PROPIZIO SAPERE DOVE RECARSI

BAI Propizio 0497

Domenica 26 luglio -  Cortile di Palazzo Ricci
PROPIZIO SAPERE DOVE RECARSI
Tratto da un verso Zen
Formare una Compagnia
Carlo Pasquini drammaturgia e regia

 

Foto di Giacomo Bai/Studio Pichini

  

LEGGI LA RECENSIONE

 

QUI IL PROGRAMMA DI SALA

  

Carlo Pasquini Regista e drammaturgo. Nel ‘76 incontra a Montepulciano il compositore Henze. Nell’80 si diploma in Regia cinematografica al C.S.C.di Roma. Collabora con la rivista Frigidaire; mette in scena testi di Wedekind, Genet, Marivaux, Brecht, De Filippo, Nabokov, Foster Wallace, Plauto, Shakespeare, Goldoni, J.Fosse, Tabori e molti lavori per ragazzi scritti da lui stesso. Per la lirica regie come Histoire du soldat di Stravinskij; Il flauto magico di Mozart; Brundibar di H. Krasa e il dittico brechtiano musicato da K.Weill e H.Eisler Il consenziente e La linea di condotta. Nel 2003 ha scritto il libretto dell’opera di Glanert I tre indovinelli-Die drei Rätsel che ha avuto oltre cento rappresentazioni in Germania. Nel 2011 ha scritto e diretto Pinocchio Meneghino per il Piccolo Teatro Strehler di Milano. Nel 2015 ha firmato libretto e regia di Idroscalo Pasolini, musica di S. Taglietti, commissionato dal 40° Cantiere e edito da Rai.com.

Formare Una Compagnia Questa Compagnia di teatro nasce nel 2016 dopo l’appello di Carlo Pasquini ai suoi ex allievi del Laboratorio teatrale dei Licei Poliziani di proseguire insieme a fare teatro. L’obiettivo è quello di perfezionarsi come attori e come persone umane. Non c’è al momento nessuna ambizione di trasformarsi in attori professionisti a tutti gli effetti ma di preparare le basi per futuri progetti di respiro internazionale. Sono patrocinati dall’Accademia Renana di Palazzo Ricci ma ricevono solo donazioni private e senza alcun sovvenzionamento pubblico. La Compagnia riunisce più di venti attori tutti giovanissimi che in tre anni hanno messo in scena quattro produzioni: Sesso & Giardinaggio da Nigel Williams; Giulietta e Romeo come li immaginavo prima di leggerli da Shakespeare; Sogni di una notte d’estate da Mendelssohn-Bartholdy e Shakespeare e Mi sono innamorato, ho deciso di smettere di Pasquini.