyoutube}YBl5ONSOgB0{/basicyoutube}

20 aprile 2020
ROLAND BÖER / FRANCESCO PASQUALETTI
Roland Böer, direttore artistico del Cantiere Internazionale d'Arte, beniamino e amico del pubblico poliziano, incontra Francesco Pasqualetti, direttore d'orchestra che proprio da Montepulciano ha avviato la sua carriera internazionale. Un conversazione sul Cantiere, sui ricordi e sulle prospettive.

{basicyoutube}EEeG996PIKU{/basicyoutube}
13 aprile 2020
GIORGIO BATTISTELLI / GIOVANNI OLIVA
Giorgio Battistelli, compositore tra i più influenti della contemporaneità, già direttore artistico del Cantiere Internazionale d'Arte, attuale direttore artistico del Festival Puccini e dell'Orchestra della Toscana, dialoga con Giovanni Oliva (coordinatore Cantiere Internazionale d'Arte).

{basicyoutube}UX7zV9cu5wQ{/basicyoutube}
9 aprile 2020
ENRIQUE MAZZOLA / LUCIANO GAROSI
Enrique Mazzola, già direttore artistico del Cantiere Internazionale d'Arte e direttore musicale della Lyric Opera of Chicago, conversa con Luciano Garosi (docente al Conservatorio L. Cherubini di Firenze, nonché storica guida dell'Istituto di Musica di Montepulciano).

{basicyoutube}4VZ2cUYqGGY{/basicyoutube}
6 aprile 2020
MARIANGELA VACATELLO / ALESSIO TIEZZI
L'acclamata pianista e docente Mariangela Vacatello incontra Alessio Tiezzi (direttore dell'Istituto di Musica Henze), discorrendo concerti, didattica musicale, solidarietà e ovviamente di Cantiere Internazionale d'Arte. 

{basicyoutube}H0bysaIGS-I{/basicyoutube}
2 aprile 2020
LEILA FTEITA / ALESSIO BIANCUCCI
La scenografa e costumista Leila Fteita conversa con Alessio Biancucci (Fondazione Cantiere) di aggregazione sociale, cultura, spettacolo dal vivo e della sua esperienza al Cantiere nella produzione del Pollicino di Henze, anno 2016.

{basicyoutube}ekVxVpELVRc{/basicyoutube}
 

 

TEATRO POLIZIANO, SPETTACOLI SOSPESI: ECCO LE MODALITÀ DI RIMBORSO

COMUNICAZIONE AGGIORNATA AL 2 APRILE 2020

A seguito del nuovo decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Teatro Poliziano comunica che lo spettacolo di Flavio Insinna “La macchina della felicità”, già riprogrammato per il 4 aprile, è sospeso. Era stato precedentemente sospeso anche lo spettacolo “Misercordia” di Emma Dante.

Per gli abbonati e per coloro che avevano acquistato i biglietti dei singoli spettacoli il Teatro Poliziano mette a disposizione le seguenti soluzioni.

1.) Sostituzione del biglietto o della quota di abbonamento con voucher di pari valore da utilizzare per tutti i prossimi spettacoli organizzati dalla Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte, entro un anno, come previsto dall’art. 88, comma 3, DPC 18/2020. In tal caso è necessario presentare la richiesta via email scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonicamente al numero di telefono T. +39 3477593716 indicando NOME, COGNOME, CODICE UNIVOCO DEL BIGLIETTO, NUMERO DI TELEFONO. (Per i dettagli operativi siamo in attesa delle indicazioni da parte del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.)

2.) Donazione al Teatro Poliziano della quota di abbonamento spettante o del valore del biglietto acquistato, a sostegno delle attività culturali e artistiche che saranno presentate alla riapertura.

3.) Rimborso integrale del biglietto o della quota di abbonamento da richiedere alla Teatro Poliziano, via email scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonicamente al numero T. +39 3477593716 indicando NOME, COGNOME, CODICE UNIVOCO DEL BIGLIETTO, NUMERO DI TELEFONO, CODICE IBAN PER ACCREDITO TRAMITE BONIFICO BANCARIO.

Scusandoci per il disagio, confidiamo di assicurare un servizio adeguato alla sensibilità dei nostri abbonati e dei nostri spettatori. Ci auguriamo di poterci rivedere presto in teatro per condividere le emozioni e la socialità dello spettacolo dal vivo.

45° Cantiere Internazionale d'Arte 2020: Caos e Creazione - Scienza Arte Utopie

Il 45° Cantiere Internazionale d'Arte si terrà dal 23 luglio al 2 agosto 2020, tra Montepulciano e la Valdichiana.

La tematica di questa prossima edizione è Caos e Creazione - Scienza Arte Utopie. Il direttore artistico Roland Böer, coadiuvato per la programmazione dal coordinatore artistico Giovanni Oliva, ha ideato anche l'immagine-manifesto qui pubblicata. Tra musica, teatro, danza, performance, ricerca, cinema e installazione luce, si articola una programmazione adeguata all'attualità. Sono confermati prestigiosi artisti internazionali e nazionali, mentre si rinnovano i progetti partecipativi con i giovani talenti.

SCARICA IL PROGRAMMA .pdf

Si consigliano prenotazioni o acquisti di biglietti on-line
INFO E PRENOTAZIONI
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
T. +39 0578 758473 / 757089
BIGLIETTI ON-LINE > www.vivaticket.com

Per favorire la più ampia partecipazione popolare in un anno complicato, il Cantiere Internazionale d'Arte rende più accesibili i prezzi dei biglietti. 
Spettacoli serali - incluso Meta(à) a Sarteano > 10 euro 
Spettacoli pomeridiani > 5 euro 
Concerto di Chiusura > 15 eu
Concerti notturni - ore 23.30 > € 1,00
Spettacoli fuori Montepulciano - escluso Meta(à) a Sarteano > € 1,00

SOSPESO IL XII CONCORSO INTERNAZIONALE DI CANTO LIRICO GIULIO NERI - TORRITA DI SIENA

[ENGLISH VERSION]

Il XII Concorso Internazionale di Canto Lirico "Giulio Neri" previsto dal 3 al 5 aprile 2020 è sospeso.


A seguito delle disposizioni di legge, Comune di Torrita di Siena e Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte, in accordo con il direttore artistico Eleonora Leonini, comunicano l'annullamento dell'evento. I cantanti iscritti che avevano già eseguito il pagamento saranno rimborsati rapidamente.


Per informazioni e chiarimenti è disponibile la segreteria: T. +39 0578757089 / infQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ISTITUTO DI MUSICA HENZE: LEZIONI FRONTALI SOSPESE FINO AL 3 APRILE 2020. POSSIBILE ATTIVITA' TELEMATICA

COMUNICAZIONE AGGIORNATA AL 2 APRILE 2020

A seguito delle ulteriori disposizioni del Governo, l'Istituto di Musica H. W. Henze sospende le lezioni e tutte le attività fino al 13 aprile 2020.

L'Istituto Henze, attraverso i propri insegnanti, è disponibile a concordare fin da subito eventuali lezioni telematiche via whatsapp o skype, per garantire continuità didattica e soprattutto per mantenere vivi gli stimoli culturali.

Sono quindi sospese, fino a nuova comunicazione, anche le attività relative alle borse di studio.

SOSPESO IL NUOVO SPETTACOLO DI EMMA DANTE AL TEATRO POLIZIANO: MODALITÀ DI RIMBORSO

COMUNICAZIONE AGGIORNATA AL 2 APRILE 2020

A seguito del nuovo decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Teatro Poliziano conferma che lo spettacolo “Misercordia” di Emma Dante è sospeso.

Per gli abbonati e per coloro che avevano acquistato i biglietti dei singoli spettacoli il Teatro Poliziano mette a disposizione le seguenti soluzioni.

1.) Sostituzione del biglietto o della quota di abbonamento con voucher di pari valore da utilizzare per tutti i prossimi spettacoli organizzati dalla Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte, entro un anno, come previsto dall’art. 88, comma 3, DPC 18/2020. In tal caso è necessario presentare la richiesta via email scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonicamente al numero di telefono T. +39 3477593716 indicando NOME, COGNOME, CODICE UNIVOCO DEL BIGLIETTO, NUMERO DI TELEFONO. (Per i dettagli operativi siamo in attesa delle indicazioni da parte del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.)

2.) Donazione al Teatro Poliziano della quota di abbonamento spettante o del valore del biglietto acquistato, a sostegno delle attività culturali e artistiche che saranno presentate alla riapertura.

3.) Rimborso integrale del biglietto o della quota di abbonamento da richiedere alla Teatro Poliziano, via email scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonicamente al numero T. +39 3477593716 indicando NOME, COGNOME, CODICE UNIVOCO DEL BIGLIETTO, NUMERO DI TELEFONO, CODICE IBAN PER ACCREDITO TRAMITE BONIFICO BANCARIO.

Scusandoci per il disagio, confidiamo di assicurare un servizio adeguato alla sensibilità dei nostri abbonati e dei nostri spettatori. Ci auguriamo di poterci rivedere presto in teatro per condividere le emozioni e la socialità dello spettacolo dal vivo.



 

FLAVIO INSINNA AL POLIZIANO CON 'LA MACCHINA DELLA FELICITÀ' RINVIATO AL 4 APRILE

insinna foto[BIGLIETTI ON-LINE QUI] Rinviato a sabato 4 aprile lo spettacolo di Flavio Insinna con la sua Piccola Orchestra. Preso atto del decreto legge varato dal Governo, il Teatro Poliziano posticipa quindi "La macchina della felicità - ricreazione", una show che, fin dal titolo, introduce l'atmosfera scanzonata in arrivo a Montepulciano (e ce n'è bisogno in periodi come questo).

Qual è il suono che più di tutti significa gioia fin da quando eravamo bambini? La campanella della ricreazione, almeno secondo Insinna che concepisce proprio come una ricreazione il suo show intessuto di comicità, racconti e canzini. Quel suono prolungato e felice che ci faceva tirare i quaderni in aria e ci catapultava nel divertimento. Il testo s'intreccia alla trama dell’omonimo romanzo scritto dallo stesso Insinna e scandito dalla storia d’amore tra i due protagonisti Laura e Vittorio.

“Chi di voi è felice? Chi è felice alzi la mano!”. Da questa provocazione l'attore, un Pierino cresciutello ma sempre birbone, parte alla ricerca della felicità, cercandola nelle piccole cose (che poi tanto piccole non sono) e nelle cose grandi (che poi tanto grandi non sono), in allegria, tutti insieme appassionatamente, mano per mano con il pubblico. E’ un modo per festeggiare la vita, l’amicizia, la famiglia e le tradizioni, ridendoci su, prendendoci un po’ in giro, ma sempre con lo sguardo innamorato.E quando la campanella suonerà la fine della ricreazione, beh… noi saremo già lontani!

LA MACCHINA DELLA FELICITÀ
Ricreazione
di Marco Perrone, Marco Presta, Franco Bertini, Fabio Toncelli, Flavio Insinna

con la partecipazione live della sua PICCOLA ORCHESTRA
MARTINA CORI - voce, VINCENZO PRESTA – Saxes, ANGELO NIGRO – Piano&Keyboards, FILIPPO D’ALLIO – Chitarre, GIUSEPPE VENEZIA – Basso&Contrabbasso, SAVERIO PETRUZZELLIS – Batteria&Percussioni

Direzione Musicale, ANGELO NIGRO
Disegno Luci, AURELIO RIZZUTI

Produzione VIOLA PRODUZIONI

Scritto e diretto da Flavio Insinna

INGRESSO
Settore 1: 18 euro | Settore 2: 14 euro
**
Promozione giovani under 30 > Settore 2: 10 euro
________________________________

INFO - PRENOTAZIONI - ABBONAMENTI
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 0578 757089 | 757007

MAURO MONTALBETTI SARÀ IL DIRETTORE ARTISTICO DEL CANTIERE INTERNAZIONALE D’ARTE DAL 2021

Sarà il compositore Mauro Montalbetti il nuovo direttore artistico del Cantiere Internazionale d’Arte a partire dal 2021 e fino al 2023.

Come previsto e già annunciato, la direzione di Roland Böer completa il suo ciclo nel 2020, con l’edizione che si svolgerà dal 17 luglio al 2 agosto, grazie al coordinamento artistico di Giovanni Oliva. Il maestro Böer lascia quindi la sua eredità culturale dopo sei anni da direttore artistico e altri sei anni di direttore musicale.

Il nuovo direttore artistico avrà un incarico triennale, come stabilito dal consiglio d’indirizzo della Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte che affida quindi a Mauro Montalbetti una guida rinnovata della manifestazione ideata nel 1976 da Hans Werner Henze.

Montalbetti, 50 anni, bresciano, collabora frequentemente con il Cantiere Internazionale d’Arte dove ha presentato nel 2012 la sua opera Brimborium! che aveva conquistato il prestigioso premio Abbiati per la scuola. Una sua nuova cantata, L’infinito andar del tempo, sarà inoltre eseguita in prima assoluta nella prossima edizione dell’evento poliziano dagli organici legati all’Istituto di Musica H. W. Henze.

Prima di assumere la direzione artistica del Cantiere Internazionale d’Arte, Montalbetti ha maturato un percorso significativo sulla scena musicale italiana e nell’orizzonte europeo. Riconosciuto tra i compositori italiani più eseguiti e premiati della sua generazione, è autore, tra l’altro, dell’opera Il sogno di una cosa, sulla strage di Piazza della Loggia. Si è diplomato con lode in composizione presso il Conservatorio Verdi di Milano sotto la guida di Paolo Rimoldi e Irlando Danieli. La sua musica è stata commissionata e programmata da importanti istituzioni tra cui Orchestra Filarmonica della Scala, Biennale Musica di Venezia, Roma Europa Festival, Teatro Massimo di Palermo, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro Regio di Torino, Accademia Santa Cecilia di Roma, Teatro Grande di Brescia, Fondazione I Teatri Reggio Emilia, Milano Musica, Società del Quartetto Milano, Neuköllner Oper di Berlino, Steierischer Herbst di Graz, Gaudeamus Music Week Amsterdam, Stadttheater Klagenfurth e Theater in der Josefstadt di Vienna. Le opere sono pubblicate da Rai Com e incise per Deutsche Grammophon, Stradivarius, A simple lunch.

AL SOPRANO EVA MEI IL PREMIO “DIRITTO ALLA MUSICA”: EVENTO MUSICALE SABATO 21 DICEMBRE CON IL CONCERTO DI NATALE

Sarà il soprano Eva Mei, autentica stella del canto lirico mondiale, ad essere insignita del premio Diritto alla Musica, nell’ambito del tradizionale Concerto di Natale promosso a Montepulciano da Associazione Amici dell'Istituto di Musica. Sabato 21 dicembre, alle ore 21.15, si tiene alla Chiesa del Ss. Nome di Gesù, l’evento a ingresso gratuito che assegna il riconoscimento ideato da Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte e Comune di Montepulciano per celebrare la Festa della Toscana 2019, con il sostegno del Consiglio Regionale della Toscana. La cantante di Arezzo, acclamata nelle sale e nei teatri più prestigiosi del mondo, si aggiudica quindi la gratificazione riservata ai musicisti toscani che abbiano espresso valori civici attraverso la propria arte. Come si legge nelle motivazioni ufficiali, Eva Mei sarà premiata “per la sensibilità umana che caratterizza la sua espressione artistica, così da affermare una consapevolezza civica e culturale indirizzata alla più ampia e popolare promozione del linguaggio musicale”.

Recentemente protagonista una volta ancora al Teatro alla Scala di Milano, dove si esibisce regolarmente dal 1990 ottenendo successi unanimi, Eva Mei ha cantato nei maggiori palcoscenici: Royal Opera House e Covent Garden di Londra, Staatoper di Vienna, Festival di Salisburgo e ancora Tokyo, Berlino, oltre ai principali contesti d’Italia; ha collaborato con i più rilevanti direttori d’orchestra di epoca recente tra i quali Harnoncourt, Sawallisch, Claudio Abbado, Mehta, Muti, Barenboim, Maazel. Alle performance dal vivo, affianca numerose registrazioni discografiche e un’intensa attività didattica che la porta in tutto il mondo a divulgare la sua esperienza culturale.

La premiazione di Eva Mei s’inserisce in un concerto sinfonico che apre la sua impaginazione natalizia con la Corale Poliziana diretta da Judy Diodato e la Corale Jacob Arcadelt condotta da Elisa Marroni e Barbara Valdambrini. In un’insolita ambientazione acustica, le formazioni vocali presenteranno una selezione di brani sacri eseguiti a cappella: O Sacrum Convivium di Molfino, En! Natus est Emmanuel di Praetorius e Gaudete, Christus est natus dalle Piae Cantiones di Anonimo; l’intervento del Coro di Voci Bianche dell’Istituto di Musica H. W. Henze guidato da Chiara Giorgi consentirà ai piccoli musicisti l’opportunità di confrontarsi una la dimensione concertistica. Sarà poi la bacchetta dal maestro Alessio Tiezzi a dirigere l’Orchestra Poliziana nella Sinfonia n. 45 di Franz Joseph Haydn, universalmente nota come Sinfonia degli addii perché durante l’adagio finale i musicisti a turno abbandonano la ribalta in un’atmosfera sempre più rarefatta. Segue il momento dedicato a Mozart con la sua Missa brevis in do maggiore KV 258, detta Spaur-messe, tra le composizioni meno frequentate del genio di Salisburgo, che annovera in questo caso la partecipazione di quattro voci soliste, ovvero Oksana Maltseva (soprano), Elisabetta Vuocolo (alto), Enkebatu (tenore), Jing Shuheng (basso); si tratta di cantanti provenienti da un progetto di alta formazione realizzato da una rete di soggetti culturali cui aderisce la Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte.

In collaborazione con Parrocchia del SS. Nome di Gesù.

CONCERTO DI NATALE - PREMIO DIRITTO ALLA MUSICA, SABATO 21 DICEMBRE A MONTEPULCIANO

Un programma emozionante e un'ospite celeberrima caratterizzano il Concerto di Natale promosso da Associazione Amici dell'Istituto di Musica di Montepulciano, in programma sabato 21 dicembre 2019, alle ore 21.15, presso la Chiesa del SS. Nome di Gesù, in Montepulciano (ingresso libero) . L'evento musicale sarà poi ospitato l'indomani, domenica 22 dicembre 17.00, dalla Collegiata di San Martino, a Sinalunga.

