KILPISJÄRVI SESSIONS

 

 

 

Collettivo 21

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

MONTEPULCIANO - Fortezza
MERCOLEDÌ 24 LUGLIO
Ore 21.30

 

INGRESSO € 10
ACQUISTA IL BIGLIETTO

Per tutti i biglietti acquistati in prevendita, la maggiorazione prevista è di 1,50 euro.

 
 

Lorenzo Di Marco flauto
Lorenzo Moretto sassofono
Eleonora Liuzzi violino
Alessandro Mazzacane violoncello
Daniele Nava pianoforte 
Giulia Pastorino chitarra elettrica
Luca Guidarini elettronica


Alessandro Perini
(1983) 

Geology. Borders

per ensemble ed elettronica
(prima esecuzione assoluta)

?Ornithology I. Chronicles of the Ground. 
       

?Botanics. Inside trees

(prima esecuzione assoluta)


Hydrology. Subterranea

Ornithology II. Stereophonics  
                        
Geology. Earth Data Collector


Epilogue

per chitarra elettrica ed elettronica
(prima esecuzione assoluta)

 
 
 

KILPISJÄRVI SESSIONS
Il ciclo "Kilpisjärvi Sessions", composto da sette brani, è nato alcuni anni dopo le tre settimane di residenza artistica organizzata nel 2018 dalla BIOART Society presso la stazione di ricerca biologica di Kilpisjärvi, nella Lapponia Finlandese. Durante la mia permanenza ho raccolto materiali video, fotografici e audio che hanno originato questi pezzi. Diverse esperienze di ascolto sono state catturate sul campo, utilizzando principalmente un registratore portatile e talvolta dei microfoni a contatto per rivelare vibrazioni e suoni interni alle superfici, normalmente inudibili. Ogni pezzo di "Kilpisjärvi Sessions" è basato, dunque, per quanto riguarda spettro e armonia, compatibilità timbrica o strutture ritmiche, su una registrazione specifica di una manifestazione sonora che ha avuto luogo nella stazione di ricerca biologica o nei suoi dintorni.

Kilpisjärvi è un luogo particolare, situato a qualche chilometro dal punto geografico dove Svezia, Norvegia e Finlandia convergono. Durante le mie esplorazioni sono giunto fino al confine con la Norvegia, dove ho attaccato un microfono a contatto a dei fili di ferro, utilizzati come recinzione per separare i territori ed evitare che le renne semi-addomesticate valichino i confini. Ho pizzicato queste linee di confine come se fossero strumenti a corda, registrandone la risonanza che poi è diventata un frammento reiterato per quella sorta di passacaglia che è il primo brano, "Geography. Borders".

I microfoni a contatto sono stati impiegati anche per registrare piccole interferenze e suoni elettronici provenienti da un dispositivo di rilevamento geologico (Earth Data PR6-24 Recorder) presente nella stazione di ricerca, poi moltiplicati e sovrapposti a diverse velocità per realizzare la traccia di "Geology. Earth data collector". Altri suoni sono stati catturati ponendo i microfoni a contatto sui tronchi di betulle mossi dal vento lungo il sentiero per il monte Saana, vicino alla stazione di ricerca ("Botanics. Inside trees"). Sul monte Saana, ho registrato le armonie generate dallo scorrere di un invisibile torrente sotterraneo sotto grandi massi, orientando il registratore verso diversi punti dove la risonanza dell'acqua cambiava in base allo spazio risonante circostante ("Hydrology. Subterranea").

Il ciclo di brani include anche registrazioni di uccelli, che sono state utilizzate in due pezzi distinti. Per uno di questi ("Ornithology II. Stereophonics") ho stampato in 3D quattro ocarine intonate su scale non temperate, e le ho incluse nella strumentazione insieme a un ottavino e a un flauto dolce. I sei musicisti sono suddivisi in due trii distinti, ciascuno dei quali segue tracce guida con metronomi differenti, ma entrambi ritmicamente compatibili con la registrazione originale. Questa suddivisione riflette un'esperienza che ho registrato in un'area aperta dove alcuni pivieri dorati emettevano i loro richiami in modo distintamente stereofonico, da due posizioni ben separate. Nell'altro pezzo basato su registrazioni di uccelli ("Ornithology I. Chronicles of the ground"), i suoni sono stati registrati nel giardino della stazione biologica di ricerca, dove degli organetti (Acanthis Flammea) si radunavano attorno a un distributore automatico di semi gestito dallo staff del centro di ricerca.

