Eleonora Contucci

eleonora-contucci

Canto lirico

 

Ancora bambina ha cantato nella prima assoluta dell’opera Pollicino di Henze allestita al Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano. Crescendo all’interno di questa realtà poliziana si è avvicinata a diversi generi artistici, dal teatro-danza alla recitazione al mimo, sotto la guida di personaggi come Marcel Marceau, prendendo parte a numerose produzioni del Cantiere, come la prima italiana di Cinderella di Maxwell Davies e la prima assoluta di La figlia del Mago di Ferrero.

Iniziato lo studio del canto lirico con Maria Vittoria Romano, si è diplomata al Conservatorio di Latina sotto la guida di Nicoletta Panni. Perfezionatasi con Anastasia Tomaczewska e Margaret Baker, ha frequentato numerose master-classes, fra cui quelle con Alfredo Kraus, Renata Scotto, Julia Hamari, Regina Resnik e quella con Hervé Niquet sulla vocalità barocca.


Svolge un’intensa attività lirica nei principali Teatri e in importanti Festival affiancando titoli celeberrimi (La Bohème, Gianni Schicchi e Madama Butterfly, Il flauto magico) a opere decisamente più inusuali (La fiaba dello Zar Saltan di Rimskij-Korsakov, Pepito di Offenbach, Wozzeck di Manfred Gurlitt in prima italiana, Le maschere di Mascagni, La clemenza di Tito di Caldara in prima moderna), o prime assolute, come Così fan (quasi) tutte di Carlo Pedini, a lavori che fondono il canto con la recitazione (Kabarett di Giuseppe Di Leva al Piccolo Regio di Torino, Fratelli d’Italia di Francesco Micheli alla Cavallerizza di Reggio Emilia, in cui recitava e cantava il ruolo di Leonora nel Trovatore, West Side Storyboard di Francesco Micheli). 

Negli ultimi anni ha cantato ne Le Nozze di Figaro diretta da Zubin Mehta a Firenze, Amadigi di Händel con Rinaldo Alessandrini al Teatro San Carlo di Napoli, a Roma e al Festival di Beaune, Parsifal e La Favorite di Donizetti al Carlo Felice di Genova, L’incoronazione di Poppea diretta da Rinaldo Alessandrini a Salamanca e al Festival di Beaune. Fra i suoi impegni più recenti, il ruolo di Donna Anna nel Don Giovanni mozartiano al Festival Operaincanto e per la Fondazione Cantiere di Montepulciano con la regia di Francesco Micheli, la prima assoluta dell’opera Robinson di Carlo Boccadoro al Festival Operaincanto e al Piccolo Regio di Torino, La Bohème al Tuscia Opera Festival di Viterbo, L’elisir d’amore (Giannetta) al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con la direzione di Bruno Campanella e Orfeo di Monteverdi al Teatro alla Scala di Milano con la direzione di Rinaldo Alessandrini e la regia di Bob Wilson.

Molto attiva anche in campo cameristico e concertistico sotto la guida di direttori come Ivor Bolton, Filippo Bressan, Massimo De Bernart, Markus Stenz e Jeffrey Tate, ha collaborato anche con gli ensembles “Concerto Italiano”, “Musica Rara”, “La Stagione Armonica” e “Sentieri Selvaggi” e nel 2001 ha preso parte alla diretta europea di Radio Tre per il centenario verdiano. Fra i suoi impegni di questi ultimi anni, il Gloria di Poulenc sotto la direzione di Marcello Panni, la Messa glagolitica di Janácek diretta da Jan Latham Koenig, la Messa K. 427 di Mozart alla Sagra Musicale Umbra, il Requiem di Mozart con l’Orchestra di Padova e del Veneto, una Liederabend con Malcolm Bilson al fortepiano, un concerto come solista dedicato al Barocco a Roma con Rinaldo Alessandrini e “Concerto Italiano” e i Liebeslieder e i Neue Liebeslieder di Brahms per i “Concerti al Quirinale” di Radio Tre Rai, al Festival di Brescia e Bergamo e per la stagione “Tempo d’orchestra” dell’Orchestra da camera di Mantova, la Nona Sinfonia di Beethoven diretta da Luigi Piovano a Lanciano e a L’Aquila. Di prossima pubblicazione per l’etichetta olandese Brilliant Classics un CD con i Lieder di Norbert Burgmüller e Hugo Staehle con Costantino Mastroprimiano al fortepiano.