L'evento sinfonico-corale festeggia l'atmosfera natalizia a Montepulciano, con il coinvolgimento dei giovani e giovanissimi musicisti del territorio. Il concerto è collegato alla seconda edizione del premio Diritto alla Musica, istituito per celebrare la Festa della Toscana. Il riconoscimento sarà assegnato quest’anno alla celebrità della lirica Eva Mei per sancire il legame tra la diffusione popolare delle arti e la dimensione internazionale: la stella delle scene musicali ha infatti trasmesso nel mondo i valori universali della nostra cultura civica attraverso l’espressione artistica.

Il programma musicale è impaginato su musiche di Franz Joseph Haydn e Wolfgang Amdeus Mozart. L'ampio organico è composto dall'Orchestra Poliziana, cui si aggiungono Corale Poliziana diretta da Judy Diodato, Coro Jacob Arcadelt (direttori Elisa Marroni, Barbara Valdambrini), Coro Voci Bianche Istituto H. W. Henze. Sul podio, a condurre l'esecuzione, sarà il maestro Alessio Tiezzi.

L'appuntamento è promosso da Amici dell'Istituto di Musica di Montepulciano, grazie all'organizzazione della Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte, con il sostegno del Consiglio Regionale della Toscana e la collaborazione della Parrocchia del SS. Nome di Gesù.

INFO: T. 0578 757089
Ingresso gratuito

JAZZ NIGHT, CONCERTO DI SANTA CECILIA, SABATO 23 NOVEMBRE, EX MACELLI A MONTEPULCIANO

L'Istituto di Musica Henze presenta presso Ex Macelli a Montepulciano un improvviso (ma non improvvisato) Concerto di Santa Cecilia, edizione 2019: l'appuntamento in programma per sabato 23 novembre, alle 21.00, s'intitola Jazz Night. Un genere musicale, il jazz, che custodisce un patrimonio ormai classico, ma che sa rinnovarsi nella sua continua ricerca d'avanguardia. Proprio su questo equilibrio tra classicismo e modernità, tra standard e improvvisazione, è concepito un evento musicale che vuole essere divertente, mantenendo una certa audacia.

In questo concerto infatti le atmosfere jazz ispirano una sintesi musicale proposta dai numerosi gruppi e dai solisti che saranno protagonisti della serata. Immaginare un Bach con la batteria o "When the saints go marching in" per ensemble di arpe, con l'incursione "Thriller" di Michael Jakson. E ancora classici come "Summertime" e "Georgia on my mind", musiche dai cartoon "Gli aristogatti" e "Il libro della giungla" o autori quali Check Corea e Burt Bacharach.

Un ampio repertorio che stimola la collaborazione tra le diverse classi dell'Istituto di Musica Henze. Per l'occasione salgono infatti sulla ribalta tutti gli organici della scuola poliziana: i gruppi con docenti e allievi, gli ensemble come quello di chitarre, Orchestra Junior, Coro di Voci Bianche, Corale Poliziana e la Banda Poliziana con la partecipazione straordinaria dei più piccoli provenienti dal progetto didattico Takaband. Tra le curiosità da segnalare, il virtuoso Massimiliano Cuseri esegue la Marcia alla turca di Mozart nella versione jazzistica di Fazil Say.

Il concerto, volutamente aperto alla più ampia partecipazione popolare, ha luogo sul palcoscenico degli Ex Macelli di Montepulciano.

INFO: Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte
T. 0578757089 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

TEATRO POLIZIANO ANNUNCIA LA STAGIONE 2019-2020: LA BELLEZZA DI ESSERCI, A MONTEPULCIANO

teatro poliziano 19 20Teatro Poliziano | MONTEPULCIANO
| Esserci è già una bellezza. Scopri il cartellone |

Il Teatro Poliziano presenta la nuova stagione teatrale 2019-’20 con l’intento di rafforzare il prestigio di un palcoscenico, quello di Montepulciano, ormai autorevole nel panorama nazionale. L’ampia partecipazione popolare della scorsa stagione dimostra la fiducia che il Teatro Poliziano ha saputo conquistare presso un pubblico sempre più vasto. Una fiducia che gli organizzatori della Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte cercano di onorare proponendo una rassegna articolata tra autori classici e creazioni contemporanee, personalità celebri e nuovi talenti. I titoli in programma evocano le suggestioni letterarie e cinematografiche, gli echi della tradizione e il divertimento del varietà, tenendo sempre presente il ruolo civico del teatro che sa affrontare anche i temi sociali più profondi.

Le quote per abbonamenti e biglietti sono sempre invariate, mentre si attivano nuove promozioni rivolte in particolare ai più giovani, affinché le nuove generazioni recuperino gli stimoli anche sul nostro territorio. Si rinnova la promozione per soci di Banca Valdichiana - Credito cooperativo Chiusi e Montepulciano e si attiva una nuova agevolazione per iscritti all’Istituto di Musica Henze che avranno diritto di sconti sugli abbonamenti.


sabato 14 dicembre 2019
ottavia piccoloOCCIDENT EXPRESS
di Stefano Massini
con Ottavia Piccolo
Orchestra Multietnica di Arezzo

Occident Express è la cronaca di un viaggio sulla rotta dei Balcani. È il diario di una fuga. Ma soprattutto è una storia vera che compone il grande mosaico dell’umanità in cammino. Un racconto spietato tra parole e musica, senza un attimo di respiro, seguendo la corsa di Haifa, partita da Mosul. È un assolo magistrale di Ottavia Piccolo, con l’Orchestra Multietnica di Arezzo che esegue dal vivo le musiche originali di Enrico Fink. Il testo dell’acclamato Stefano Massini tratteggia i mille luoghi attraversati dalla protagonista nel suo viaggio; la fantasmagoria di ambienti, climi, spazi diversi. Si accompagna in questo itinerario il personaggio di Haifa, e dopo non si è più gli stessi.

sabato 25 gennaio 2020
platonovPLATONOV

di Anton Čechov
Mulino di Amleto Teatro

Anton Čechov aveva 21 anni quando scrisse quest’opera rimasta incompleta, ma affollata di personaggi e temi, quanto intensa nell’azione. L’autore voleva raccontare la profondità della vita: ne rimane un meraviglioso affresco incompiuto, composto da scene, dialoghi e personaggi che cercano un senso a ciò che un senso non può avere. L’audace compagnia Il mulino di Amleto mette in scena questo testo non finito per esseri umani non finiti, incerti. Per il regista, il teatro sarà la tenuta di campagna dove si svolge la trama e gli attori dovranno muoversi vicino agli spettatori perché “Platonov siamo noi”, il nostro desiderio che ci spinge a cercare la felicità altrove rispetto a dove siamo.

venerdì 7 febbraio 2020 
boscaLA LUNA E IL FALÒ

di Cesare Pavese
con Andrea Bosca

Il romanzo capolavoro di Cesare Pavese è interpretato da Andrea Bosca in una pièce che parla di bene comune, di fratellanza, di appartenenza a una comunità. La vicenda è infatti quella di Anguilla, orfano adottato che passa la sua giovinezza nel contesto rurale e ripetitivo delle Langhe, decide di emigrare in America, fa fortuna, per poi tornare al suo paese alla ricerca dell’infanzia. E qui emerge la consapevolezza del tempo che passa e della felicità che fu. È un’indagine sempre attuale sulle proprie radici, un percorso che accomuna i numerosi giovani espatriati che ogni giorno lasciano le nostre province. Ed è la forza del teatro che trasforma le cose, facendo di un fil di ferro una vigna, di luci lontane una collina.

mercoledì 19 febbraio 2020 
marchioni soliti ignotiI SOLITI IGNOTI

Vinicio Marchioni
Giuseppe Zeno

Una commedia che rappresenta per la prima in teatro il celeberrimo film di Mario Monicelli, divenuto un classico del cinema. Le gesta maldestre ed esilaranti di un gruppo di ladri improvvisati si susseguono sulla ribalta, evocando l'Italia povera ma bella di un dopoguerra molto vitale. L’adattamento teatrale rimane fedele alla pellicola che vantava un cast irripetibile (con Gassman, Mastroianni e Totò), adeguando comunque alla modernità le trovate della scrittura e le soluzioni della regia. Vinicio Marchioni e Giuseppe Zeno, volti popolari del cinema e della tv, guidano una compagnia di otto elementi che presenta una messinscena divertente ed emozionante.

sabato 4 aprile 2020 rinviato
LA MACCHINA DELLA FELICITÀ
Flavio Insinna
e la sua Piccola Orchestra

Qual è il suono che più di tutti trasmette gioia, fin da quando si è bambini? È la campanella della ricreazione, almeno per Flavio Insinna che concepisce proprio come una ricreazione il suo show intessuto di comicità, racconti e canzoni. Uno spettacolo che s’intreccia alla trama dell’omonimo romanzo firmato proprio da Insinna e scandito dalla storia d’amore tra i due protagonisti Laura e Vittorio. “Chi di voi è felice alzi la mano!” Da questa provocazione parte la ricerca della felicità, mano per mano con il pubblico, come in una festa di famiglia, con il commento musicale della Piccola Orchestra. Un modo per celebrare la vita, l’amicizia, le tradizioni, sempre con lo sguardo innamorato.

sabato 28 marzo 2020
emma danteMISERICORDIA

Emma Dante
con Italia Carroccio, Manuela Lo Sicco, Leonarda Saffi, Simone Zambelli

Emma Dante, drammaturga e regista tra le più influenti del momento, presenta un nuovo lavoro incentrato sulle donne, con i temi, la lingua, la cifra stilistica e l’universo emotivo che caratterizzano le sue creazioni. Anna, Nuzza e Bettina vivono in un tugurio fatiscente con un ragazzo menomato. Durante il giorno, le donne lavorano a maglia; al tramonto offrono ai passanti i loro corpi cadenti. Quando lasceranno andare 'U picciutteddu, cioè il giovane di cui sono prese cura, gli racconteranno la verità su sua madre, Lucia la zoppa, che si acconciava i capelli per somigliare a “marilin monroy” e aveva una radiolina scassata da dove ascoltava la musica e abballava pi’ tutti!

ABBONAMENTO 6 SPETTACOLI
OCCIDENT EXPRESS  **  PLATONOV  **  LA LUNA E I FALÒ  ** 
I SOLITI IGNOTI  **  LA MACCHINA DELLA FELICITÀ  **  MISERICORDIA
Settore 1: 85 euro | Settore 2: 70 euro
** Promozione GIOVANI UNDER 30 > Settore 1: 70 euro | Settore 2: 45 euro
** Promozione soci BANCA VALDICHIANA e iscritti ISTITUTO DI MUSICA HENZE
Settore 1: 80 euro | Settore 2: 65 euro

INGRESSO SINGOLI SPETTACOLI 
OCCIDENT EXPRESS  **  PLATONOV  **  LA LUNA E I FALÒ ** 
I SOLITI IGNOTI  **  LA MACCHINA DELLA FELICITÀ  **  MISERICORDIA
Settore 1: 18 euro | Settore 2: 14 euro
**
Promozione giovani under 30 > Settore 2: 10 euro

FUORI ABBONAMENTO 
**Settore 1: 12 euro | Settore 2: 10 euro

OPERA domenica 12 gennaio 2020 ore 17
L’INCORONAZIONE DI POPPEA
Claudio Monteverdi

OPERA domenica 1 marzo 2020 ore 17
DON GIOVANNI
Wolfgang Amadeus Mozart / Giuseppe Gazzaniga
Versione di Luigi Cherubini

_______________________________

INFO - PRENOTAZIONI - ABBONAMENTI
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 0578 757089 | 757007

L'immagine ufficiale è di Silvia Menicali

DAI MERCATI AL WEB, UNA RICERCA PER VALORIZZARE I LUOGHI IDENTITARI DEL TERRITORIO

Dai mercati al web - cultura orale e tradizioni digitali è la nuova pubblicazione che raccoglie testimonianze e aneddotti sui mercati della Valdichiana Senese. Si tratta di una ricerca ideata da Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte tra le diverse attività del progetto "Luoghi-Incontro" per la valorizzazione dei luoghi identitare delle comunità, presentate nell'ambito del programma della Fondazione Monte dei Paschi di Siena "SIENAindivenire".

La pubblicazione è disponibile gratuitamente sul questo link.


DAI MERCATI AL WEB
Cultura orale e tradizioni digitali
leggi e scarica in pdf qui

Il lavoro, coordinato da Fondaizone Cantiere, è stato svolto sul campo da Valdichiana Media tra aprile e giugno del 2019, con un approccio antropologico, così da salvaguardare la tradizione orale e il patrimonio di conoscenza che fanno dei nostri mercati luoghi di cultura popolare e confronto sociale. Sono stati indagati i mercati di Montepulciano, Cetona, Sarteano, Sinalunga e Torrita di Siena. Come si evince dall'introduzione della ricerca, riportata integralmente qui di seguito, i saperi che emergono nei mercati devono essere preservati e trasmessi alle nuove generazioni.


mercatiI mercati sono i luoghi essenziali di un’autenticità popolare su cui incombe tuttavia il dominio dei centri commerciali e della grande distribuzione, ove l’acquisto si fa mercificato e asettico. I mercati sono luoghi fisici di scambio sociale, prima che economico: sono luoghi in cui si può trovare una vasta collezione di aneddoti e racconti del patrimonio orale, un valore identitario da non disperdere. Il patrimonio culturale immateriale contenuto nei mercati del nostro territorio attiene alla tradizione orale e alle modalità di scambio e di incontro tra le persone, attraverso dinamiche antecedenti ai modelli culturali del consumismo, della commercializzazione di massa e della globalizzazione.
I codici
semantici presenti nei mercati concorrono alla consapevolezza culturale di sé, del proprio territorio e delle molteplici identità popolari. Questi saperi, essendo primariamente appannaggio delle generazioni più adulte, necessitano di essere recuperati e preservati, attraverso la digitalizzazione e la trasmissione del patrimonio di conoscenze alle generazioni più giovani.
Digitalizzare la tradizione orale collezionata ai mercati diventa quindi un passaggio necessario per la diffusione intergenerazionale, assumendo così quel tratto di innovatività che proietta in un futuro conscio le radici culturali della collettività.

 

 

ISTITUTO DI MUSICA HENZE, AL VIA L'ANNO SCOLASTICO 2019-2020

Un nuovo anno scolastico per l'Istituto di Musica “Hans Werner Henze” che celbra i suoi tre secoli di attività. La scuola poliziana è sempre più attiva per chi vuole imparare a suonare uno strumento, in un ambiente sereno, creativo e dinamico, in un contesto adeguato alle esigenze dei ragazzi e delle famiglie. Montepulciano, con le sue sedi distaccate di Cetona e Sarteano, è ormai un centro d’eccellenza per tutto il territorio: sono infatti coinvolti nella didattica musicale oltre 1.000 allievi, tra corsi individuali, corsi collettivi e attività nelle scuole pubbliche e private.

I CORSI COLLETTIVI SONO GRATUITI per tutti gli iscritti! 

OPEN DAY // domenica 22 settembre 2019
Dalle 15.00 alle 19.00, a Montepulciano, in Via di Voltaia nel Corso 57 (ex Palazzo di Giustizia), l'Istituto di Musica H. W. Henze è aperto per farti provare ed ascoltare i diversi strumenti musicali. Gli insegnanti presentano i corsi e l'offerta didattica.

ISCRIZIONI
Per le iscrizioni, la segreteria dell'Istituto di Musica H. W. Henze è aperta
dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.30

> Via Fiorenzuola Vecchia, 5 - Montepulciano (Si)
> Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
> tel. 0578 758416 | cell. +39 347 7419459

Ecco tutti i dettagli sui corsi, le lezioni e le quote.

CORSI DI STRUMENTO


SEZIONE CLASSICA

Flauto, Flauto dolce, Oboe, Clarinetto, Sassofono, Corno, Tromba, Trombone, Chitarra, Pianoforte, Percussioni, Canto lirico, Violino, Viola, Violoncello, Contrabbasso, Organo, Fisarmonica, Armonia, Composizione, Arpa

SEZIONE MODERNA E JAZZ

Chitarra elettrica, Basso elettrico, Batteria, Pianoforte moderno e jazz, Canto moderno e jazz, Teoria e pratica jazz, Dj-producer e home recording

Corso di chiarina gratuito (in collaborazione con Magistrato delle Contrade)

CORSI COLLETTIVI GRATUITI 
TUTTI GLI ALUNNI ISCRITTI POSSONO FREQUENTARE GRATUITAMENTE TUTTI I CORSI DI TEORIA,
RITMICA E PERCEZIONE MUSICALE (TRP), CORO DI VOCI BIANCHE, ORCHESTRA JUNIOR, GIOVANI ARCHI POLIZIANI, ORCHESTRA POLIZIANA, BANDA POLIZIANA, BAND DI PERCUSSIONI, ENSEMBLE DI FIATI, ENSEMBLE DI CHITARRE, ARRANGIAMENTO E ANALISI DEL REPERTORIO MODERNO, MUSICA DA CAMERA, MUSICA D'INSIEME (sezione moderna), STORIA DELLA MUSICA

QUOTE

Quote annuali di iscrizione ed assicurazione:

   

Quota mensile di frequenza ai corsi:

 

Allievi
“under 26”

Allievi
“over 26”

             

Iscritti entro il 31 Gennaio:

€   50.00

 

Corso 1 ora settimanale

 

€ 90,00

€ 100,00

Iscritti dal 1 Febbraio:

€   30.00

 

Corso 1/2 ora settimanale

 

€ 45,00

€ 50,00

Noleggio strumento:

€   50.00

 

Corso 1 ora quindicinale

 

€ 45,00

€ 50,00


PROMOZIONI SPECIALI

FAMILY dal secondo membro dello stesso nucleo familiare si applica la quota mensile di € 80 per corsi di 1 ora e € 40 per corsi di ½ ora (sul corso col minor costo)
TWIN per gli allievi che frequentano due o più corsi si applica la quota mensile di € 80.00 per corsi di 1 ora ed € 40 per corsi di ½ ora (sul corso col minor costo)
ADVANCE a chi paga in un'unica soluzione entro il 31 ottobre 2019, sono riservate 4 lezioni gratuite (la promozione si applica solo alle iscrizioni da quattro ore mensili)

ISCRIZIONI E INFO
Tariffa d'iscrizione
50,00 euro (Cinquanta) con lo strumento di proprietà dell'alunno
100,00 euro (Cento) Corale Poliziana / 50 euro se già iscritti ad altri corsi
100,00 euro (Cento) con lo strumento di proprietà dell'Istituto di Musica
Validità iscrizioni / Per rendere valide le iscrizioni è necessario:
> versare la quota d'iscrizione
> prendere visione del regolamento (scarica qui .pdf)


Per informazioni e iscrizioni:
Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte
Via Fiorenzuola Vecchia 5 - Montepulciano

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

VIAGGIO PER IMMAGINI NEL CONCERTO DI CHIUSURA DEL 44° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

Giunge a pregevole chiusura del 44ª Cantiere Internazionale d'Arte il concerto sinfonico diretto dal Maestro Roland Böer su un programma ispirato alla storia di Romeo e Giulietta, che celebra e al tempo stesso riassume il tema Amore, Passione, Follia, filo conduttore attraverso cui per tre settimane si è dispiegato un calendario di più di quaranta eventi.
La RNCM Symphony Orchestra, insieme al pianista Massimiliano Cuseri, ha eseguito Scena d'amore da Romeo e Giulietta di Berlioz, Concerto n.23 di Mozart, Romeo e Giulietta di Čajkovskij. Infine i saluti sono stati affidati alle Danze Sinfoniche composte da Bernstein per West Side Story, il musical di cui scrisse il libretto Stephen Sondheim, lo stesso autore di Passion, con cui si è inagurata questa edizione di Cantiere Internazionale d'Arte.