Il brano si chiude con un breve "Epilogue. Reindeers" che rielabora alcuni loop di chitarra elettrica ripresi da "Geology", ma ripassati su nastri analogici motorizzati e controllati in velocità e trasposizione da un microprocessore, giocando in maniera non lineare con la memoria dell'ascoltatore e facendo intuire bramiti e campanacci di renne in lontananza.

KILPISJÄRVI SESSIONS
The "Kilpisjärvi Sessions" cycle, composed of seven songs, was born a few years after the three-week artistic residency organized in 2018 by the BIOART Society at the biological research station of Kilpisjärvi, in Finnish Lapland. During my stay I collected video, photographic and audio materials that gave rise to these pieces. Several listening experiences were captured in the field, mainly using a portable recorder and sometimes contact microphones to reveal vibrations and sounds internal to surfaces, normally inaudible. Each piece of "Kilpisjärvi Sessions" is based, therefore, in terms of spectrum and harmony, timbral compatibility or rhythmic structures, on a specific recording of a sound manifestation that took place in or around the biological research station.

Kilpisjärvi is a particular place, located a few kilometers from the geographical point where Sweden, Norway and Finland converge. During my explorations I reached the border with Norway, where I attached a contact microphone to some iron wires, used as a fence to separate territories and prevent semi-domesticated reindeer from crossing the borders. I plucked these border lines as if they were string instruments, recording their resonance which then became a reiterated fragment for that sort of passacaglia that is the first piece, "Geography. Borders".

The contact microphones were also used to record small interferences and electronic sounds coming from a geological survey device (Earth Data PR6-24 Recorder) present in the research station, then multiplied and superimposed at different speeds to create the track of "Geology . Earth data collector".
Other sounds were captured by placing contact microphones on wind-blown birch trunks along the path to Mount Saana, near the research station ("Botanics. Inside trees"). On Mount Saana, I recorded the harmonies generated by the flow of an invisible underground stream under large boulders, directing the recorder towards different points where the resonance of the water changed based on the surrounding resonant space ("Hydrology. Subterranea").

The song cycle also includes recordings of birds, which were used in two separate pieces. For one of these (“Ornithology II. Stereophonics”) I 3D printed four ocarinas tuned to untempered scales, and included them in the instrumentation along with a piccolo and a recorder.
The six musicians are divided into two distinct trios, each of which follows guide tracks with different metronomes, but both rhythmically compatible with the original recording. This division reflects an experience I recorded in an open area where some golden plovers made their calls in a distinctly stereophonic way, from two well-separated positions.
In the other piece based on bird recordings ("Ornithology I. Chronicles of the ground"), the sounds were recorded in the garden of the biological research station, where little gophers (Acanthis Flammea) gathered around an automatic seed dispenser managed by the research center staff.

The piece ends with a short "Epilogue. Reindeers" which re-elaborates some electric guitar loops taken from "Geology", but replayed on motorized analog tapes and controlled in speed and transposition by a microprocessor, playing in a non-linear way with the memory of the listener and making us understand the roars and bells of reindeer in the distance.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

MARIANGELA VACATELLO Direzione Artistica

MARIANGELA VACATELLO Direzione Artistica

Direttrice artistica del Cantiere Internazionale d’Arte per il triennio 2024-2026. Musicista celebrata nel mondo per la sua carriera pianistica e al contempo stimata docente e didatta.

MICHELE GAMBA Direzione Musicale

MICHELE GAMBA Direzione Musicale

Personalità particolarmente rilevante della nuova generazione artistica, ha diretto dal Metropolitan di New York alla Scala di Milano, dal Covent Garden di Londra alla Staatoper di Berlino.