L'ultimo concerto del 44° Cantiere è nelle foto di Michele Vino. 

TANCREDI E CLORINDA, AL 44° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE L'OPERA RACCONTA CON SUCCESSO UNA STORIA MODERNA: LE IMMAGINI

La storia di Tancredi e Clorinda, tratta dal poema di Torquato Tasso La Gerusalemme Liberata, ha trovato al 44° Cantiere Internazionale d'Arte una rappresentazione operistica strutturata sul dittico formato dal testo contemporaneo Tancredi appresso il combattimento, di cui Vincenzo De Vivo ha curato la drammaturgia e Claudio Ambrosini l'adattamento testuale e la musica, e il madrigale classico di Claudio Monteverdi Combatimento di Tancredi et Clorinda.
Sotto la regia di Matelda Cappelletti, il cast composto da Ginevra Schiassi, Claudio Zazzaro, Christian Federici e Alvaro Lozano ha interpretato la vicenda che pure trova una chiave di lettura attuale, nella riflessione sulle conseguenze della guerra contro il diverso. L'applauso finale del pubblico ha espresso tutta l'ammirazione per l'allestimento, cui hanno partecipato anche Lorenzo Bergamini per le scene, Massimo Poli per i costumi, Gianni Trabalzini per le luci, e per l'esecuzione musicale, eseguita da componenti della RNCM, Silvia Magnani al cembalo, Stefano Maiorana alla tiorba, con la direzione di Roger Hamilton.

La rappresentazione al Teatro Poliziano negli scatti di Michele Vino. 

CONCERTO IN SAN BIAGIO CON ORCHESTRA DELLA TOSCANA AL 44° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

Nel rinascimentale Tempio di San Biagio, giovedì 25 luglio ore 21.30, è in programma un prezioso evento sinfonico. Arriva al 44° Cantiere Internazionale d'Arte l'Orchestra della Toscana. Il concerto si aprirà con le atmosfere russe e le nostalgie austriache: la Sinfonia n.1 in re maggiore di Prokof'ev che si compone di quattro momenti d'ispirazione classica. Dopodiché l'ironia della musica neoclassica e i capolavori della letteratura violinistica caratterizzeranno il programma, con il concerto romantico di Mendelssohn il cui terzo movimento (Allegretto non troppo, allegro molto vivace) riprende i tratti pittoreschi e suggestivi che evocano il "Sogno di una notte di mezza estate". A conclusione, il finale mozartiano si articola sul contrasto tra i due temi dominanti, nostalgia sognante e futuro prossimo, che si combinano in un epilogo romantico. A dirigere, Gyorgy Gyorivanyi Rath, direttore d'orchestra acclamato nei principali teatri europei, mentre la parte solista è affidata alla celeberrima violinista Ariadne Daskalakis. 

____________________

Orchestra della Toscana
Gyorgy Gyorivanyi Rath direttore
Ariadne Daskalakis violino

Prokof'ev - Sinfonia n.1 Classica
Mendelssohn - Concerto per violino e orchestra op.64
Mozart - Sinfonia n. 39

"SOGNI DI UNA NOTTE D'ESTATE" SI FANNO IN PIAZZA GRANDE PER IL 44° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

Mercoledì 24 luglio ore 21,30, in piazza Grande va in scena in esclusiva per il 44° Cantiere Internazionale d'Arte lo spettacolo Sogni di una notte d'estate, con la regia di Carlo Pasquini e un cast corale che raccoglie la partecipazione di più realtà artistiche presenti sul territorio.

La rappresentazione, che rilegge in chiave hippy l'opera di Shakespeare, si declina tra teatro, danza e musica sinfonica pensata per grande orchestra, due corpi di ballo, attori, coro femminile e due soliste. Il programma prevede l'avvio con un ouverture da Oberon di Weber, che definisce la dimensione onirica dell'opera, per poi passare alla Sinfonia n.8 di Henze, eseguita dalla RNCM Symphony Orchestra diretta da Roland Böer, ricca di suggestioni, pervasa di allegria, gioia e spirito, autentica celebrazione di amore ed arte. Ad accompagnare il brano, una coreografia di Maria Stella Poggioni per il movimento Ballabile, con l'Ecole de Ballet.
La seconda parte mette in scena la commedia scespiriana, con la regia di Carlo Pasquini, abbinata all’esecuzione integrale delle musiche di Mendelssohn, con Noemi Umani soprano, Zhu Axue mezzosoprano e la Corale Poliziana, con la coreografia originale realizzata da Cristina Peruzzi per la sua Petite Ecole.
Sogni di una notte d'estate racchiude in sè mito e fiaba, su un testo che fa della dimensione onirica un vortice senza soluzione di continuità.

 

PIAZZA GRANDE | Montepulciano
mercoledì 24 luglio | ore 21.30
BIGLIETTI ONLINE QUI

______

Sogni di una notte d'estate

Weber, Ouverture da Oberon
Henze, Sinfonia n.8 da Sogno di una notte di mezza estate
Mendelssohn, Sogno di una notte di mezza estate

Carlo Pasquini drammaturgia e regia
Noemi Umani soprano
Zhu Aoxue mezzosoprano
Corale Poliziana
Judy Diodato maestro del coro

RNCM Symphony Orchestra
Roland Böer direttore

Ecole de Ballet Sinalunga
Maria Stella Poggioni coreografia
Petite Ecole di Montepulciano
Cristina Peruzzi coreografia
______

Biglietti

posto unico - intero 20 euro / ridotto residenti 16 euro

promozione soci Conad: - 20% 

 

LE IMMAGINI DEL CONCERTO SINFONICO DIRETTO DA DANIELE CALLEGARI PER IL 44° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE, CON LA RNCM SYMPHONY ORCHESTRA E ALESSIO TIEZZI AL PIANOFORTE

 

L'appuntamento con la musica sinfonica al 44° Cantiere Internazionale d'Arte trova in Piazza Grande l'ambientazione per un concerto che diviene evento straordinario, quando sul podio sale a dirigere la RNCM Symphony Orchestra un nome illustre come quello del Maestro Daniele Callegari. Il programma composto dalla Suite da Romeo e Giulietta di Sergej Sergeevič Prokof'ev, e Rhapsody in Blue, eseguita per la parte al pianoforte dal Maestro Alessio Tiezzi, e An American in Paris di George Gershwin contribuisce a delineare una maestosa atmosfera che coinvolge ed entusiasma il pubblico, e si rivela nelle foto scattate da Michele Vino.

 

UN SABATO DA APPLAUSI AL 44° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

Nelle immagini di Michele Vino le performance speciali che si sono susseguite nella sera di sabato 21 luglio al 44° Cantiere Internazionale d'Arte. A partire dall'evento straordinario che ha visto impegnate nell'esecuzione di duetti, per la prima volta insieme, sul palco del Teatro Poliziano il soprano Eva Mei, il mezzosoprano Laura Polverelli e la pianista Elisabetta Sepe; al concerto di mezzanotte in Piazza Grande, in cui la RNCM Brass & Percussion diretta da Nicholas Thompson ha proposto un repertorio di brani tratti da Rossini, Händel, Bizet, Debussy, Gershwin, Zivkovic e Piazzolla.

8x8: L'ARCHITETTURA POLIZIANA DIVIENE MUSICA AL 44° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

8x8 - Contemporanee sonore mappe poliziane è il nome completo del progetto presentato in occasione del 44° Cantiere Internazionale d'Arte, in cui sono stati coinvolti giovani compositori provenienti dai Conservatori di Milano, Siena, Cagliari, Palermo, Matera, Teheran, Manchester e dalla Scuola di Musica di Fiesole. Le loro otto composizioni sono state eseguite dall'Ensemble degli Intrigati, che ha preparato l'interpretazione dei brani nella residenza artistica centro dell'iniziativa sostenuta dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena nell'ambito del programma “PatrimoninMovimento”. In sinergia con la Scuola di musica elettronica e applicata del Conservatorio di musica di Matera, con il coordinamento di Fabrizio Festa, Simona Spinella e Gianpaolo Cassano, il progetto ha previsto la trasposizione in partiture musicali delle architetture di Montepulciano grazie ad un algoritmo: dalla mappatura dei monumenti sono state rilevate proporzioni geometriche e cromatiche che, attraverso calcoli matematici, hanno indirizzato la scrittura degli autori.

_______

Composizioni
Gianpaolo Cassano (Matera): La cupola del Tempio di San Biagio
Giovanni Vannoni, Giulio Piras (Siena): La facciata della Chiesa di Madonna dei Servi
Marcello Calabrò (Cagliari): Il portale della Chiesa di Sant'Agostino
Athanasia Kontou (Manchester): Il portale della Chiesa di Santa Lucia
Gabriele Blasi, Andrea Grassi (Fiesole): Pozzo dei Grifi e dei Leoni
Luca Tacchino (Milano): Palazzo Nobili Tarugi
Mozhgan Chahian (Teheran): Palazzo Contucci
Massimiliano Seggio (Palermo): Palazzo Comunale

Ensemble degli Intrigati
Giuditta di Gioia flauto
Francesco Darmanin clarinetto
Omar Cecchi percussioni  
Massimiliano Cuseri pianoforte
Davide Vannuccini live electronics
Alessio Casinovi cembalo e direzione
_______

ll concerto che si è tenuto giovedì 18 luglio nell'Auditorium Falcone del Palazzo di Montepulciano, nelle foto di Michele Vino.

DANIELE CALLEGARI DIRIGE LA RNCM SYMPHONY ORCHESTRA IN PIAZZA GRANDE PER IL 44° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

Il Maestro Daniele Callegari dirige la RNCM Symphony Orchestra nel concerto sinfonico in programma al 44° Cantiere Internazionale d'Arte domenica 21 luglio, alle 21.30 in Piazza Grande. L'evento prevede nella prima parte l'esecuzione della Suite da Romeo e Giulietta composta da Sergej Sergeevič Prokof'ev nel 1936. L'opera era nata inizialmente come un balletto, che però fu rifiutato dai dirigenti del Teatro Bol'soj, nonostante il compositore avesse accettato la richiesta di ripristinare il finale classico, a cui ne aveva sostituito uno lieto. Prokof'ev trasformò quindi quanto scritto nei brani strumentali in programma.
Segue, interpretata al pianoforte da Alessio Tiezzi come solista, la musica di George Gershwin. Rhapsody in Blue e An American in Paris sono i titoli dei brani: denso di richiami alla musica jazz e blue il primo, capace di riferire le impressioni di un viaggiatore che passeggia per le strade di Parigi l'altro.

PIAZZA GRANDE | Montepulciano
domenica 21 luglio | ore 21.30
BIGLIETTI ONLINE QUI

________

Sergej Sergeevič Prokof'ev (1891-1953)

da Romeo e Giulietta (1936)
Suite

 

George Gershwin (1898-1937)

Rhapsody in Blue (1924)
An American in Paris (1928)

________

Biglietti
posto unico - intero 20 euro / ridotto 16 euro

promozione soci Conad: - 20% su tutta la biglietteria

DA SAN BIAGIO LE FOTO DI UN CONCERTO DA OVAZIONE, PER IL 44° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

In occasione del 44° Cantiere Internazionale d'Arte, San Biagio ha ospitato l'esecuzione della Messa di Gloria di Giacomo Puccini e il Kyrie e il Gloria dalla Missa Papae Marcelli di Giovanni Pierluigi da Palestrina. 

Il baritono Roberto De Candia e il tenore Peter Marsh insieme al Chor St. Margaret München, al Kammerchor Nürnberg e alla Corale Poliziana con Judy Diodato maestro del coro. Christian Bishof dirige l'Orchestra Poliziana

 

L'evento nelle foto di Michele Vino. 

RODRIGO: IL RACCONTO PER IMMAGINI DELLO SPETTACOLO IN SCENA AL CASTELLO DI SARTEANO PER IL 44° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

Le immagini di Rodrigo - appunti su un malamore, la pièce in scena dal 16 al 21 luglio al Castello di Sarteano per il 44° Cantiere Internazionale d'Arte. Per la regia di Gabriele Valentini, con musiche elettroniche originali di Davide Vannuccini e la partecipazione della Nuova Accademia degli Arrischianti.
Il tema del 44° Cantiere Amore, passione, follia, viene affrontato attraverso la presentazione del personaggio manzoniano, che offre l'occasione di indagarne la dimensione irrazionale, a partire dal sentimento di possessione che Rodrigo nutre per la giovane Lucia. 

Foto di Michele Vino

EVA MEI E LAURA POLVERELLI IN UNO STORICO DUETTO INEDITO AL 44° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

Il soprano Eva Mei e il mezzosoprano Laura Polverelli per la prima volta insieme in un concerto di duetti d'opera.
Un avvenimento senza precedenti al Teatro Poliziano sabato 20 luglio per il 44° Cantiere Internazionale d'Arte, le due illustri voci della lirica mondiale interpretano celebri duetti tratti da Norma, Tancredi, Così fan tutte, Idomeneo, Anna Bolena e Capuleti.
Le parti prevedono interazioni di vario genere, ora di subordinazione (tra una donna di potere e una sua sottoposta), ora tra pari, ovvero sorelle o amanti. Tra gli interludi della pianista Elisabetta Sepe, anche un brano dell’autore poliziano Venceslao Fumi.

TEATRO POLIZIANO | Montepulciano
sabato 20 luglio | ore 21.30
BIGLIETTI ONLINE QUI

________

Wolfgang Amadé Mozart
(1756 – 1791)

da Così fan tutte (1790)
Dunque?... Prenderò quel brunettino
(Fiordiligi, Dorabella)
da La clemenza di Tito (1791)
Ah, perdona al primo affetto (Annio, Servilia)

Franz Liszt
(1811 – 1886)

Il rimprovero da Les soirées musicales di Gioachino Rossini (1837)

Gioachino Rossini
(1792 – 1868)

da Tancredi (1813)
Fiero incontro ...Lasciami: non t’ascolto
...Dunque? Addio (Tancredi, Amenaide)

Venceslao Fumi
(1823- 1880)

Amore perduto

Nicola Vaccaj
(1790 – 1848)

da Romeo e Giulietta (1825)
Stagnate o lacrime... Vivi, o cara
(Giulietta, Romeo)

Franz Liszt

Barcarola da Nuits d’été à Pausilippe (1838)
trois amusements sur des motifs de l’album de Gaetano Donizetti

Vincenzo Bellini
(1801 – 1835)

da Norma (1831)
Me chiami, o Norma! ...Mira, o Norma... Sì, fino all'ore
(Norma, Adalgisa)

________

Biglietti
posto unico - 10 euro

RODRIGO - APPUNTI SU UN MALAMORE IN SCENA A SARTEANO PER IL 44° CANTIERE

Attraverso il personaggio manzoniano di Don Rodrigo, l'attore e regista Gabriele Valentini declina il tema del 44° Cantiere Internazionale d'Arte Amore, Passione, Follia.

Rodrigo - appunti su un malamore è il titolo della performance di teatro musicale in programma dal 16 al 21 luglio al Castello di Sarteano, realizzata in coproduzione con la Nuova Accademia degli Arrischianti e accompagnata dal vivo dalle musiche originali di Davide Vannuccini, specializzato in sequenze elettroniche.
L'indagine del sentimento che ne I Promessi Sposi lega Don Rodrigo a Lucia si snoda fino all'attualizzazione della tematica, portando a riflettere sui folli risvolti delle relazioni viziate da toni ossessivi.

CASTELLO | Sarteano
martedì 16 - domenica 21 luglio | ore 21.30
BIGLIETTI ONLINE QUI

RODRIGO - appunti su un malamore
da I promessi Sposi di Alessandro Manzoni
Nuova Accademia degli Arrischianti
Gabriele Valentini drammaturgia e regia
musica di Davide Vannuccini

________________
Biglietti
posto unico - 12 euro

promozione soci Conad: - 20% su tutta la biglietteria

PASSION: LE IMMAGINI DELLA PRIMA ITALIANA AL 44° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

Tratto da Fosca, il romanzo scritto nel 1868 da Igino Ugo Tarchetti, uscito nel 1981 anche nella versione cinematografica firmata da Ettore Scola "Passione d'Amore", Passion è il musical internazionale di Stephen Sondheim con cui si è inaugurato il 44° Cantiere Internazionale d'Arte.
Presentato in prima italiana, la produzione annovera nomi illustri, a partire dal regista Keith Warner, Ashley Martin-Davis per le scene e Tom Rand per i costumi. Nel cast, composto da 14 cantanti, brilla Janie Dee, performer insignita di illustri riconoscimenti tra cui l’Olivier Award come miglior attrice.
Il direttore artistico del Cantiere, Roland Böer, dirige un ensemble appositamente costituito da elementi provenienti dalla scena austriaca.
La vicenda racconta la passione che divampa tra Fosca, donna in preda ad uno stato malinconico, delusa dalla vita e senza più aspettative, e Giorgio Bacchetti, giovane militare in carriera inizialmente innamorato di Clara, bellissima giovane della borghesia milanese, moglie insoddisfatta e madre di un figlio piccolo. La trama segue, incalzante, il percorso che porta Giorgio ad innamorarsi di Fosca, sino ad un drammatico finale.

Il racconto per immagini della prima italiana, andata in scena al Teatro Poliziano, nella gallery di Michele Vino. 

OPERA LIRICA AL 44° CANTIERE: UN ORIGINALE ABBINAMENTO ISPIRATO A TANCREDI E CLORINDA

Matelda Cappelletti[BIGLIETTI ONLINE QUI] Dalla Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso, il dramma di Tancredi e Clorinda è raccontato in un dittico di opere al 44° Cantiere Internazionale d'Arte. Per la regia di Matelda Cappelletti, il Teatro Poliziano ospita, il 26 e il 27 luglio, Tancredi appresso il Combattimento, madrigale contemporaneo firmato da Claudio Ambrosini, e Il Combattimento di Tancredi e Clorinda, composto nel 1624 da Claudio Monteverdi. La sequenza delle due situazioni percorre a ritroso la vicenda, narrando il dolore di Tancredi nell'apprendere di aver ucciso l'amata Clorinda, per non averne riconosciuto le sembianze durante il combattimento.

Il dramma che Tancredi si trova a vivere è reso ancora più insopportabile dalla consapevolezza di non poter in alcun modo cancellare quanto accaduto. Alla disperazione per essere stato il responsabile della morte di Clorinda, si unisce inoltre il crollo dei valori che lo avevano sempre animato. Cristiano in Terra Santa per combattere gli "infedeli", considerati nemici per il fatto di professare una religione diversa dalla propria, nel momento in cui, uccidendone uno, non distrugge un avversario ma la persona che egli ama, Tancredi comprende la vanità delle azioni compiute in nome di una guerra ritenuta sinora giusta, ma improvvisamente senza più senso. Così, la follia che lo trascina e l'amara verità cui egli giunge, diventano l'ultimo atto di una vicenda che insiste sul senso dell'odio verso ciò che è considerato diverso, ma che potrebbe essere invece, anche se non riconoscibile per via dell'armatura, un tesoro di cui pentirsi irrimediabilmente se perso per sempre.

L’esecuzione musicale è affidata a due ensemble del RNCM di Manchester, diretti da Roger Hamilton.

 

TEATRO POLIZIANO | Montepulciano
venerdì 26 - sabato 27 luglio | ore 21.30
BIGLIETTI ONLINE QUI 

_____

TANCREDI APPRESSO IL COMBATTIMENTO
Ginevra Schiassi Clorinda
Claudio Zazzaro Tancredi
Christian Federici Testo
RNCM Strings and percussion
Stefano Maiorana tiorba
Silvia Magnani cembalo

IL COMBATTIMENTO DI TANCREDI E CLORINDA
con Alvaro Lozano
RNCM Baroque Soloists
Stefano Maiorana tiorba

Matelda Cappelletti regia
Lorenzo Bergamini scene
Massimo Poli costumi
Gianni Trabalzini luci
Roger Hamilton cembalo e direzione

_____

Biglietti

settore 1 - intero 20 euro / ridotto residenti 16 euro
settore 2 - intero 15 euro / ridotto residenti 12 euro

promozione soci Conad: - 20% su tutta la biglietteria

PASSION, IL MUSICAL CHE INAUGURA IL 44° CANTIERE, PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA AL TEATRO POLIZIANO

[passion_quadra_insta.jpgBIGLIETTI ONLINE QUI] Passion, il musical esclusivo dall'autore di West Side Story, ispirato al film Passione d'amore di Ettore Scola, inaugura il 44° Cantiere Internazionale d'Arte. Venerdì 12 e poi sabato 13 luglio 2019, sempre alle 21.30, sarà il pubblico del Teatro Poliziano accoglie per la prima volta in Italia il capolavoro dell'autore Stephen Sondheim, premiato con i più prestigiosi riconoscimenti internazionali. Il 44° Cantiere Internazionale d'Arte presenta una nuova produzione diretta dal regista Keith Warner, un'autorità del teatro mondiale. Nel cast spicca la stella britannica Janie Dee, cantante e attrice che è un'autentica celebrità nel panorama europeo. Il maestro Roland Böer dirige 24 performer e l'ensemble musicale formato proprio per questo spettacolo da professori d'orchestra austriaci.

Si tratta di un’opera strutturata come un singspiel. Ambientata nel Risorgimento italiano, la vicenda esprime l’ossessione, la manipolazione dei sentimenti dell’altro, per rinnovare l’eterno quesito su cosa sia davvero l’amore.

Le scene sono firmate da Ashley Martin-Davis, i costumi sono di Tom Rand (noto per i suoi lavori cinematografici quali I duellanti e Il Conte di Montecristo).

TEATRO POLIZIANO | Montepulciano
venerdì 12 - sabato 13 luglio | ore 21.30
12-13 LUGLIO 2019 | ore 21.30
BIGLIETTI ONLINE QUI

______
Sinossi

Il capitano Giorgio Bacchetti è un giovane militare di successo: è bello, agiato, in carriera e ha una relazione con Clara, una bellissima donna della buona borghesia milanese, moglie insoddisfatta con un figlio di pochi anni.
Una improvvisa missione lo porta nelle brume padane ed è lì, in un ambiente di soli uomini, che conosce Fosca, cugina del Colonnello che comanda il presidio. E' un incontro fatale: lei è una donna che la vita ha fatto ammalare, nel fisico e nella mente, privandola di ogni attrattiva ed esponendola alle amarezze più cocenti. Giorgio è il raggio di sole al quale si aggrappa come l'ultima goccia di linfa vitale e la sua passione diventa soverchiante, ossessiva, incontrollabile; lui all'inizio è sconcertato e per buona educazione e pietosa umanità, manipolato anche dalle ambigue insistenze del Dottore, ne accetta le lusinghe e la compagnia arrivando perfino a scriverle una lettera d'amore sotto dettatura.
Quasi non si accorge del vortice che lo trascina e quando Clara gli comunica di voler troncare il loro rapporto per rispetto di un marito caduto in disgrazia la potenza del sentimento di Fosca è tale da soggiogarlo.
Il finale, amaro, è inevitabile: il Colonnello, scoperto il legame tra la cugina e il Capitano, lo sfida a duello e viene ferito in maniera non grave.
Fosca muore pochi giorni dopo e Giorgio se ne andrà per il mondo ramingo e solo, indelebilmente segnato da una ferita che la musica di Sondheim avvolgerà come un balsamo catartico.

Janie Dee Fosca
Philip Smith  Giorgio
Anna Gillingham  Clara
Eric Roberts  Doctor Tambourri
Richard Berkeley-Steele  Count Ludovic
Michael Kristensen Colonel Ricci
Florian Plock Lieutenant Torasso 
Adam Temple-Smith Sergeant Lombardi (Cook)
Jake Muffett Lieutenant Barri
Peter Marsh Major Rizzolli
Ben Leonard Private Augenti
Verena Gunz Fosca's Mother
Malcolm Rivers Fosca's Father
Maren Favela Mistress
Yaltah Katharina Woyniewicz young Fosca
Alessio Antelmi, Paolo Cantele, Matteo Francia, Matteo Germinario,
Andrew Lugowski, John MacDonald, Luigi Pollio, Tommaso Trabalzini  Soldiers
Anna Cipriani, Caterina Gabrieli Attendants 

Keith Warner regia
Katharina Kastening  assistente alla regia
Ashley Martin-Davis scene
Jeremy Daker assistente alle scene                              
Tom Rand costumi
Joanna Johnston assistente ai costumi
John Bishop luci

Passion Ensemble
Roland Bӧer direttore 

John Shea e Emily Hooker maestri sostituti e tastiere
Bernardo Messeri maestro ai sopratitoli, Irene Cervantes Montero*, maestro di palcoscenico,
Guillermo Martin Gutierrez*, maestro alle luci

realizzazione scene e attrezzeria Laboratoro "Caleri" della Fondazione Cantiere
costumi Cosprop e Angels Costumes - Londra
trucco e parrucco Alice Gandolfi, Sonia Quili
direzione degli allestimenti Gianni “Giaccio” Trabalzini 

in collaborazione con la Bernstein School of  Musical Theatre di Bologna

*Consorcio Erasmus Enseñanzas Artísticas / Art Studies Erasmus Consortium Fundación Universidades y Enseñanzas Superiores de Castilla y León

_______
Biglietti

settore 1 - intero 20 euro / ridotto residenti 16 euro
settore 2 - intero 15 euro / ridotto residenti 12 euro

promozione soci Conad: - 20% su tutta la biglietteria


MICHELE CAMPANELLA TIENE UNA MASTER CLASS DI PIANOFORTE A MONTEPULCIANO DA OTTOBRE 2019

michele_campanella.jpgLa prestigiosa scuola di Pianoforte di Michele Campanella e Monica Leone, ospitata dalla Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano, inaugurerà i corsi nei giorni 19 e 20 ottobre 2019 presso la sede dell'Istituto di Musica H. W. Henze.

La masterclass avrà una durata di 8 mesi con lezioni mensili che si concluderanno il 23 e 24 maggio 2020. Tutte le lezioni si svolgeranno dalla mattina del sabato al primo pomeriggio della domenica. Le date successive a quelle di ottobre verranno comunicate direttamente dai docenti.


Gli studenti ammessi al corso non potranno superare il numero di otto.


Sarà comunque possibile frequentare il corso in qualità di uditore.

Gli studenti che avranno concluso l'anno accademico 2019-2020 con brillanti risultati, secondo il giudizio dei docenti, avranno la possibilità di partecipare al Cantiere 2020 in un appuntamento a loro dedicato.

SEDE
Istituto di Musica H. W. Henze, Via di Voltaia nel Corso 57, 53045 Montepulciano

ISCRIZIONI

Le domande di iscrizione dovranno pervenire entro il 12 ottobre 2019 all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

QUOTE
Quota di iscrizione al corso: 150 euro

Costo mensile delle lezioni con il Maestro Campanella e la Signora Leone: 250 euro
Tariffa giornaliera per uditori: 50 euro

La Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte aiuterà gli studenti a trovare alloggio in Montepulciano a condizioni economiche favorevoli.

Per qualunque ulteriore informazione scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SAGGI DELL'ISTITUTO DI MUSICA HENZE, IL CALENDARIO COMPLETO

Il calendario dei saggi dell'Istituto di Musica H. W. Henze completa l'anno scolastico della scuola poliziana. Tutti gli appuntamenti sono riepilogati nella tabella seguente.

 

GIORNO ORARIO CLASSE INSEGNANTE Luogo
martedì 28 maggio 2019 17:00 Flauto Vaccari Auditorium Falcone
Canto lirico Matteini
19:00 Canto lirico Adulti Matteini
venerdì 31 maggio 2019 17:00 chitarra el. Perugini
Sax Valentini
sabato 1 giugno 2019 17:00 Clarinetto Allegro
Arpa Frandi
Flauto Vaccari
domenica 2 giugno 2019 17:00 CONCERTO BANDA Valentini Chiostro comune
18:00 Concerto Rock sez. moderna Teatro Poliziano
lunedì 3 giugno 2019 17:00 Pianoforte Biagiotti Auditorium Falcone
Diodato
Magi
19.30 Canto Moderno Franceschelli
martedì 4 giugno 2019 17.30 SEZ. CETONA Trippi Chiesa SS. Annunziata
Manneschi
Marroni
17:00 Pianoforte Cuseri Auditorium Falcone
Chitarra Tanasenko
Pianoforte Khachatryan
mercoledì 5 giugno 2019 17:00 Violocello Bruni
Violino Cocchiara
Canto Moderno Giovagnini
giovedì 6 giugno 2019 17:00 Chitarra classica
Manneschi
Pianoforte Inchingolo
Violino Barbucci
venerdì 7 giugno 2019 17:00 Batteria Di Cintio
Chitarra Culeddu
sabato 8 giugno 2019 17:30 Arpa
Frandi
Orchestra Junior Giorgi
19:00? ADULTI Vari
Composizione Stocchi
domenica 9 giugno 2019 17.00 SEZ. SARTEANO Morgantini Teatro Arrischianti
Giorgi
Tanasenko
lunedì 10 giugno 2019 17:30 Percussioni e batteria Checcacci Auditorium Falcone
Tromba e Trombone Chieli
Sax Terzuoli
mercoledì 12 giugno 2019 19:00 Saggio Pre-Accademico vari su richiesta
giovedì 13 giugno 2019  17.00  Pianoforte Tiezzi  Auditorium Falcone
         

LEONARO IN VALDICHIANA, UNA MOSTRA SUL LAVORO DEL GENIO NEL TERRITORIO DI MONTEPULCIANO

carta Valdichiana Leonardo web

La Fortezza di Montepulciano ospita la mostra dal titolo Leonardo in Valdichiana: il disegno del territorio e la scienza delle acque, curata dal Museo Galileo di Firenze. L'esposizione è promossa dal Comune di Montepulciano e dalla Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano, su progetto del Museo Galileo di Firenze, con l’organizzazione di Opera Civita.

Nella sua lunga vita Leonardo da Vinci fu impiegato anche come cartografo, numerose, infatti, sono le mappe da lui disegnate. La carta della Valdichiana (Windsor, RL, 12278) è uno dei più raffinati prodotti cartografici di Leonardo. Fu disegnata tra il 1502 e il 1503 quando l’artista era al servizio di Cesare Borgia coma architetto e ingegnere militare. È una carta che si distingue per la ricchezza dei contenuti topografici e idrografici ma anche per la particolare rappresentazione a volo d’uccello che ne fa una sorta di fotografia aerea ante litteram. A dare l’impressione della tridimensionalità è la rappresentazione prospettica dei castelli e dei rilievi montuosi, nonché lo schiacciamento evidente del territorio volterrano, compresso ad arte per estendere la rappresentazione cartografica fino al mare. I numerosi toponimi permettono di individuare 254 luoghi geografici, tra città, castelli, e fiumi distribuiti in un territorio esteso tra Firenze, l’Aretino, il Trasimeno, il Chianti senese, il Volterrano, la Val d’Orcia e la val di Cecina. Il principale oggetto della rappresentazione, tuttavia, è la grande palude che dal Medioevo affliggeva la Val di Chiana con aria malsana. Leonardo evidenziò la zona paludosa con un azzurro chiaro in modo da rendere ben visibili, con un azzurro più scuro, i numerosi corsi d’acqua che confluivano verso il canale maestro della Chiana, l’antico fiume Clanis che dà il nome alla regione e che da circa tre secoli allagava la pianura circostante.

La funzione idrografica della mappa è ben evidenziata in un foglio di studio (Windsor, RL, 12277) in cui Leonardo rileva un canale in secca, già emissario del Trasimeno verso la Val di Chiana, annotando che fu chiuso dal signore di Perugia Andrea Fortebracci: “Braccio da Montone lo chiuse”. La chiusura di questo canale era uno dei tentativi di bonifica della Val di Chiana che si susseguirono fino al Settecento. È probabile che la mappa di Leonardo dovesse servire come studio preliminare per un intervento risolutivo di bonifica del territorio delle Chiane.
Una seconda ipotesi è che lo studio idrografico di quel territorio fosse destinato a trasformare la palude malsana in un grande serbatoio idrico per garantire la navigabilità costante del Canale di Firenze, il progetto che Leonardo elaborò nello stesso periodo per la Repubblica fiorentina. In questa seconda ipotesi, la carta della Valdichiana si lega alle altre mappe del territorio toscano in cui Leonardo elabora il progetto del canale navigabile da Firenze al mare. Sono le carte della Valdinievole e Valdarno Inferiore (Windsor, RL 12685) dove un segno a matita traccia il percorso del canale che da Firenze, passando per Prato, Pistoia, Serravalle e il padule di Fucecchio, avrebbe raggiunto il mare a Pisa, o nei pressi di Livorno. A suggerire il legame tra la bonifica della Valdichiana e il canale navigabile è una nota contenuta nel Codice Atlantico: “Facciasi alle Chiane di Arezzo tali cateratte che mancando acqua la state in Arno il canale non rimanga arido”.

La mostra alla Fortezza di Montepulciano è aperta al pubblico dal 25 maggio al 8 settembre, tutti i giorni, dalle 10,30 alle 18,30 (ultimo ingresso ore 18,00).

Biglietto d’ingresso euro 5,00

Info:
Tel. +39 0577/286300
Sito web www.leonardomontepulciano.it

FESTA DELLA REPUBBLICA CON ROCKANTIERE AL TEATRO POLIZIANO DOMENICA 2 GIUGNO

L'omaggio alla Festa della Repubblica è in programma per domenica 2 giugno con un lungo pomeirggio musicale, tutto a ingresso gratuito.

Alle 16.30, la Banda Poliziana, diretta da Giacomo Valentini, rinnova l'appuntamento con il concerto celebrativo promosso dal Comune di Montepulcianopresso il chiostro del Palazzo Comunale.

ROCKANTIERE
Alle 18.00 invece, tutti al Teatro Poliziano per il concerto pop-rock dell'Istituto di Musica Hans Werner Henze. Rockantiere è infatti il momento più atteso della stagione per i giovani musicisti dell'istituzione poliziana che si cimentano con chitarre, batterie, bassi, tastiere, fiati, percussioni, esprimendo voci sempre più brillanti. Un repertorio popolare che sarà impreziosito dagli interventi dei docenti e da un'atmosfera particolarmente divertente.


ore 16.30 Montepulciano, Cortile del Palazzo Comunale
Banda Poliziana
Concerto celebrativo


ore 18.00 Montepulciano, Teatro Poliziano
Rockantiere
Concerto pop-rock

MASTERCLASS DI CANTO LIRICO CON INES SALAZAR A CELLE SUL RIGO, LEGATA AL 44° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

ines salazar quadraUna masterclass di canto lirico con Ines Salazar, celeberrimo soprano che ha iscritto il suo nome nella storia recente delle voci mondiali. Promossa da Opera in - Celle, in collaborazione con Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte, l'iniziativa per l'alta formazione è in programma a Celle sul Rigo, nel Comune di San Casciano dei Bagni (Siena), dal 20 al 27 luglio 2019. I partecipanti saranno protagonisti di due eventi lirici inseriti nel cartellone del 44° Cantiere Internazionale d'Arte: gli appuntamenti sono per giovedì 25 aprile proprio a San Casciano dei Bagni, in Piazza della Repubblica, e per venerdì 26 luglio in Piazza della Macina a Celle sul Rigo.

X MASTERCLASS INTERNAZIONALE DI CANTO LIRICO
Celle sul Rigo - San Casciano dei Bagni (Siena)

Docente Ines Salazar (soprano)
Maestro accompagnatore al pianoforte Andrea Bosso
Durata del corso: da sabato 20 a sabato 27 luglio 2019
Luogo di studio: Teatro dei Georgofili di San Casciano dei Bagni

I partecipanti dovranno inviare un breve curriculum e dichiarare quali brani intendono approfondire. Si cercano ruoli per “Cavalleria rusticana” di Mascagni, senza tuttavia che questo titolo sia vincolante. Tutti i partecipanti avranno l'opportunità di lezioni individuali.
A fine corso si terranno due eventi: giovedì 25 luglio in Piazza della Repubblica a San Casciano dei Bagni e venerdì 26 luglio in Piazza della Macina a Celle sul Rigo. Entrambi gli eventi si svolgeranno in due parti: la prima in forma di concerto, la seconda nella esecuzione didattica dell’Opera lirica “Cavalleria rusticana” di Pietro Mascagni. Oltre al perfezionamento del canto, la masterclass sarà dedicata anche alla recitazione e all’interpretazione del personaggio, pertanto gli allievi si avvarranno anche della partecipazione alla didattica del regista Giovanni Reali e del direttore musicale Davide Dellisanti, cui si aggiunge la corale di San Casciano dei Bagni diretta dal M° Alessio Chiuppesi.

INFO E ISCRIZIONI
Le iscrizioni sono aperte fino a lunedì 15 luglio 2019.
La quota di partecipazione è 500 euro + 50 euro di prenotazione da versare tramite bonifico bancario a:
Banco Posta Impresa (Opera in - Celle)
IBAN IT6W0760103200001014034175

Per le iscrizioni, contattare direttamente i seguenti riferiementi, in base alla lingua:
Giampiero Chiucini (italiano, francese)+39 3358433013 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Raffaele Federico (spagnolo, inglese, tedesco) Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Aida Manu (inglese, italiano, farsi) Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Saranno ammessi anche uditori con la quota di 30 euro al giorno.

Le iscrizioni termineranno all’esaurimento dei posti disponibili. Alla fine della masterclass sarà rilasciato un attestato di partecipazione, congiunto alla tessera dell’Associazione Opera in - Celle.

SOGGIORNO

Alloggio disponibile per tutto il periodo in casale con piscina a Celle: 200 euro ciascuno. Ogni partecipante potrà comunque provvedere autonomamente e liberamente al proprio soggiorno.

TRASPORTI
Auto
Celle sul Rigo è raggiungibile con mezzo proprio dall’autostrada A1, uscita a Chiusi per chi viene da Nord e a Fabro per chi viene da Sud.
Treno
La stazione di riferimento è Chiusi-Chianciano Terme. Da li si può fruire di autobus per Celle sul Rigo, di taxi o, in accordo con l’organizzazione, di un servizio transfer con automobile.

master sancasciano loghi

 

 

 

 

 

 

 

ASSEGNATI I PREMI DEL CONCORSO INTERNAZIONALE DI CANTO LIRICO GIULIO NERI A TORRITA DI SIENA

La finale del Concorso Internazionale di Canto Lirico Giulio Neri si è svolta a Torrita di Siena in un Teatro degli Oscuri gremito da un pubblico attento e caloroso. La giuria presieduta da Riccardo Zanellato e composta da Vincenzo De Vivo, Giovanni Oliva, Ernesto Palacio e Tiziana Tramonti ha decretato i vincitori dei premi previsti, al termine della finale in forma di concerto tenutasi domenica 14 aprile 2019.



- PRIMO PREMIO
Roman Lyulkin - basso (Ucraina)

- SECONDO PREMIO
Angela Jihee Kim - soprano (Corea del Sud)

- TERZO PREMIO
Jenisbek Piyazov - basso (Uzbekistan)

- PREMIO SPECIALE "GIULIO NERI" 
alla miglior voce di basso 
Jenisbek Piyazov - basso (Uzbekistan)

- PREMIO SPECIALE DEL PUBBLICO
ex-aequo Youngjun Park - baritono (Corea del Sud)
ex-aequo Davide Ryu - Tenore (Corea del Sud)

- PREMIO SPECIALE ROSSINI
alla miglior esecuzione di un'aria di Rossini
Andrei Maksimov - baritono (Russia)

- PREMIO SPECIALE GIOVANI TALENTI
al miglior concorrente under 25
Maria Rita Combattelli - soprano (Italia)

 


FINALE

concorso lirico neri

I cantanti ammessi alla finale dell'XI CONCORSO INTERNAZIONALE DI CANTO LIRICO GIULIO NERI sono stati definiti dalla commissione giudicante, a seguito delle audizioni svoltesi per la semifinale di sabato 13 aprile 2019. 

La finale si tiene al Teatro degli Oscuri, domenica 14 aprile ore 16.00

Prova / rehearsal ore 10.30

UMANI NOEMI
G. Donizetti, Sogno talor di correre 

XU CHUANQI
G. Rossini, Largo al factotum della città 

ZHU AOXUE
G. Donizetti, O mio Fernando 

COMBATTELLI MARIA RITA
G. Donizetti, Prendi per me sei libero

JIANG TANGBO
G. Verdi, Il lacerato spirito

KIM ANGELA JIHEE
G. Donizetti, Al dolce guidami

KIM JUNGHYUN
G. Verdi, Stride la vampa

LYULKIN ROMAN
W. A. Mozart, Madamina il catalogo è questo

MAKARYAN LUSINE
 J. Massenet, Je marche sur tous les chemins

MAKSIMOV ANDREI
G. Rossini, Come un'ape 

PARK YOUNGJUN
G. Verdi, Tregua é cogl'Unni... Dagl'immortali vertici... E' gettata la mia sorte 

PILIA ANZOR
G. Donizetti, Angelo casto e bel 

PIYAZOV JENISBEK
G. Verdi, Come dal ciel precipita 

RYU DAVIDE
G. Puccini, Nessun dorma 

SPADAFINO MARIKA
G. Puccini, Donde Lieta 

 

 


 
SEMIFINALE  

IMG 20190412 164914

 

Sono pubblicati i cantanti ammessi alla semifinale di sabato 13 aprile 2019 - ore 14.30, presso il Teatro degli Oscuri in Torrita di Siena. Ad ogni candidato è stata assegnata l'aria da presentare alla semifinale.

h. 10.00 am PROVE / REHEARSAL

h. 14.30 / 2.30 pm SEMIFINALE / SEMIFINAL

1) UMANI NOEMI
IN QUELLE TRINE MORBIDE

2) VILICHI ADINA
GRAZIE AI NUMI PARTI... NEL GRAVE TORMENTO

3) WANG YU LIANG
PROLOGO 

4) XU CHUANQI
VIEN, LEONORA, A PIEDI TUOI

5) ZHU AOXUE
SE ROMEO T’UCCISE UN FIGLIO

6) CAI XUEFEI
D'AMOR SULL'ALI DI ROSEE...TU VEDRAI CHE AMORE IN TERRA

7) CHOI SEUNG EON
AVANT DE QUITTER CES LIEUX

8) CHURSIN VLADISLAV
O LISBONA ALFIN TI MIRO

9) COMBATTELLI MARIA RITA
JE VEUX VIVRE

10) DE CAMPO ANDREA VITTORIO
SORGETE

11) GEORGIADOU FILLI
CARO NOME

12) GIULIO GIORGIA
QUEL GUARDO IL CAVALIERE... SO ANCH'IO LA VIRTÙ MAGICA

13) HAUTSALO JANNE
A TE L'ESTREMO ADDIO... IL LACERATO SPIRITO

14) HE JIANGCHEN
ECCO RIDENTE IN CIELO

15) HU GUANG
CHE GELIDA MANINA

16) IMPERATORE LUANA
AMOR CELESTE EBBREZZA

17) JIANG TANGBO
VECCHIA ZIMARRA

18) KIM SORY
SIGNORE ASCOLTA

19) KIM ANGELA JIHEE
DOVE SONO

20) KIM NAM HEE
CARO NOME

21) KIM JUNGHYUN
MON COEUR S‘OUVRE A TA VOIX

22) LEE MINHO
CRUDA FUNESTA SMANIA

23) LYULKIN ROMAN
MENTRE GONFIARSI L'ANIMA

24) MAKARYAN LUSINE
II TURCO IN ITALIA:NON SI DA FOLLIA MAGGIORE

25) MAKSIMOV ANDREI
COME UN APE

26) MARTINELLO ALESSANDRO
HO UN GRAN PESO...

27) PAOLETTI FRANCESCA
SE COME VOI-LE VILLI

28) PARK YOUNGJUN
ERA UGUALE LA VOCE?

29) PILIA ANZOR 
DE MIEI BOLLENTI SPIRITI

30) PIYAZOV JENISBEK
IL DI GIA CADE

31) RYU DAVIDE
MECO ALL'ALTAR DI VENERE

32) SAFONOVA YANA
SUOR ANGELICA PUCCINI

33) SPADAFINO MARIKA
COME IN QUEST'ORA BRUNA

34) SPORYSHEV VICTOR
UN IGNOTO TRE LUNE OR SARANNO

35) TELLO FEIJOO VERONICA
JE DIS QUE RIEN NE M’ÉPOUVANTE

LA BELLA E LA BESTIA, IL LIVE MUSICAL AL TEATRO POLIZIANO, 10 - 11 - 12 MAGGIO

bella_bestia_web.jpgBIGLIETTI ON LINE QUI  Il musical La bella e la bestia, firmato Filodrammatica di Sinalunga e nato dalla collaborazione con la Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte Montepulciano, arriva fuori abbonamento, al Teatro Poliziano. Venerdì 10 e sabato 11 maggio alle ore 21:15 e domenica 12 maggio alle 17:15, 46 elementi tra attori e danzatori, 45 musicisti e 35 coristi si esibiranno sul palco del Poliziano per far rivivere una storia senza età che da sempre fa sognare adulti e bambini.

In un castello incantato un giovane principe viziato e prepotente deve fare i conti con il suo passato. Trasformato in una ripugnante Bestia a causa della sua crudeltà, dovrà imparare ad amare e a farsi amare, prima che l’ultimo petalo della rosa magica cada, così da spezzare l’incantesimo. Liberamente tratto all'omonimo film d’animazione del 1991, nella versione filodrammatica la regia è firmata da Marco Mosconi, le musiche dal Maestro Alessio Tiezzi e le coreografie da Maria Stella Poggioni. Un lavoro in parallelo iniziato diversi mesi fa: da una parte il lavoro notevole e incessante degli attori e dei danzatori guidati dal regista Mosconi e della coreografa Poggioni, dall’altra un importante e meticoloso lavoro portato avanti dal Maestro Tiezzi con l’orchestra e la corale poliziana che ha curato la parte musicale dello spettacolo.


“La bella e la bestia è un lavoro che ha unito diverse realtà locali della Valdichiana facendo nascere delle sinergie artistiche belle e interessanti per il nostro territorio. Ci tengo molto a ringraziare tutte le persone che hanno contribuito alla realizzazione e alla messa in scena di questo spettacolo, in particolar modo il Maestro Tiezzi perché con lui per mesi abbiamo lavorato fianco a fianco e mettendo in piedi un bellissimo lavoro di squadra”, dichiara il regista Mosconi.

Nel musical niente è lasciato al caso. Anche i costumi, realizzati dal costumista Massimo Gottardi, e tutti gli oggetti di scena, come mobili e piccoli utensili di legno elaborati da Samuele Goti, sono stati curati nei minimi particolari ricercando la perfezione degli arredi originali nell’imponente castello in cui padrone è stato trasformato in una Bestia dal cuore tenere.

Il cast. Il personaggio della Bestia è interpretato da Luca Mosconi, Belle sarà Sara Anselmi, padre di Belle Brunero Terrosi, Fabio Panfi sarà il fornaio, il libraio Francesco Bartolini, Gaston Gabriele Paolucci, Letont Marco Checcarelli, Lumiere Roberta Faggi, Tockins Giacomo Graziani, Mrs Bric Rebecca Papa, Chicco Guido Terrosi, Spolverina Ilaria Dragoni, il Guardaroba Federica Goti, lo Speccio Benedetta Checcarelli, la Strega a narratrice Vanessa Marcocci, il cuoco Fabio Terrosi, il direttore del manicomio Carlo Stefanucci, le tre Gemelle Federica Terrosi, Samantha Giorni, Sharon Vannuzzi, infine gli uomini e le donne del villaggio sono Fortunata Tulisi, Francesca Panzarella, Rosaria Giuliano, Paola Aretini, Giovanna Benocci, Michela Rossi, Monica Marziali, Valentina Mariottini, Samuele Goti, Marco Biancucci, Giacomo Paolucci, Ivan Colombo, Barbara Rosati. Con loro anche le ballerine Caterina Graziani, Roberta Rosellino, Giovanna Manganiello, Elena Marras, Beatrice Marras, Lucrezia Massai, Andreana Lanzara, Bianca Boncompagni e Teresa Graziani.

Appuntamento dunque al Teatro Poliziano di Montepulciano il 10, 11 e 12 maggio per scoprire se l’amore, tra Belle e la Bestia, riuscirà a sbocciare prima che l’ultimo petalo della rosa incantata appassisca.




LA BELLA E LA BESTIA
Filodrammatica di Sinalunga
Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte
Orchestra Poliziana | Corale Poliziana
direttore Alessio Tiezzi
coreografia Maria Stella Poggioni
regia Marco Mosconi

BIGLIETTERIA
Settore 1 (platea e palchi centrali): 12 euro intero - 8 euro ridotto (fino a 11 anni)
Settore 2 (palchi laterali e IV ordine): 8 euro unico

BIGLIETTI ON LINE QUI 

INFO E PRENOTAZIONI: Tel. 0578 757089 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


MICHELE PLACIDO, ANNA BONAIUTO E I "PICCOLI CRIMINI CONIUGALI" AL TEATRO POLIZIANO

[BIGLIETTI ONLINE QUI] Due tra i più grandi protagonisti del teatro italiano, Michele Placido e Anna Bonaiuto, saranno sulla ribalta del Teatro Poliziano, venerdì 15 febbraio 2019, ore 21.15. "Piccoli crimini coniugali" è uno spettacolo che si muove sull’altalena del matrimonio, tra impercettibili slittamenti del cuore e tradimenti conclamati, dove si consuma la vita dei due protagonisti. Un sottile, brillante gioco al massacro a due voci inventato dal drammaturgo più amato d’oltralpe.

Gilles e Lisa, una coppia come tante. Da ormai quindici anni si trovano a vivere un, apparentemente, tranquillo ménage familiare. Lui, scrittore di gialli, in realtà non è un grande fautore della vita a due, convinto che si tratti di un’associazione a delinquere finalizzata alla distruzione del compagno/a. Lei, moglie fedele, è invece molto innamorata e timorosa di perdere il marito, magari sedotto da una donna più giovane.

Un piccolo incidente domestico, in cui Gilles, pur mantenendo intatte le proprie facoltà intellettuali, perde completamente la memoria, diventa la causa scatenante di un sottile e distruttivo gioco al massacro. I tentativi di Lisa di aiutare il compagno a riappropriarsi della sua identità e del loro vissuto comune diventano un percorso bizzarro e doloroso verso la scoperta che anche la coppia più affiatata non è che, in fondo, una coppia di estranei. Il testo di Schmitt è un veloce e dinamico confronto verbale tra i due protagonisti, un susseguirsi di battute, ora amorevoli ora feroci, ora ironiche ora taglienti, uno scontro che si genera dove una grande passione inespressa cerca un modo per sfogarsi all’interno delle vita di coppia.


PICCOLI CRIMINI CONIUGALI
di Eric-Emmanuel Schmitt
con Michele Placido e Anna Bonaiuto
regia Michele Placido

Goldenart Production

>> BIGLIETTI <<
Settore 1 (platea e palchi centrali): 18 euro
Settore 2 (palchi laterali e 4° ordine): 14 euro
Promozione giovani under 25: 10 euro

INFO E PRENOTAZIONI
Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte
T. 0578 757089 | 757007

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CALCINCULO, LO SPETTACOLO MUSICALE E VISIONARIO DI BABILONIA TEATRI AL POLIZIANO

[Biglietti on-line] Calcinculo è il nuovo progetto di Babilonia Teatri, compagnia tra le più innovative del panorama italiano, insignita nel 2016 del Leone d'Argento alla Biennale di Venezia. Venerdì 25 gennaio, alle 21.15, il Teatro Poliziano ospita uno spettacolo dove le parole prendono la forma della musica e la musica prende la forma delle parole. Nella performance, scritta e interpretata da Enrico Castellani e Valeria Raimondi, musica e teatro si contaminano e dialogano in modo incessante e vertiginoso, grazie anche alla partecipazione straordinaria della Corale Poliziana.

"Viviamo un tempo ossessivo - scandiscono gli autori - che le parole e le immagini non riescono più a raccontare da sole, la musica arriva in soccorso come una medicina e o una miccia esplosiva. Cantiamo sulle macerie. Mettiamo il pannolone per non dover interrompere partite planetarie contro avversari lontani mille miglia da noi che un satellite elegge a nostri amici ed avversari. Accudiamo bambole iperrealiste che non piangono e di notte non si svegliano, ma che hanno le fattezze di bambini veri. Abbiamo smesso di andare a votare, ma chiediamo che i diritti e i doveri dei nostri cani, gatti, canarini e tartarughe e criceti e conigli e porcellini d'india e pesci rossi siano sanciti dalla legge e che il tribunale si occupi della loro dignità e del rispetto nei loro confronti. Abbiamo deciso che è arcaico esprimere un'opinione all'interno di una collettività negli ambiti che ci competono, ma commentiamo qualunque notizia schermati da uno schermo."


Calcinculo è uno spettacolo che vuole fotografare il nostro oggi, le sue perversioni e le sue fughe da se stesso, la sua incapacità di immaginare un futuro, di sognarlo, di tendere verso un ideale, di credere. Colcinculo porta sulla scena le contraddizioni di un mondo attuale in cui realtà e finzione si sovrappongono: spesso non è chiaro dove finisca la vita reale e dove inizi la sua rappresentazione e viceversa.


Calcinculo

di e con Enrico Castellani e Valeria Raimondi
Babilonia Teatri
e con la partecipazione straordinaria della Corale Poliziana
musiche Lorenzo Scuda




>> BIGLIETTI <<
Settore 1 (platea e palchi centrali): 18 euro
Settore 2 (palchi laterali e 4° ordine): 14 euro
Promozione giovani under 25: 10 euro

INFO E PRENOTAZIONI
Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte
T. 0578 757089 | 757007

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


IL CONCERTO DI NATALE PREMIA IL DIRITTO ALLA MUSICA CON MARIO CASSI. DOMENICA 23 DICEMBRE ALLA CHIESA DEL GESÙ CON ORCHESTRA POLIZIANA E CORALE POLIZIANA


[INGRESSO LIBERO] Una celebrità internazionale dell’opera lirica
arricchisce quest’anno il tradizionale Concerto di Natale, promosso a Montepulciano da Associazione Amici dell'Istituto di Musica. Domenica 23 dicembre infatti, alle ore 16.30, presso la Chiesa del Ss. Nome di Gesù, sarà il baritono Mario Cassi l’ospite d’onore che impreziosisce l’appuntamento concertistico. Al cantante aretino, sempre più affermato nel mondo, sarà assegnato infatti il premio Diritto alla Musica, istituito quest’anno dalla Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte per celebrare la Festa della Toscana 2018. Il riconoscimento è riservato a musicisti toscani che abbiano espresso valori civici attraverso la propria arte: Mario Cassi, che offrirà una sua esibizione, ottiene tale la gratificazione per aver manifestato con l’opera e l’abnegazione il significato universale del linguaggio musicale.

L’evento sinfonico si articolerà poi su programma ricercato, affidato a Orchestra Poliziana e Corale Poliziana. La proposta musicale si muove sulle atmosfere novecentesche della “St. Paul suite” scritta con intento didattico da un autore eclettico quale Gustav Holst. Sarà poi presentato un brano contemporaneo del compositore giapponese Takashi Yoshimatsu, ispirato al fenomeno della nevicata: in questo pezzo si distinguono i ruoli solisti di Paolo Vaccari (flauto), Catherine Bruni (violoncello) e Elisa Frandi (arpa). Per richiamare l’estetica barocca che caratterizza la Chiesa del Gesù, sarà invece eseguito il popolare Hallelujah di Händel. Il clima delle festività natalizie sarà inoltre illuminato dai canti tradizionali. La direzione è assegnata ad Alessio Tiezzi, coadiuvato dal maestro del coro Judy Diodato.

A completare l’ampia compagine musicale, interverranno anche Coro di Voci Bianche, Orchestra Junior e allievi dell’Istituto Comprensivo Iris Origo, sotto la direzione di Chiara Giorgi: tali inserimenti consentono ai musicisti più piccoli, coordinati dall’Istituto di Musica Henze, di maturare una reale esperienza concertistica, condividendo la ribalta con artisti professionisti. Il Concerto di Natale è allestito grazie alla collaborazione della Parrocchia del SS. Nome di Gesù.

Mario CassiL’autentica stella della giornata è appunto il baritono Mario Cassi che, commentando l’attribuzione del premio Diritto alla musica, evidenzia la sua sensibilità per le questioni sociali: “Mai come in questo momento della storia, in cui spinte centrifughe e individualiste portano gli uomini a lottare tra li loro per il predominio, piuttosto che a stare uniti per crescere insieme, credo che la musica e soprattutto l’opera lirica possano essere esempio di una comunità che vive in armonia, nel rispetto e nel dialogo. E mai come in questo momento gli artisti devono essere vicini alla gente, cercando di veicolare con la propria voce i valori fondanti della nostra civiltà, contro la barbarie che incombe. Perché, come diceva la grande soprano Beverly Sills, l’arte è la firma della civiltà.”




 

VALENTINA LODOVINI IN TUTTA CASA, LETTO E CHIESA DI DARIO FO E FRANCA RAME IL 10 GENNAIO AL TEATRO POLIZIANO

[Biglietti on-line qui] Valentina Lodovini è protagonista al Teatro Poliziano con lo spettacolo di Dario Fo e Franca Rame "Tutta casa, letto e chiesa". Giovedì 10 gennaio, alle 21.15, va in scena a Montepulciano una pièce quanto mai attuale, cruda, ma esilarante sulla condizione femminile, in particolare sulle servitù sessuali della donna. Si ride, e molto, ma alla fine resta addosso una grande amarezza. Il primo debutto è stato a Milano, alla Palazzina Liberty, nel 1977, a sostegno delle lotte femministe. Il testo è tuttora allestito in oltre trenta paesi: la condizione della donna, purtroppo, è simile ovunque. Il protagonista assoluto di questo spettacolo sulla donna è l’uomo. O meglio, il sesso maschile. Non in carne e ossa, ma è sempre presente, enorme, incombente.

Lodovini, volto noto del cinema e della tv, interpreta con toni satirici quattro diversi personaggi femminili. Nel primo brano, Una donna sola, troviamo una casalinga, la casalinga per antonomasia, che ha tutto all’interno della sua famiglia, meno la cosa più importante: la considerazione, l’essere trattata come una persona, in individuo e rispettata in quanto tale, non solo usata come oggetto sessuale e come domestica senza stipendio né pensione.
Abbiamo tutte la stessa storia è invece la rappresentazione di un rapporto sessuale tra un maschio e una femmina (mimato, ovviamente): un rapporto dove la donna rimane subalterna all’uomo, come succede quasi sempre.
Il terzo brano Il risveglio s'incentra su un’operaia sfruttata tre volte: in casa come donna tuttofare, in fabbrica e a letto. L’epilogo è affidato ad una Alice nel paese senza meraviglie.

Tutta casa, letto e chiesa
di Dario Fo e Franca Rame

regia Sandro Mabellini
partitura fisica Silvia Perelli
musiche Maria Antonietta
costumi Massimo Cantini Parrini
disegno luci Alessnadro Barbieri
scene Chiara Amaltea Ciarelli
aiuto regia Rachele Minelli



>> BIGLIETTI <<
Settore 1 (platea e palchi centrali): 18 euro
Settore 2 (palchi laterali e 4° ordine): 14 euro
Promozione giovani under 25: 10 euro

INFO E PRENOTAZIONI
Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte
T. 0578 757089 | 757007

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

CRESCENDO ROSSINI, UN CONCERTO BRAVO BRAVISSIMO PER SANTA CECILIA AL TEATRO POLIZIANO

Crescendo Rossini è il concerto in programma al Teatro Poliziano sabato 24 novembre 2018, ore 21.15. L'Istituto di Musica Henze dedica quest'anno il consueto appuntamento di Santa Cecilia al tumultuoso compositore di Pesaro, nel 150° anniversario della sua scomparsa. Il tradizionale evento che rende omaggio alla patrona dei musicisti, si articola quindi sui trascinanti capolavori rossiniani. Le più diverse formazioni dell'Istituto di Musica Henze presentano esecuzioni ed interpretazioni creative e giocose delle pagine più celebri firmate da Rossini.

Da "Il barbiere di Siviglia" a "La gazza ladra", da "Guglielmo Tell" al "Tancredi", uno spettacolo bravo bravissimo che propone arrangiamenti effervescenti e inusuali. La Corale Poliziana esegue "Il carnevale di Venezia", mentre la Banda Poliziana ospita il solista Giulio Cuseri, impegnato al clarinetto. E ancora il Coro di Voci Bianche, l'Orchestra Junior affiancata dai piccoli allievi del progetto Orchestra in classe provenienti dalla scuola primaria di Montepulciano. Si alternano poi sulla ribalta l'Ensemble di flauti, l'Ensemble di chitarre, l'Ensemble di ottoni, l'Ensemble di clarinetti e il supergruppo pop-rock che scandisce una nuova atmosfera per i motivi rossiniani.



ORCHESTRA POLIZIANA DEBUTTA AL TEATRO DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO DAVANTI A ZUBIN MEHTA

L'Orchestra Poliziana ha debuttato al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, lunedì 22 ottobre 2018. Ad applaudire l’esibizione della compagine, formata dall’Istituto di Musica “H. W. Henze” di Montepulciano, c’erano mille spettatori, tra i quali il maestro Zubin Mehta, storico direttore d’orchestra dell’istituzione fiorentina e autentica autorità della musica mondiale che a fine concerto si è intrattenuto con i giovani strumentisti. Ad introdurre la serata sono stati il sovrintendente dell’ente lirico Cristiano Chiarot, la vicesindaca del Comune di Firenze Cristina Giachi e la promotrice dell'evento Giorgiana Corsini. Si è trattato infatti di un concerto benefico dedicato alla memoria di Filippo Corsini: il ricavato è destinato ai progetti di ricerca all'Associazione ABC che si occupa di bambini affetti dalla sindrome Cri du chat. L’avvenimento ha quindi unito l’impegno solidale e l'esecuzione artistica. Sul palco, ad arricchire l’organico, c’erano anche il Firenze Vocal Ensemble, il Coro dell'Accademia del Diletto e diversi elementi dell'Orchestra Instabile di Arezzo. La direzione è stata affidata al giovanissimo direttore scozzese Maximilian Fane.

Il programma musicale si è articolato attorno al repertorio di Mozart. La prima parte prevedeva il Concerto per violino e orchestra n. 3, con il ruolo di solista affidato alla violinista franco-cinese Laura Chan che ha rivelato una rimarchevole sensibilità interpretativa. A seguire è stata eseguita la solenne Messa di requiem in re minore, ultima composizione del genio di Salisburgo, che ha coinvolto oltre 120 musicisti, tra orchestra e coro; le voci soliste erano invece provenienti dal New Generation Festival, nell’ambito del quale sono stati individuati Anush Hovhannisyan (soprano), Beth Taylor (mezzosoprano), Robert Forrest (tenore), Arshak Kuzikyan (basso).

Alessio Tiezzi, direttore dell’Istituto di Musica H. W. Henze, sottolinea la rilevanza dell’evento: “L’ovazione convinta e prolungata di un pubblico così numeroso e qualificato, la presenza di personalità autorevoli della cultura e delle istituzioni, l’entusiasmo e la qualità della nostra Orchestra Poliziana rappresentano il valore del lavoro realizzato in questi anni dalla Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte; questi risultati sono buoni auspici per i traguardi che potremo ancora conseguire con la dedizione di noi tutti.”


TEATRO POLIZIANO: STAGIONE 2018-19. SPETTACOLI DA SCOPRIRE A MONTEPULCIANO

Il Teatro Poliziano è ormai l'epicentro sociale e culturale della stagione invernale. Il nuovo cartellone 2018-'19 si muove in equilibrio tra i titoli classici e le forme teatrali innovative, tra celebrità affermate e nuove generazioni artistiche. Ai momenti più spensierati e divertenti si alternano riflessioni profonde e suggestioni emotive, con una presenza vibrante della musica. Restano ancora invariate le quote per abbonamenti e biglietti: l'intento della Teatro Poliziano è infatti quello di incoraggiare la massima partecipazione popolare all'esperienza del teatro.


sabato 1 dicembre 2018
ore 21.15
LA LOCANDIERA
di Carlo Goldoni
Amanda Sandrelli
regia Paolo Valerio, Francesco Niccolini

SANDRELLI blu2 copia.jpgGoldoni non lascia scampo a dubbi. Se La Locandiera giustamente viene considerato un autentico capolavoro del teatro di tutti i tempi, non è certo perché la sua protagonista è la paladina del brio e dell’effervescenza. Tutt’altro. È una donna feroce, orfana, abituata a comandare, a difendersi e a lottare. Nel feroce mondo nuovo che Carlo Goldoni sa dipingere, la locandiera chiude tutte le porte, piega e stira panni, allontana il vero amore, sposa senza sentimenti il suo servo: resta l’indiscussa padrona della sua vita, ma scalza, la testa e il cuore svuotati. Si sposa cinicamente, con il commento più feroce che mai abbia accompagnato una brulla cerimonia: «Anche questa è fatta». E tutti vissero infelici e scontenti.

giovedì 10 gennaio 2019 ore 21.15
TUTTA CASA, LETTO E CHIESA

di Dario Fo e Franca Rame
Valentina Lodovini
regia Sandro Mabellini

LODOVINI_WEB_blu.jpgTutta casa, letto e chiesa è uno spettacolo sulla condizione femminile, in particolare sulle servitù sessuali della donna. Si ride, e molto, ma alla fine resta addosso una grande amarezza. Il testo è tuttora allestito in oltre trenta paesi: la condizione della donna, purtroppo, è simile ovunque. Il protagonista assoluto di questo spettacolo sulla donna è l’uomo. In scena Valentina Lodovini interpreta quattro diversi personaggi femminili: una casalinga che all’interno della famiglia ha tutto, al di fuori della considerazione; una donna subalterna all’uomo nell’atto sessuale; un’operaia sfruttata tre volte, in fabbrica, in casa e in camera da letto; e un’Alice nel paese senza meraviglie, protagonista del disincantato atto finale.

venerdì 25 gennaio 2019 ore 21.15 
CALCINCULO
di e con Enrico Castellani e Valeria Raimondi
Babilonia Teatri
e con la partecipazione straordinaria della Corale Poliziana
musiche Lorenzo Scuda
BABILONIA_WEB_blu.jpgCalcinculo
è il nuovo progetto della compagnia Babilonia Teatri, insignita nel 2016 del Leone d’Argento alla Biennale di Venezia. Calcinculo è un performance dove le parole prendono la forma della musica. In questi tempi ossessivi, le parole e le immagini non riescono più a raccontare da sole, così la musica arriva in soccorso. Cantami o diva dell’ira di oggi. Mangiamo fast, lavoriamo fast, viviamo fast, ma sogniamo un’isola felice che sia slow. Ci sembra arcaico esprimere un’opinione all’interno di una collettività, ma commentiamo qualunque notizia schermati da uno schermo. Realtà e finzione si sovrappongono: spesso non è chiaro dove finisca la vita reale e dove inizi la sua rappresentazione e viceversa.

venerdì 15 febbraio 2019 ore 21.15
PICCOLI CRIMINI CONIUGALI

di Eric-Emmanuel Schmitt
Michele Placido Anna Bonaiuto

Sull’altalena del matrimonio fra impercettibili slittamenti del cuore e tradimenti conclamati si consuma una qualsiasi vita coniugale. Un sottile, brillante gioco al massacro a due voci inventato dal drammaturgo più amato d’oltralpe e interpretato da due tra i più grandi protagonisti del teatro italiano: Michele Placido e Anna Bonaiuto. Gilles, scrittore di romanzi gialli, perde completamente la memoria in un incidente domestico: si scatena così una dinamica distruttiva. Lisa, moglie fedele, vuole aiutare il compagno a riappropriarsi della sua identità e del loro vissuto comune, ma il suo tentativo diventa un percorso bizzarro e doloroso.


giovedì 14 marzo 2019 ore 21.15
IL RIGORE CHE NON C’ERA

Federico Buffa
con Marco Caronna, Jvonne Giò, Alessandro Nidi
regia di Marco Caronna
FedericoBuffa_WEB_blu2.jpg Federico Buffa, il più popolare storyteller italiano, riprende la sua avventura teatrale con le storie sportive che diventano affreschi storico, poetici, musicali. Il rigore che non c’era è la metafora, magari improvvisa, che ha cambiato la storia di una vita. Buffa passa da Sendero Luminoso a quella di George Best, da Leo Messi al Grande Torino. Sullo sfondo, un palazzo, due finestre dalle quali compare una sorta di angelo, custode e disincantato, interpretato da Jvonne Giò; in scena anche uno strampalato attore, e il pianista Alessandro Nidi. Storie che s'intrecciano tra loro, come quella di Bessie Smith e di Kubrick, punteggiate dalla musica che sottolinea e impreziosisce le parole di Federico Buffa.

mercoledì 27 marzo 2019 ore 21.15
IL CANTICO DEI CANTICI

Roberto Latini
(premio Ubu migior performer 2017)
musiche e suoni Gianluca Misiti
LATINI_WEB_blu.jpgRoberto Latini, premio Ubu come miglior attore 2017, è stimato tra i più innovativi fuoriclasse della nuova scena teatrale italiana. Il Cantico dei Cantici è uno dei testi più antichi di tutte le letterature. Pervaso di dolcezza e accudimento, di profumi e immaginazioni, è un inno alla bellezza. Latini non traduce qui alla lettera i versi (sebbene vi rimanga fedele), ma traduce invece le sensazioni. Dai microfoni di una stazione radiofonica, questo dandy straccione – occhiali scuri, parrucca, rossetto – declama i versi del testo biblico, con una gestualità fonica che rinvia esplicitamente alla lezione di Carmelo Bene. Latini, insomma, traduce nel proprio corpo-voce il turbamento di chi è attraversato dall’amore come sentimento totalizzante quanto illusorio.

 

___FUORI ABBONAMENTO___

venerdì 10 maggio 2019 ore 21.15
sabato 11 maggio 2019
ore 21.15
domenica 12 maggio 2019 ore
17.15
LA BELLA E LA BESTIA

Live musical

Filodrammatica di Sinalunga | Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte
Orchestra Poliziana | Corale Poliziana
direttore Alessio Tiezzi
coreografia Maria Stella Poggioni
regia Marco Mosconi

Arriva fuori abbonamento il musical La bella e la bestia, propiziato dalla collaborazione tra Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte Montepulciano e Filodrammatica di Sinalunga. Un cast poderoso con 40 attori e ballerini, 40 musicisti, 40 coristi esegue musiche dal vivo, tra numeri di magia e illusioni. La regia si ispira liberamente all'omonimo film d’animazione del 1991 e alla più recente pellicola del 2017. Le musiche originali sono di Alan Menken. È una favola incantevole che emoziona e diverte, uno spettacolo che conquista tutte le diverse generazioni e le differenti estrazioni culturali. Lo spettatore si chiede: “L’amore riuscirà a sbocciare prima che l’ultimo petalo della rosa incantata appassisca?” La risposta è: “Stia con noi!”

 


ABBONAMENTI 6 SPETTACOLI
LA LOCANDIERA | TUTTA CASA LETTO E CHIESA | CALCINCULO | PICCOLI CRIMINI CONIUGALI | IL RIGORE CHE NON C'ERA | IL CANTICO DEI CANTICI

Settore 1: 85,00 euro
Settore 2: 70,00 euro

+++Promozione giovani+++
(studenti fino a 25 anni) > Settore 2: 45,00 euro | ingresso singolo spettacolo: 10,00 euro

+++Promozione soci BANCA VALDICHIANA e soci COOP Centro Italia+++
Settore 1: 80,00 euro | Settore 2: 65,00 euro

Banca Valdichiana - Credito cooperativo Chiusi e Montepulciano e Coop Centritalia rinnovano la convenzione con la Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte per assicurare ai soci sconti e promozioni sugli abbonamenti. I prezzi degli abbonamenti rimangono tra i più accessibili in circolazione per il pubblico fedele. Per assicurarsi gli spettacoli del Teatro Poliziano, i nostri abbonati possono confermare il loro posto, facendo valere il loro diritto di prelazione entro il 5 novembre 2018.

INGRESSO SINGOLI SPETTACOLI
LA LOCANDIERA | TUTTA CASA LETTO E CHIESA | CALCINCULO | PICCOLI CRIMINI CONIUGALI | IL RIGORE CHE NON C'ERA | IL CANTICO DEI CANTICI
Settore 1: 18,00 euro
Settore 2: 14,00 euro


 
Informazoni e prenotazioni
Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte

tel. 0578 757089 - 0578 757007
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  PIANTA TEATRO mail

 

 

 

 

SIAMO STORIE, COMMEDIA MUSICALE SULL'AFFIDO DEI BAMBINI VENERDI 19 OTTOBRE AL TEATRO POLIZIANO

Venerdì 19 ottobre, al Teatro Poliziano, va in scena il nuovo progetto teatrale della compagnia Tutti e Nessuno. Una storia inedita, con musica, band live, ballerini, cantanti. Dopo un lavoro di confronto con i Centri Famiglia e Centri Affido, con gli operatori sociali dei vari territori e grazie al finanziamento della Regione Toscana, all'organizzazione della Fondazione Territori Sociali Altavaldelsa e della Società della Salute Amiata Senese e Valdorcia - Valdichiana Senese è stata condivisa l'idea di inscenare un lavoro che avesse al centro il tema dell'Affidamento familiare con il duplice obiettivo di promuovere direttamente e indirettamente il prezioso e sempre più necessario strumento dell'affido.

È stata scelta la storia di un adolescente come tanti che crediamo possa rispondere all'obiettivo prefissato; l'occasione di mostrare il lavoro degli assistenti sociali provando umilmente, non tanto a demolire il fastidioso stereotipo di quello che "toglie i bambini", ma di aggiungere a questo un paio di interrogativi: 'toglierli a chi?" e "per metterli dove?".
Abbiamo volutamente scelto una storia familiare che rappresentasse quel limbo, talvolta frustrante, altre più chiaro, tra bianco e nero e colori in cui si muovono gli operatori sociali, dove le scelte non sono così facili e immediate, dove da soli non si va da nessuna parte e dove la rete, il dialogo, l'apporto di molti altri attori, faticosamente coinvolti, rappresentano, talvolta, l'unica possibilità di essere efficaci.

Tentare di mostrare questo lavoro (quello sociale), così complesso e appassionante, al quale vorremmo riconsegnare non solo la sua dignità ma anche il coraggio di scelte difficili per il bene dei minori, l'unico vero futuro della società. E se intorno hai tante persone e operatori che condividono con te questo cammino allora la scelta non sembrerà più così tanto infausta o incomprensibile a chi diceva fino a poco fa “voi siete quelli che tolgono i bambini”.
Farlo in musica e renderlo accessibile a tutti è stata una scommessa che speriamo di riuscire a mantenere.

TRAMA
"Siamo Storie" è il titolo di questa nuova commedia musicale in due atti di Emiliano D'Ambrosio. La canzone omonima è il tentativo di un genitore di spiegare a un figlio/compagno che la vita è un'avventura da vivere e che c'è una possibilità di scegliere se essere "tetto o foresta coi tuoi rami" e cambiare il corso di una vita... perché "siamo storie in bianco e nero no colori. Storie, sono quelle scritte in un grande libro, la scenografia disegnata da Marco Gandolfi volutamente artigianale (grazie all'opera di Gaetano D'Ambrosio); le pagine si aprono ad ogni cambio di scena a destra e sinistra, tra interni ed esterni, quasi costringendo lo spettatore a seguire come una partita di tennis quel che avviene sul palco.
Storie diverse quelle dei protagonisti che ruotano attorno alla vita dell'adolescente Matteo (Antonio Cordone talentuoso giovane attore), cresciuto con un padre maltrattante, assente anche sul palco e una madre fragile (Tenia Vallerani, eccezionale in questo ruolo) incapace di mettere al primo posto i figli anziché il rapporto patologico con un uomo molto simile ai tanti che il servizio Sociale incontra nel suo lavoro. E poi c'è Iris, sorella minore, spettatrice apparente delle vicende familiari.

Chiara, l'assistente sociale (Elena Persichino, prima voce unica di questa compagnia e bravissima in questa parte), rappresenta un mondo, certamente stressante e carico di emotività, fatto di équipe e, prima ancora, di un gruppo di amici/colleghi (Marco in particolare) che possano supportarsi a vicenda nelle diverse e complesse vicende familiari. Diventare il bersaglio di tutti (espresso nella incalzante e coinvolgente "Help') o il centro di un prezioso lavoro di rete (la scuola, gli amici, l'operatore di strada, la psicologia...) e di dialogo (la canzone che accompagna il cambiamento di queste storie). In mezzo il richiamo facile del gruppo dei "devianti" che altro non sono che i figli, come Matteo, non visti, lasciati soli, aggregati, forti nel gruppo, tra il rap e i murales, uno stereotipo che, purtroppo, ancora oggi a distanza di decenni, torna ad essere di nuovo a con più facilità la realtà di molti ragazzi, tra spaccio e modelli prorompenti. Una storia volutamente realistica, non estrema, facilmente rintracciabile nel nostro quotidiano tra la necessità di intervenire e quella di trovare il momento giusto e le persone giuste perché l'intervento funzioni... Ed ecco Alma, l'affidataria, capace di non cedere alla provocazione e accogliere, di permettere non solo a Matteo, affidato part-time in casa sua, ma a tutta la sua famiglia, indirettamente, di potersi concedere un tempo per ricostruire un dialogo e cambiare il futuro. Non possono mancare i momenti comici caricaturando manie, culture, arroganze, semplicità, fragilità, umanità a colorare la tela di un disegno straordinario quando questo lavoro funziona!

La musica e i testi dell'autore sono stati affidati all'arrangiamento di una grande band dal vivo, impreziosita dalla batteria di Andrea Dilillo che, con gli altri, accetta la sfida di suonare e cantare dal vivo e il rischio più genuino di probabili intoppi piuttosto che arrendersi all'uso di basi registrate in studio. Gli attori - o, per meglio dire, questo magnifico gruppo di persone — hanno affrontato con coraggio lo sforzo di uscire dal dilettantismo pieno di entusiasmo e spavalderia per calarsi pian piano in un vero e proprio spettacolo teatrale che poggia il peso sulle loro forti spalle, capaci di traghettare i propri personaggi, meno improbabili di come esistono nella realtà, fino alla fine di questa storia.

NEL SEGNO DI ZERI 2018, CONVERSAZIONI SULLA TUTELA E LA STORIA DELL'ARTE A MONTEPULCIANO

Tullio Pericoli, illustrazione Zeri

La città di Montepulciano ricorda il grande storico dell’arte Federico Zeri nel ventesimo anniversario della sua scomparsa, con tre giornate di incontri dedicati al suo lavoro scientifico e al suo impegno per la tutela del patrimonio culturale.
Ne sono promotori la Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte, il Comune di Montepulciano, il Museo Civico - Pinacoteca Crociani, la Fondazione Musei Senesi e la Fondazione Federico Zeri dell’Università di Bologna.

Gli incontri, che saranno accompagnati da proiezioni, si terranno dal 5 al 7 ottobre 2018 nel Teatro Poliziano di Montepulciano, a cura di Nino Criscenti e Roberto Longi.

Venerdì 5 ottobre si partirà con una conversazione di Tomaso Montanari sul rapporto degli storici dell’arte del Novecento con i problemi della tutela e in particolare sull’impegno di Zeri in difesa del patrimonio storico-artistico. Alla “tutela dell’anima” dedicherà il suo intervento il poeta e scrittore Franco Marcoaldi. In chiusura un dialogo attorno alla musica dipinta, alle immagini del sentire, tra Montanari e lo storico della musica, Sandro Cappelletto, con la partecipazione di quattro musicisti che eseguiranno brani di musiche coeve ai dipinti.

Sabato 6 ottobre gli incontri si apriranno con Andrea Bacchi, direttore della Fondazione Zeri dell’Ateneo bolognese dove si conserva la biblioteca e la celebre fototeca zeriana, che ricorderà il metodo di lavoro del grande studioso. Alessandro Angelini, dell’Università di Siena, passerà in rassegna il vasto lavoro di Zeri sulla pittura senese. In chiusura Mauro Natale, dell’Università di Ginevra, terrà una conversazione sui maggiori scritti di Federico Zeri.

Domenica 7 ottobre sarà la volta di un ritratto a tutto campo di Zeri con Anna Ottani Cavina, che parlerà delle ricerche, dei viaggi, delle amicizie, delle letture del grande storico dell’arte. L’iniziativa si concluderà con la proiezione di una straordinaria testimonianza documentaristica, non a caso intitolata L’occhio: l’intervista a Zeri di Pierre Rosenberg, illustre storico dell’arte, già direttore del Museo del Louvre, girata nel 1993.


L'illustrazione di Tullio Pericoli è qui riprodotta per gentile concessione dell'artista

************************************

NEL SEGNO DI ZERI 2018
Conversazioni sulla tutela e la storia dell'arte
Montepulciano | Teatro Poliziano

VENERDI 5 OTTOBRE

10.00 RICORDI BOMBARDATI (San Quirico d’Orcia, Palazzo Chigi Zondadari)
Rai 3, 1 marzo 1993 (5’35”)

Saluti istituzionali
Roberto Longi, direttore del Museo Civico - Pinacoteca Crociani

10.30 Tomaso Montanari
"Meno male che c’è stato Napoleone"
L'indignazione di Federico Zeri per il patrimonio culturale italiano

11.30 NON SOLO ASSISI
Rai 2, 21 dicembre 1997 (35’)

Confronto con il pubblico


17.00 Franco Marcoaldi in dialogo con Tomaso Montanari
La tutela dell’anima

18.00 ARTE NEGATA
Rai 1, prima puntata, 24 giugno 1996 (30’)


Intervallo

19.00 ASCOLTARE UN DIPINTO 
Sandro Cappelletto e Tomaso Montanari
Giampiero Allegro (flauto dolce), Silvio Trotta (mandolino), Alessandro Bruni (chitarra), Anna-Rikka Santapukki (virginale)

SABATO 6 OTTOBRE

10.00 LAUREA HONORIS CAUSA A FEDERICO ZERI, Università di Bologna 1997 (16’)

11.00 Andrea Bacchi
Vent’anni dopo: dalla casa di Mentana alla Fondazione di Bologna

12.00 UNA VITA CON TANTI ZERI
Rai 1, 12 ottobre 1989 (1h 09’)


17.00 Alessandro Angelini
Federico Zeri e la pittura del primo Rinascimento a Siena

17.45 ZERI E IL SUO LAVORO DI “CONOSCITORE DI QUADRI”
Rai 2, Mixer, 5 giugno 1988 (7’10”)

18.00 Mauro Natale
La storia dell'arte di Federico Zeri

19.00 UN MONUMENTO A CHI?
Rai 2, Mixer, 8 maggio 1988 (5’)

FEDERICO ZERI: VIAGGIO INTORNO ALLA MIA CASA
Rai 1, prima puntata, 23 luglio 1987 (38’)

DOMENICA 7 OTTOBRE

10.30 FEDERICO ZERI: LA DIVINA COMMEDIA
Rai 3, 21 luglio 1988 (15’40”)

11.00 Anna Ottani Cavina
Federico Il Grande

12.00 L’OCCHIO. FEDERICO ZERI DIALOGA CON PIERRE ROSENBERG
Allemandi Vision, 1993 (52’)


 

ISTITUTO DI MUSICA "H. W. HENZE": ISCRIZIONI APERTE PER L'ANNO SCOLASTICO 2018/19

Sono aperte le iscrizioni per per l'anno scolastico 2018-19 dell’Istituto di Musica “Hans Werner Henze”. Con i suoi due secoli di storia e la sua vitalità, è un punto d’incontro sempre più attivo per chi vuole imparare a suonare uno strumento, in un ambiente sereno, creativo e dinamico, in un contesto adeguato alle esigenze dei ragazzi e delle famiglie. Montepulciano, con le sue sedi distaccate di Cetona e Sarteano, è ormai un centro d’eccellenza per tutto il territorio: sono infatti coinvolti nella didattica musicale oltre 1.000 allievi, tra corsi individuali, corsi collettivi e attività nelle scuole pubbliche e private.

I CORSI COLLETTIVI SONO GRATUITI per tutti gli iscritti! 

OPEN DAY // domenica 23 settembre 2018
Dalle 15.00 alle 19.00, a Montepulciano, in Via di Voltaia nel Corso 57 (ex Palazzo di Giustizia), l'Istituto di Musica H. W. Henze è aperto per farti provare ed ascoltare i diversi strumenti musicali. Gli insegnanti presentano i corsi e l'offerta didattica.

ISCRIZIONI
Per le iscrizioni, la segreteria dell'Istituto di Musica H. W. Henze è aperta
dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.30

> Via Fiorenzuola Vecchia, 5 - Montepulciano (Si)
> Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
> tel. 0578 758416 | cell. +39 347 7419459


Ecco tutti i dettagli sui corsi, le lezioni e le quote.


CORSI DI STRUMENTO


SEZIONE CLASSICA

Flauto, Flauto dolce, Oboe, Clarinetto, Sassofono, Corno, Tromba, Trombone, Chitarra, Pianoforte, Percussioni, Canto lirico, Violino, Viola, Violoncello, Contrabbasso, Organo, Fisarmonica, Armonia, Composizione, Arpa

SEZIONE MODERNA E JAZZ

Chitarra elettrica, Contrabbasso e Basso elettrico, Batteria, Pianoforte moderno e jazz, Canto moderno e jazz, Teoria e pratica jazz, Dj-producer e home recording

Corso di chiarina gratuito (in collaborazione con Magistrato delle Contrade)

CORSI COLLETTIVI GRATUITI 
TUTTI GLI ALUNNI ISCRITTI POSSONO FREQUENTARE GRATUITAMENTE TUTTI I CORSI DI TEORIA,
RITMICA E PERCEZIONE MUSICALE (TRP), CORO DI VOCI BIANCHE, ORCHESTRA JUNIOR, GIOVANI ARCHI POLIZIANI, ORCHESTRA POLIZIANA, BANDA POLIZIANA, BAND DI PERCUSSIONI, ENSEMBLE DI FIATI, ENSEMBLE DI CHITARRE, ARRANGIAMENTO E ANALISI DEL REPERTORIO MODERNO, MUSICA DA CAMERA, MUSICA D'INSIEME (sezione moderna), STORIA DELLA MUSICA

QUOTE

Quote annuali di iscrizione ed assicurazione:

   

Quota mensile di frequenza ai corsi:

 

Allievi

“under 26”

Allievi

“over 26”

             

Iscritti entro il 31 Gennaio:

€   50.00

 

Corso 1 ora settimanale

 

€ 90,00

€ 100,00

Iscritti dal 1 Febbraio:

€   30.00

 

Corso 1/2 ora settimanale

 

€ 45,00

€ 50,00

Noleggio strumento:

€   50.00

 

Corso 1 ora quindicinale

 

€ 45,00

€ 50,00


PROMOZIONI SPECIALI

FAMILY dal secondo membro dello stesso nucleo familiare si applica la quota mensile di € 80 per corsi di 1 ora e € 40 per corsi di ½ ora (sul corso col minor costo)
TWIN per gli allievi che frequentano due o più corsi si applica la quota mensile di € 80.00 per corsi di 1 ora ed € 40 per corsi di ½ ora (sul corso col minor costo)
ADVANCE a chi paga in un'unica soluzione entro il 31 ottobre 2018, sono riservate 4 lezioni gratuite (la promozione si applica solo alle iscrizioni da quattro ore mensili)


ISCRIZIONI E INFO

Tariffa d'iscrizione
50,00 euro (Cinquanta) con lo strumento di proprietà dell'alunno
100,00 euro (Cento) Corale Poliziana / 50 euro se già iscritti ad altri corsi
100,00 euro (Cento) con lo strumento di proprietà dell'Istituto di Musica
Validità iscrizioni / Per rendere valide le iscrizioni è necessario:
> versare la quota d'iscrizione
> prendere visione del regolamento (scarica qui .pdf)


Per informazioni e iscrizioni:
Fondazione Cantiere Internazionale d'Arte
Via Fiorenzuola Vecchia 5 - Montepulciano

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CONCERTO DI MARKUS BELLHEIM (GIOVEDÌ 26 LUGLIO) SPOSTATO ALL'AUDITORIUM FALCONE

Il concerto di Markus Bellheim (pianoforte), inizialmente previsto nel Cortile della Fortezza di Montepulciano per giovedì 26 luglio alle 21.30, è spostato causa maltempo all'Auditorium Giovanni Falcone, presso l'Ex Tribunale (via di Voltaia nel Corso, 57).


Virtuoso del pianoforte, Bellheim eseguirà le ventiquattro coppie di preludi e fughe del primo libro di “Das Wohltemperierte Klavier”, cioè “Il clavicembalo ben temperato” di Johann Sebastian Bach. Si tratta di composizioni che il geniale autore tedesco firmò tra il 1722 e il 1744 in tutte e 12 le tonalità per strumenti a tastiera e che Bellheim interpreterà al pianoforte. Titolare della cattedra di piano all'Hochschule für Musik und Theater di Monaco, Markus Bellheim unisce l'attività didattica come docente nei corsi di perfezionamento di numerose istituzioni della Germania e del mondo, alle esibizioni da solista, acclamato nel panorama internazionale.

CONVERSATION PIECES, IL TEATRO CONTEMPORANEO AL 43° CANTIERE

Dall'adattamento di Manfred e Cain di George Byron nasce Conversation Pieces, un atto unico scritto e diretto da Marco Filiberti, allestito in una nuova versione al Teatro Poliziano in occasione del 43° Cantiere Internazionale d'Arte, in coproduzione con Le Vie del Teatro in Terra di Siena e con le musiche elettroniche di Fabrizio Festa.
A distanza di due secoli la poetica di Byron si presenta attuale: se già nel 1816 il poeta aveva intravisto nell'imminente modernità il pericolo della perdita della sacralità dell'arte, a scapito di un innalzamento a mito della tecnologia.
Letta in chiave contemporanea, la storia di Caino e quella di Manfred si intrecciano e si sovrappongono nel superamento finale dei tormenti interiori che dominano l'individuo.
Al Teatro Poliziano venerdì 27 e sabato 28 luglio alle 21.30; domenica 29 alle 18.

IL GRAN MONDO DEL TEATRO SI MUOVE PER LE VIE DI QUATTRO LOCALITÀ

Il teatro di strada arriva al 43° Cantiere Internazionale d'Arte, parte da Montepulciano e prosegue per Castelmuzio, Cetona e San Casciano dei Bagni con un curioso allestimento di macchine teatrali ispirate alle figure di "Guernica" di Picasso, tra le quali gli attori di Theatre en Vol si muovono creando una performance di recitazione, danza e musica. Da un'idea della regista e drammaturga Maria Paola Cordella, la pièce rilegge e reinterpreta "Il gran teatro del mondo" di Pedro Calderon de la Barca, unendosi alle musiche originali di Dominga Giannone e coinvolgendo attori e danzatori locali. Il gran mondo del teatro è l'esito di un incontro creativo tra luoghi e persone.

Il racconto per immagini del 43° Cantiere Internazionale d'Arte nella gallery di Irene Trancossi. 

ESORDISCE TRA GLI APPLAUSI IL 43° CANTIERE INTERNAZIONALE D'ARTE

Si è finalmente alzato il sipario sul 43° Cantiere d'Arte, scoprendo il calendario di eventi che, in programma fino al 29 luglio, erano attesi con curiosità da un pubblico di critici e appassionati.
La tematica del viaggio è stato lo spunto di riflessione a cui ha invitato "Nelle scarpe di Giufà", lo spettacolo preparato dall'Accademia degli Arriaschianti, con la regia di Laura Fatini e le musiche originali della compositrice portoghese Sara Ross. Il Castello di Sarteano ha così accolto un percorso vissuto in prima persona dagli spettatori, che hanno camminato seguendo le indicazioni dei personaggi tra le cornici delle varie scene, sino al finale dove si è concentrato il messaggio drammaticamente attuale delle migrazioni.
L'appuntamento con l'opera ha sorpreso il pubblico del Teatro Poliziano con l'allestimento de "L'Impresario in angustie".
La regista Caterina Panti Liberovici ha rappresentato le negatività del mondo del teatro, rinnovando il copione con l'aggiunta di un altro personaggio, quello del regista, e citazioni di Pirandello, versi di Rostand e parole di Strehler.
Roland Boer ha diretto l'Orchestra Poliziana e il cast sul palco che si è mosso nei costumi realizzati da Alessandra Garanzini tra le scene curate da Sergio Mariotti.
Primi concerti anche in Piazza Grande, dove si è esibito in "Silence=Death" il gruppo di percussionisti Blow Up Percussion, e si è tenuto il concerto sinfonico della Cambridge University Orchestra diretta dalla canadese Naomi Woo.
Nomi illustri del mondo della lirica si sono riuniti a Montepulciano per la Petite Messe Solennelle, la composizione di musica sacra composta da Gioachino Rossini ed eseguita in occasione della celebrazione del 150° anno dalla scomparsa del compositore. Il soprano Paola Leggeri, il contralto Sara Mingardo, il tenore Aldo Caputo e il baritono José Fardilha hanno emozionato, insieme al Dortmund Kommerchor e alla Corale Poliziana, il folto pubblico riunito in San Biagio, la costruzione rinascimentale di cui nel 2018 ricorre il 500° anniversario.

Il racconto per immagini del 43° Cantiere Internazionale d'Arte nella gallery di Irene Trancossi. 

CONCERTI SINFONICI: impegnate la Cambridge University Orchestra e la RNCM Manchester

[BIGLIETTI ONLINE] Il primo dei tre concerti sinfonici previsti nella Piazza Grande di Montepulciano vede protagonista la Cambridge University Orchestra, diretta da Naomi Woo. Universalmente riconosciuta tra le più prestigiose istituzioni accademiche del mondo, l’università di Cambridge debutta al Cantiere Internazionale d’Arte con il suo organico orchestrale, proponendo un programma che alterna il repertorio rossiniano, un brano di Dvořák e un intenso finale con le pagine di Čajkovskij.

[BIGLIETTI ONLINE] L’orchestra del Royal Northern College of Music di Manchester, compagine residente al 43° Cantiere Internazionale d’Arte, affronta invece due eventi sinfonici diretti da Roland Böer, il primo dei quali vanta come ospite d’onore, solista al pianoforte, l’acclamata Mariangela Vacatello per il Concerto n.1 per pianoforte e orchestra di Chopin; a seguire il Concerto per orchestra di Béla Bartók.

Il Concerto di Chiusura è invece impaginato con La Valse di Maurice Ravel, la Sinfonia n. 40 di W. A. Mozart e la celeberrima Sinfonia n. 5 di Šostakovič

 

 

BACH+, un approfondimento pianistico con Mariangela Vacatello 14-21-28 luglio 2018

Il progetto Bach+ nasce con l’intento principale di dare l'opportunità di esibirsi a tanti  promettenti giovani pianisti dell’istituto di Musica "H.W. Henze" e di altre importanti istituzioni come il Liceo Musicale di Arezzo, il Conservatorio di Firenze e il Conservatorio di Terni. 
I concerti per due, tre e quattro pianoforti di J. S. Bach (BWV 1060-1065), suddivisi in tre serate, forniscono ai sedici pianisti coinvolti una preziosa possibilità di confronto e maturazione. 
Per la parte orchestrale si alterneranno gli Archi Poliziani, la RNCM Chamber Strings e il Montfort Quartett a cui si aggiungeranno altri professionisti in residenza al Cantiere e i migliori allievi dell’Istituto di Musica "H.W. Henze". 
Ciascuna serata prevede l’esecuzione di due concerti di Bach e un brano per orchestra d’archi e ulteriori solisti (prima italiana di Preludio e Fuga per chitarra e orchestra di Lorenzo Turchi Floris, un Intermezzo per oboe e archi di Finzi, la Simple Symphony di Britten e un omaggio a Britten di Pärt). 
Tutor artistici dei giovani artisti saranno pianisti di chiara fama con spiccata attitudine per la didattica come Mariangela VacatelloMarkus BellheimCristina CapanoAlessandro Tricomi e Alessio Tiezzi. Un progetto particolarmente significativo per il Cantiere che pone al centro della propria progettualità l’incontro tra giovani talenti e professionisti che con spirito di crescita reciproca creano eventi unici e di particolare rilievo artistico e didattico.



NELLE SCARPE DI GIUFÀ INAUGURA IL 43° CANTIERE A SARTEANO, GIOVEDÌ 12 LUGLIO ALLE 22.00

[BIGLIETTI ONLINE] Nelle scarpe di Giufà è lo spettacolo che inaugura il 43° Cantiere Internazionale d'Arte per la prima volta a Sarteano, giovedì 12 luglio, ore 22.00, a partire da Piazza XXIV Giugno per poi muoversi verso il Castello. La messinscena itinerante è in programma in nove repliche: 12, 13, 14, 15, 18, 19, 20, 21 e 22 luglio. Laura Fatini, collaboratrice di Guido Ceronetti, è autrice e regista di questo progetto di teatro musicale che unisce le storie popolari del personaggio e le questioni della migrazione. Le musiche di scena, commissionate alla compositrice portoghese Sara Ross, sono eseguite dall’Ensemble Giufà, costituito dall’incontro tra giovani elementi provenienti dal territorio della Valdichiana. In collaborazione con Glyndebourne (Regno Unito), Opera Circus (Regno Unito), A7M (Portogallo). I costumi sono elaborati dai giovani rifugiati che partecipano a CruneLabiniziativa di formazione e lavoro per migranti.
 
GIUFÀ SCAPPA O VIAGGIA?
Note di regia di Laura Fatini
Non saprei rispondere a questa domanda, come a molte di quelle che faccio nei miei testi: continuo a pensare che certe domande vadano fatte proprio perché non hanno un‘unica risposta. Essendo il viaggio interiore, prima ancora che esteriore, lo scappare è secondo me sempre un viaggio, all‘inizio. Scappo perché non accetto quello che ho intorno, e penso che altrove la vita sarà migliore, più accettabile: ma per scappare devo prima dislocarmi nella mia mente, sognare qualcosa di differente, nuovi paesaggi... presagire un cambiamento. Chi non ha capacità di immaginazione non può scappare, non ne capirebbe il motivo. Anche nelle condizioni più misere, penso ai migranti di oggi come agli Italiani di inizio secolo, la migrazione è speranza di una vita migliore. E come sperarlo senza capacità di immaginarla, questa vita? Non dico che lo si faccia a cuor leggero, anzi: lasciare il proprio Paese, la propria società è molto doloroso quando questo ci viene imposto dall‘esterno. Per questo la capacità di immaginarsi altrove e felici è l‘unico sostegno. Anche scappare dalla guerra per salvarsi la vita è immaginazione: secondo alcuni osservatori i bambini siriani nati in mezzo alla guerra non sarebbero capaci di immaginare una vita differente. Scapperebbero dunque? C‘è chi pensa di no. Naturalmente c‘è da considerare quanto questa immaginazione sia legata al ricordo di una vita felice in passato… Lavorando su Giufà, parto dalle sue storie (dall’immaginazione, quindi): piacciono a tutti, sono semplici e divertenti, e sono frutto di secoli di viaggi e confronti tra uomini. E quindi ammonisco chi con tanta leggerezza vorrebbe fermare questo flusso: “Attenti a fermare gli uomini. Si rischia di fermare anche le storie”
“Giufà scappa o viaggia?“ Lo spettacolo evidenzia il doppio carattere di Giufà (vecchiobambino, saggio-sciocchino) e non risolve la doppia motivazione del movimento. Rispondere, forse, sarebbe interrompere il viaggio.



NELLE SCARPE DI GIUFÀ
una storia di viaggi e racconti attraverso i confini

Nuova Accademia degli Arrischianti

Laura Fatini
drammaturgia e regia
Sara Ross Musiche originali

ENSEMBLE GIUFÀ
Nora Messeri, Luca Giani, Vittoria Tramonti
flauto
Filippo Morgantini
sassofono, Martina Da Frassini clarinetto, Tommaso Trabalzini percussioni
Vittoria Bianchini
ideazione costumi

Roberta Rapetti e CRUNE lab creazione costumi

Mattia Liberati e Matteo Marchesano
realizzazione scenografia e attrezzeria
Ella Squirrell
pittrice
Irina Maria Ganescu e Silvia De Bellis
grafica
Ludovico Cosner
assistente alla regia Anna Maria Meloni direzione scene
Antonella Stocchi e Agnese Crociani
trucco Moris Cinali logistica

Giufà Calogero Dimino
Nasreddine Andrea Storelli
Nourredine Francesco Pipparelli
Guha Giordano Tiberi
Khodja Pierangelo Margheriti
Farah Emma Del Grasso
Amina Laura Scovacricchi
Layla Pina Ruiu
Sultano Flavia del Buono
Cortigiani Giovanni Tramonti, Brunella Mosci, Alessandra Mazzetti
Ashti Giulia Peruzzi
Estêre Noemi Lo Bello
Yldyz Giulia Roghi
Viyan Silvia De Bellis
Pescatore Francesco Storelli
Povero Matteo Caruso
Macellaio Giacomo Testa
Maria Giulia Rossi
 



L'IMPRESARIO IN ANGUSTIE, L'OPERA LIRICA DEL 43° CANTIERE AL TEATRO POLIZIANO DAL 13 AL 15 LUGLIO

[BIGLIETTI ONLINE] L’opera lirica classica scelta per questa edizione è L'impresario in angustie di Domenico Cimarosa, un titolo raramente frequentato del repertorio settecentesco. Per questo nuovo allestimento originale, il Cantiere ha commissionato al musicologo Enrico Massa una revisione sul manoscritto originale per la rappresentazione del 1791 al Teatro Nuovo di Napoli: si tratta di un documento custodito nella biblioteca del Conservatorio di San Pietro a Majella. In questa farsa metateatrale, si mette in scena la realizzazione di un’opera lirica in condizioni di ristrettezze economiche. Un particolare focus riguarda il personaggio del soprano che vuole ossessivamente un’altra aria da cantare per rinsaldare il suo protagonismo. Ecco quindi una parodia dell’egocentrismo che diviene un problema esistenziale per il personaggio, in una dinamica che sembra riprodurre i quesiti fondanti di questa edizione del festival: chi sono io? Sono me stessa o il mio ruolo? Sono io o un’altra aria da cantare? Ci si chiede quindi se la questione attenga alla musica o all’ego. Parallelamente emerge la dicotomia tra la vita e la morte del teatro: l’impresario è costretto infatti a fuggire per carenza di risorse economiche.

Nel più autentico spirito cantieristico, la nuova produzione della farsa arricchisce le competenze dei giovani musicisti della locale Orchestra Poliziana e dei cantanti del Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze, sotto la guida del direttore Roland Böer e della regista Caterina Panti Liberovici, forti delle loro esperienze internazionali. La sinergia tra l’eccellenza accademica del Conservatorio e il radicamento dell’Istituto di Musica “H. W. Henze” di Montepulciano apre la fruizione a nuove fasce di pubblico, mentre la qualità artistica è garantita dalla professionalità della direzione e della regia.

 

L‘IMPRESARIO IN ANGUSTIE  È UNA STORIA TRISTE
Note di regia di Caterina Panti Liberovici

È una storia triste e miserabile per chi, come me, ha l'ambizione – ingenua, forse, e al contempo arrogante – di credere nel Teatro. Di chi il Teatro lo fa combattendo la battaglia quotidiana della qualità. Di chi applica al mestiere del Teatro la disciplina e l'onestà intellettuale. Di chi è disposto, nel Teatro, a cercarsi e perdersi e sempre sperare di ritrovarsi. Perché la storia de L'impresario in angustie ne racconta solo le miserie. C'è un impresario, appunto, che riunisce una compagnia di artisti, per allestire una nuova produzione. Oltre alle cantanti, ci sono un Maestro ed un Poeta che devono scrivere la musica e il testo dell'opera. Il Poeta ha un abbozzo del primo atto, forse addirittura anche già del secondo. Una volta riunito il gruppo, però, non riescono neanche a leggere il libretto. Le critiche, i pregiudizi, gli interessi personali, le gelosie reciproche, la scarsezza di denaro unitamente alla mancanza di idealità artistica, distruggono il gruppo prima ancora di iniziare. L'impresario, dopo aver subito l'umiliazione di minacce e consigli meschini, scappa. La compagnia si scioglie. Il tema del "Teatro nel Teatro" ha da sempre suscitato, nel mondo dell'opera e della prosa, il fascino dell'autocelebrazione. Nella stragrande maggioranza dei testi che appartengono a questa fecondissima tradizione letteraria, la meraviglia della commedia nella commedia si compie, regalando un lieto fine: per quanto complicato, disagevole e confusionario sia, il mondo del teatro si rinnova rappresentando sé stesso e la speranza che sia possibile il continuare a farlo. Ne L'impresario in angustie no. Eppure, paradossalmente, l'opera nella sua epoca riscuote un successo enorme: viene rappresentata in tutta Europa, tradotta in molte lingue, ma soprattutto abbondantemente rimaneggiata. Nella maggioranza dei casi, viene usata come struttura-contenitore, aggiunti numeri musicali, ampliata, trasformata. Quasi un desiderio unanime di raccontarci di più, di approfondire un aspetto drammaturgico (ante litteram) di un materiale narrativo così visceralmente autobiogralco. Inevitabilmente, però, ci fa sorgere il dubbio che quest'opera, così com'è scritta, non riesca a bastare a sé stessa: come si può celebrare, in teatro e col teatro, la disfatta del teatro stesso? Un argomento scomodo. Si potrebbe scegliere una direzione scorrevole, quella della burla in costume, l'eterna parodia, seguire il susso della storia per quella che è, dove noi, persone di teatro che la mettiamo in scena, ci descriviamo così, come simpatici cialtroni. E voi, che vi assistete, comodi in platea, potete riderne soddisfatti. Ma, no, non si può. O meglio: io non posso. La morale amara e spiazzante è la chiave di volta del processo drammaturgico. È il richiamo alla realtà di chi il teatro lo vive e lo fa ogni giorno ed ogni giorno lo vede morire un pochinoٕ, la realtà disillusa di chi continua comunque a credere in un teatro etico e poetico. Non ci sono dunque soluzioni, deus ex machina, un geniale ribaltamento di prospettiva, no. È solo il racconto dell'intrinseca scomodità di porsi delle domande. Noi, sul palco, e voi, in platea. Ad accompagnare la storia de L'impresario in angustie c'è la figura del Regista, un attoreٕ che crede, che cerca, di poterlo mettere in scena secondo una nuova visione, dove la Vita – movimento, interpretazione - possa prendere il posto dell'Opera d'arte – immobile nel suo tempo. Il Regista (che crede, che cerca) argomenta con passione le sue teorie, con la certezza di coinvolgere le figure che incontra in un teatro abbandonato e polveroso: sono i fantasmi di un mondo logoro, ricoperto dalla polvere del tempo, erosi dalla tradizione a cui, però, disperatamente si aggrappano. I fantasmi sono i personaggi dell'opera che, arroccati nei loro caratteri, divenuti ormai paranoie, non sono più in grado di immaginare un mondo, un modo nuovo e diverso. La battaglia del Regista è forse persa già in partenza, eppure la combatte con la passione di un Cyrano: "Voi che dite, non serve? Lo so, bella scoperta, perché battersi solo se la vittoria è certa? Più bello quando inutile, tra scocchi di scintille. Chi sono tutti quelli? Ma siete mille e mille! Ah, sì, vi riconosco, nemici miei in consessi, menzogna, codardia, doppiezza, compromesso, lo so che alla fine voi mi darete il matto, che importa, io mi batto, io mi batto, io mi batto!" . Il Regista perderà la sua direzione e le sue sicurezze, ma non la sua idealità. Per tenersela stretta, per credere e cercare ancora e altrove, deve abbandonare lo spettacolo a sé stesso. La storia de L'impresario in angustie non può che compiersi così com'è. Come nei secoli passati, anche oggi, quest'opera – che forse non basta a sé stessa, ma appunto continua a compiersi – subisce un ennesimo rimaneggiamento drammaturgico: la musica di Cimarosa si affianca alla prosa di Pirandello, al pensiero di Strehler, ai versi di Rostand e si frammenta tra le interruzioni della quotidianità di una prova di teatro. Con la presunzione del disincanto, così contraddittoriamente connesso invece all'idealità, e senza soluzioni. È una storia irrisolta che pone domande, che ci fa sentire scomodi e insoddisfatti, noi sul palco, voi sulle vostre poltrone di platea. È proprio da qui, dalla scomodità e dall'insoddisfazione, che lo spettacolo inizia e finisce. Con lo spiazzante controsenso di raccontare, in teatro e col teatro, la disfatta del teatro stesso.

 

L’IMPRESARIO IN ANGUSTIE

Caterina Panti Liberovici regia 
Sergio Mariotti scene
Alessandra Garanzini costumi
Emanuele Agliati luci 
Catharina von Bulow assistente alla regia
Gal Feffermann coreografia e danzatrice
Valentina Volpi assistente alle scene
Orchestra Poliziana
Roland Bӧer direttore

Produzione Cantiere in collaborazione con il Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze

Fiordispina (soprano ) Dioklea Hohxa
Merlina (mezzosoprano ) Silvia Alice Gianolla
Doralba (soprano ) Vittoria Licostini
Don Perizonio Fattappane (baritono ) Francesco Samuele Venuti
Don Crisobolo (basso Claudio Mugnaini
Gelindo Scagliozzi (tenore ) Claudio Zazzaro
Strabinio (basso ) Stefano Bernardini
Il regista (attore ) Cristian Maria Giammarini